Giulio Carlo Argan

Carlo Antonio Borghi

L’Argan. Bastava la parola per identificare il Manuale di Storia dell’Arte firmato dal Professore. Quattro volumi – editi da Sansoni, Firenze, 1968 Prima edizione – ad uso dei licei classici, ma anche dei corsi universitari. Comprare l’Argan-studiare l’Argan-prestare l’Argan-portare l’Argan. Messi uno sopra l’altro formavano una certa pila. Il Primo volume era libro di testo ufficiale per il primo anno di Liceo. L'ora di Storia dell’Arte contro l'ora di religione. Poi il Secondo volume e di seguito il Terzo fino al Neoclassicismo o giù di lì. Il quarto volume, quello più ponderoso, era adottato come testo base per il corso di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università. Argan uomo, storico e critico d’arte, docente e saggista, intellettuale organico quadro del PCI, era di sicuro un quadro astratto per via della sua preferenza per l’astrattismo di Vedova, Turcato, Consagra e parecchi altri anti-iconisti tutti comunisti. L’arte concettuale, l'arte povera e la body art performativa non entravano nel suo campo visivo ed estetico.

Giulio C. Argan quel 12 novembre 1992 lasciava una terra postmoderna in arte e in architettura. In quello stesso momento la prima repubblica andava in scadenza. Era l’estate di San Martino, stavo con amici in spiaggia a Cagliari. In Sardegna l'11 di novembre è ancora stagione di bagni. Quando la radio diede la notizia scrivemmo il nome di Argan sulla sabbia. Poi un paio di tuffi acrobatici. Tornati in riva la parola Argan non c’era già più cancellata dalla risacca. A casa, infilati nella libreria, emergevano in bell’ordine i suoi quattro volumi color verde bottiglia. Volumi molto usati, quasi scompaginati, sottolineati e commentati a penna e a matita. Volumi studiati con il piacere di farlo. Tanti studiavano l’Argan imparandolo a memoria, trovandolo di difficile comprensione per i suoi troppi intrecci e le sue implicazioni ideologiche e politico-sociali. Studiati e ripassati per l’esame di Arte Classica, poi Medievale, poi Moderna e infine Contemporanea.

Quello stesso stropicciatissimo IV volume avevo avuto il piacere e l’opportunità di esporlo e maneggiarlo al centro di un'installazione dedicata ai Nudi di Marcel Duchamp dipinti mentre scendevano le scale. La performance con il mitico IV volume consisteva nel cercare la riproduzione di quei nudi cubo-futuristi, conservati a Philadelphia, e che tanto scandalo avevano provocato a New York nel 1913 nell'Armory Show. Consisteva anche nel far risuonare tra le dita le 769 pagine del libro e nel lasciarlo poi cadere di piatto sul pavimento della galleria – Cagliari, 1980, Galleria Photo 13 – , e sì che rimbombava un bel po'. Era l'epoca d'oro delle Performing Arts che a Lui non dicevano un bel nulla. Quei quattro tomi sono sempre stati da me custoditi con cura bibliofila. Dentro le loro pagine son conservati foglietti amorosi, frasi marxiste-leniniste, numeri di telefono misteriosi. Giulio Carlo aveva rigirato il famoso titolo di Benjamin sulla perdita dell’aura in arte, in questo modo: “L’opera d’arte come prototipo delle sue possibili riproduzioni”. Le riproduzioni tecniche e molteplici non gli andavano a genio, come pure multipli e moltiplicazioni, compresa quella evangelica.

Metodo Argan 1: progettare per non essere progettati. Tutto un programma razionalista, laicista e illuminista. Metodo Argan 2: tutta la Storia dell’Arte è Storia del Presente. Il Museo difende gli oggetti, gli storici dell’arte difendono la città contemporanea. Contesti e oggetti come atti critici militanti. Palma Bucarelli e Argan erano in rapporto di sinergia artistica e sentimentale. Arganismo: cerco di essere chiaro, ma non facile. Parlava come un libro stampato. Aprire uno dei suoi manuali era come parlare con lui, a libro (e viso) aperto. Argan è lì, esposto in tutte le fotografie che ritraggono Palma come direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Il manuale oppositore dell’Argan era il Carli-Dell’Acqua, il più grigio e noioso della storia dell'arte.

Istruzioni per l’uso del futuro

Michele Dantini

Il patrimonio è «comunità» o «mercato»? Potremmo partire da questa domanda per introdurre l’ultimo libro di Tomaso Montanari che, se approfondisce le convinzioni più radicate dell’autore, accompagna sottili mutamenti di prospettiva e sperimenta inedite attitudini espositive.

La narrazione non è scandita da capitoli o paragrafi ma dalle voci di un «alfabeto civile» che va dalla A di «ambiente» alla Z di «zenit». Le tesi in primo luogo. Se assoggettato a norme di profitto, il patrimonio (inteso prioritariamente come un «intangibile», cioè come una risorsa immateriale) smarrisce i compiti educativi assegnati ad esso dalla Costituzione. Muore o decade. Al di là delle retoriche commerciali, «valorizzarlo» adeguatamente implica dunque riconoscerne la differenza dai beni di consumo. Significa studiarlo sino a rigenerarne la conoscenza, interrogarlo, divulgarlo.

La tutela del patrimonio è intimamente connessa a quella dell’ambiente: «natura» e «cultura» particolarmente in Italia, paese di antica antropizzazione, formano un’unità storico-antropologica che occorre preservare. Mobilitarsi in difesa di acqua, aria, boschi e suolo non è diverso, afferma Montanari, dal prendersi cura del singolo monumento, del piccolo museo territoriale, dell’area archeologica, delle «identità» comunitarie.

Infine. La conoscenza storico-artistica è requisito di cittadinanza. Dovrebbe essere incoraggiata ed estesa a tutti sin dai primi anni delle scuole, e considerata adempimento costituzionale, parte di una più generale politica delle pari opportunità. Sappiamo invece come l’insegnamento della storia dell’arte sia stato inesplicabilmente ridotto da recenti riforme e, in taluni casi, soppresso. Non solo. Le partnership pubblico-privato devono stabilirsi sul presupposto della bontà dei progetti. Selezionare attitudini e competenze. Produrre mobilità sociale. L’attuale mercato delle concessioni appare invece truccato da contiguità politico-partitiche e rapporti clientelari.

Ciò che più colpisce, in Istruzioni per l’uso del futuro, non sono le tesi, in buona parte note e esposte in circostanze recenti. Sono gli slittamenti che hanno luogo a due livelli, di forma e contenuto; e che risultano assai significativi. Una maggiore disponibilità al contemporaneo (pur se da ricondurre «nelle periferie») si accompagna al riconoscimento dell’importanza occupazionale delle politiche di tutela. Il libro prova ad avviare un discorso anche economico sul patrimonio riconoscendo che il dibattito è stato, sin qui, eccessivamente schematico e polarizzato.

È un riconoscimento importante. Nel desiderio di «sostituire la proposta alla pura denuncia», Montanari lancia brillanti idee e segnala alcune best practices. Perché non istituire una Scuola nazionale del patrimonio? O non trasformare le soprintendenze (e i musei pubblici, aggiungo) sul modello dei «policlinici», cioè istituzioni universitarie che svolgono ricerca applicata?

A mio avviso l’attuale ritrovata vivacità del discorso storico-artistico italiano è connessa a un’istanza di semplificazione linguistica portata a buon termine. Da più di un decennio i progetti di «cartolarizzazione» del patrimonio o le offensive neoliberiste contro le competenze storico-artistiche hanno obbligato (e obbligano tuttora) gli storici dell’arte a interrogarsi in modo semplice e diretto sull’utilità pubblica della propria attività; e a confrontarsi con l’interesse generale.

Istruzioni per l’uso del futuro corrisponde all’esigenza di rivolgersi a (e interessare) un più vasto pubblico: il modo in cui è scritto e concepito costituisce de facto una vivida contestazione dell’autoreferenzialità della storia dell’arte universitaria.

La saggistica attraversa difficoltà crescenti, certo non solo in Italia. Gli editori chiedono racconti: solo l’intrigo poliziesco o la saga familiare sembrano poter sopravvivere alla tempesta. Per uno storico dell’arte di formazione accademica si pone dunque la necessità di mantenere in vita la scrittura saggistica conferendole forme «altre» e (per così dire) avvolgendo in involucri narrativi il pensiero critico.

Già dall’accostante dispositivo retorico che lo sorregge, quello dell’«alfabeto civile», il libro si confronta con la spinosa congiuntura culturale, e lo fa bene. Eccettuate sporadiche iperboli o sbrigative riduzioni polemiche, rispetta la delicatezza dell’argomento mentre gioca la carta (strategica) della brevità divulgativa.

Tomaso Montanari
Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà
minimum fax (2014), pp. 127
€ 9,00