Lacrime di poveri Christi. Cronaca di una giornata a Terzigno (3)

[La puntata iniziale della cronaca su Terzigno si trova qui, e la seconda puntata, qui.]

Chiappanuvoli

D’un tratto si accalca un groviglio di ragazzi davanti al blocco della Polizia. Penso al peggio, mi armo di coraggio e mi fiondo a sentire. Scatto anche qualche foto, cosciente del rischio di vedere la macchinetta spaccata ai miei piedi e di ricevere un bel cazzotto sulle gengive. Un poliziotto si è avvicinato ai ragazzi incappucciati e blatera qualcosa. Mi avvicino ancora di più e iniziano a trapelare informazioni. La Polizia ha chiesto una tregua delle ostilità per poter procedere con il cambio della guardia, il cambio del gruppo antisommossa posto a difesa della discarica e dei camion che devono trasportarci dentro l’immondizia. Il loro scopo non è più proteggere i cittadini.

Volano grida, schiamazzi, napoletano stretto e non capisco nulla. Chiedo lumi intorno a me ed un signore che si allontana scocciato mi grida:

«È solo una provocazione, chiederci di fargli fare il cambio della guardia, ma vedi questi!»

Il gruppo si scioglie di colpo, senza uno straccio di spiegazione a riguardo. Non sono trascorsi neanche quindici minuti – nei quali un ragazzo della zona voleva prendere a calci un fotografo che faceva foto sulla folla, rischiando di rendere così identificabili i contestatori più agitati – che dall’altra parte della rotonda, direzione Trecase, comincia a radunarsi altra gente. Leggi tutto "Lacrime di poveri Christi. Cronaca di una giornata a Terzigno (3)"