Condannati al berlusconismo?

G.B. Zorzoli

Supponiamo che la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi annulli la sua influenza sulla politica italiana. Si tratta di ipotesi con un ridotto coefficiente di credibilità che, tuttavia, non farebbe automaticamente sparire il berlusconismo, inteso come visione della società e del ruolo che la politica vi deve svolgere; una Weltanschauung molto prima della discesa in campo del Cavaliere condivisa da milioni di italiani, dediti alla strenua difesa, costi quel che costi, del solo tornaconto personale (il "particulare"di Guicciardini).

Questa realtà emerse già nell’immediato dopoguerra con l’altrimenti inspiegabile successo di una formazione come l’Uomo Qualunque, inventata da un giornalista non fra i maggiori del suo tempo e mediocre autore di commedie, che ebbe vita breve per l’insipienza del suo leader, ma soprattutto per le ricadute della guerra fredda su un paese culturalmente e socialmente diviso. Nei decenni successivi a fissare le regole del gioco fu l’egemonia esercitata dal duopolio DC/PCI, con il secondo, nel tentativo di mettere in ombra il suo legame con Mosca, a recitare la parte dello strenuo sostenitore dell’interesse nazionale e altrettanto tenace nell’accusare la DC di tradirlo. Non a caso l’effimera parabola del movimento di Giannini lasciò in eredità al vocabolario della lingua italiana la parola “qualunquismo”, nei decenni successivi diventata una sorta di anatema, regolarmente utilizzato dal PCI e dai suoi alleati.

In effetti i milioni di italiani preoccupati solo del proprio “particulare”, quindi a priori ostili all’ipotesi di un governo del paese che li obbligasse a rinunciare a qualcosa, erano quasi tutti migrati sotto le ali protettrici della DC, che in cambio del loro voto li lasciò sostanzialmente liberi di continuare a privilegiare il personale tornaconto: di qui, ad esempio, la rinuncia a una efficace battaglia contro l’evasione fiscale, causa prima della formazione di un elevatissimo debito pubblico. A una condizione: vivere con un io diviso fra il farsi in privato i propri affari e il voto a un partito che formalmente parlava di solidarietà (e in forme clientelari ne realizzava un surrogato).

La prima rottura si verifica col tentativo di Craxi di ritagliarsi uno spazio politico autonomo. Lo avvia avanzando proposte politiche innovative rispetto agli stereotipi che abbondano nel linguaggio dei democristiani e dei comunisti che, tuttavia, nei tempi brevi non danno un significativo ritorno in termini di consensi (la base elettorale del PCI, cui erano principalmente rivolte, viene soltanto scalfita). Di qui la scelta di ricuperare sull’altra sponda, con iniziative, ma soprattutto con un linguaggio e una prassi spregiudicati, che puntano esplicitamente a porsi in alternativa al formale perbenismo della DC. In questo aiutato dalla mutazione sociale e culturale avvenuta in Italia durante gli anni ’80.

Sul terreno dissodato da Craxi, in concomitanza con la sua eliminazione politica, Bossi fa crescere la pianta leghista, un mix di populismo e qualunquismo, declinati in chiave regionalistica. Sembra un successo annunciato - la conquista delle regioni economicamente più forti del paese, in grado di dettare legge alle altre o, in caso contrario, di separarsene - ma Berlusconi spariglia le carte, dando una dimensione nazionale a questa linea e condendola con un linguaggio politico formalmente meno volgare e più tollerante. Da allora milioni di persone non solo si sentono ripetere che fanno bene a comportarsi come hanno sempre fatto, che lo stato non deve mettere le mani nelle loro tasche, che non devono vergognarsi di nulla. Trovano in Berlusconi il loro modello ideale.

Berlusconi non si vergogna di avere soldi. Nel suo agire politico entra a contatto con le più acuminate critiche degli errori e dei disastri provocati dai suoi governi e ne esce vergine e intatto, confortando le altrui naturali tendenze all'apatia e alla pigrizia mentale (non come quei rompiballe di sinistra, che ritengono importante giustificarsi, con risposte minuziose, alle critiche ricevute). Anche se ricchissimo, Berlusconi ha una nozione piccolo borghese del denaro e del suo valore e non perde occasione per manifestarla. Elargendo denaro, è istintivamente portato a pensare, senza esprimerlo chiaramente, più in termini di elemosina che di guadagno, come ripetutamente dichiara per giustificare le paghette che regolarmente passa alle visitatrici di Arcore.

Il suo linguaggio non si avventura mai in incisi o parentesi, non usa espressioni ellittiche, non allude, utilizza solo metafore ormai assorbite dal lessico comune. Non è necessario fare alcuno sforzo per capirlo. Qualsiasi elettore avverte che, all'occasione, egli potrebbe essere in grado di parlare come lui. Insomma, non provoca complessi di inferiorità pur offrendosi come idolo, e il suo elettore lo ripaga, grato, amandolo. Egli rappresenta un ideale che nessuno deve sforzarsi di raggiungere perché chiunque si trova già al suo livello. Nessuna religione è mai stata così indulgente coi suoi fedeli. In lui si annulla la tensione tra essere e dover essere. Egli dice ai suoi adoratori: voi siete Dio, restate immoti.

Il periodo in corsivo è una parafrasi, una variazione sul tema della “Fenomenologia di Mike Bongiorno” di Umberto Eco; condensa l’unica rivoluzione riuscita a Berlusconi. Dopo venti anni di sua presenza sulla scena politica, il”particulare” di milioni di italiani ha acquistato diritto di cittadinanza, e nella patria dei diritti acquisiti sarà difficile convincerli a votare per qualcuno che glielo neghi. Come ai tempi dei monarchi per volontà di Dio, prepariamoci quindi ad ascoltare il grido “Berlusconi è (politicamente) morto, viva Berlusconi!”.

Il conflitto tra generazioni

Letizia Paolozzi

Riuscirà il figlio a prendere il posto del padre? Se i protagonisti più noti del sanguinoso «romanzo famigliare» sono Laio ed Edipo, padre e figlio, per metonimia, finiranno per indicare un patto mancato, un ricambio impossibile tra la generazione dei giovani e quella dei vecchi.

La questione di chi ha il potere e di chi vuole prenderselo sembra messa a tacere da «una società senza padre» (dello psicoanalista Alexander Mitscherlich). Oppure, recentemente, dall’ «evaporazione del padre» (dello psicoanalista Massimo Recalcati). Il parricidio (perlomeno simbolico) scompare.

D’altronde, molto è cambiato proprio sulla scena del potere. Preso a spallate il Muro, destra e sinistra annaspano. Un concetto come quello di popolo passa dalla sinistra alla destra e viene ribattezzato populismo. Scomparse le grandi narrazioni, la crescita si arresta mentre la politica non sa rispondere alla crisi. Dipende dal crollo dell’autorità maschile? Da un lato scompaiono il senso di responsabilità, il Super Io, le regole e la disciplina. Frantumati i codici tradizionali, ecco s’avanza «una società orizzontale». Senza età, senza differenza di sesso e d’età, la madre imita le figlie (vedi la genitrice addetta al Karma in Bling Ring).

Dall’altro, nei partiti, è assalto all’establishment. Espugnato (nel Pd) dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi, che scommette sulla «rottamazione» ovvero sul rinnovamento per via anagrafica. Certo, il tema del ricambio generazionale esiste. Peccato che tra maschi venga affrontato in modo così sguaiato. Attraverso conflitti portati avanti senza cura. Per non parlare del Pdl e di Silvio Berlusconi che, da padre immobile e onnipotente, si era immaginato una successione finta, addomesticata. Successione che gli si è rivoltata contro.

Cosa accade invece nel passaggio tra generazioni di donne? Per essere più precisa, c’è un modo di restituire l’eredità (simbolica) ricevuta dal femminismo, modificandola perché non si irrigidisca nelle Tavole della Legge ma senza perdere i guadagni ottenuti dalla pratica politica (il partire da sé, dal quotidiano, le relazioni, l’importanza del corpo)?

A Paestum, nell’incontro Libera ergo sum è andato in scena questo interrogativo. Alcune hanno cercato di tenere insieme soggettività femminile e condizioni materiali di vita; altre (le F9, le femministe nove) hanno risposto srotolando sul palco (vuoto) lo striscione «Stato di eccitazione permanente» e leggendo un testo collettivo. Con sprezzo del pericolo giacché il muoversi insieme corale, comunitario riduce a unità la varietà di voci e di esperienze.

D’altronde, si può capire. Le F9 vogliono essere figlie di se stesse. Senza gratitudine e senza dipendenza dalle femministe «storiche». A costo di passare sopra alla cura delle relazioni e all’intensità degli scambi. In questo modo però sarà difficile trovare nuove definizioni del lavoro, del salario, della cittadinanza sociale e della vita precaria capaci di trasformare una realtà che non ci piace. Che non piace alle donne venute prima e a quelle più giovani. Anzi, a guardare bene, non solo alle donne, ma nemmeno agli uomini.

Governo italiano in esilio/2

Franco La Cecla

Il nostro paese sta vivendo una fase di puro surrealismo. A fronte della contingenza internazionale e della piega che il capitalismo mondiale ha preso nei confronti della vita quotidiana dell'umanità, l'Italia sembra cullarsi in un sogno di decadenza in cui ai balletti dell'ex primo ministro si sostituisce solo la nostalgia di quei balletti.

Pare che il paese reale non esista e pare che quegli otto milioni di giovani che hanno lasciato l’Italia negli ultimi anni non abbiano alcun peso né voce. A differenza di quanto avveniva nell'era giolittiana l'emigrazione viene vissuta oggi come un fastidio di poco conto e la risposta della politica incartapecorita sembra essere "Lasciateci lavorare ragazzi". Nel frattempo la politica italiana è solo un riflesso della politica tedesca e di quanto la signora Merkel vorrà fare di essa.

Il nostro paese arranca per starvi dentro, ma non esprime da tempo alcuna idea diversa o originale, che non sia la pura patetica buffoneria. A fronte di questo c'è una diffusa esigenza di politica in prima persona,di politica secondo schemi e intuizioni che sfuggono completamente alla sinistra che si arrabatta in questi giorni a fare i conti con risicate e mai votate maggioranze. I giovani all'estero e i meno giovani con loro sanno bene che la partita è un'altra e che richiede una presenza al presente ed una competenza che ben poco hanno a che fare con l'imbarazzante balbettio dei neofiti grilliani o con il rumore di fondo dei neocattolici ecofriendly post-franceschiani.

Quelli che lavorano o studiano "fuori" dall'Italia sanno bene che c'è un salto che occorre fare, proprio perché loro questo salto l'hanno fatto di già a proprie spese e in prima persona. Oggi una politica che voglia essere efficace non può prescindere dall'abbandono del provincialismo e dall'impegno per cambiare le cose in un'area più ampia che per ora è l'area dell'Europa (comprendendo in essa aree che dell'Europa non sono ma che ne influenzano la politica, come la Turchia o la stessa Russia da cui il nostro paese è dipendente in maniera quasi totale per l'energia).

Fare politica significa oggi cambiare le cose a livello europeo ed avere una voce in capitolo in quest'area che ha una storia e una funzione mondiale straordinaria, essendo rimasto l'unico mondo variegato con una vocazione universalista (al contrario degli Stati Uniti che culturalmente variegati non sono anche se si arrogano una funzione universalista). Oggi non si tratta di adorare ( facendo finta di criticarlo) un Imperium in cui si concentrerebbe il potere decisionale, ma di entrare in una Koinè che effettivamente può dare un linguaggio alle istanze di liberazione diffusa.

Queste istanze che oggi arrivano da mondi a noi vicini, da piazza Tahrir alla rivoluzione dei gelsomini, da Gezi Park a luoghi lontani come le piazze brasiliane significano che una nuova coscienza diffusa pretende spazi di libertà per individui e comunità che non vogliono essere soggetti totalmente alle strettoie del mercato e della finanza. Oggi i movimenti come Occupy o le primavere arabe sono inni al volere "essere lasciati in pace" dal potere centrale, inni alla sussistenza, alla possibilità di vivere una vita normale con un accesso normale alle risorse e con una dipendenza inferiore dal mondo salariato e dal mondo assistenziale.

È una rivoluzione delle classi medie quelle che dal presente capitalismo sono condannate a estinguersi. L'Europa è un luogo centrale dei diritti delle classi medie e non è un caso che gli otto milioni di giovani emigrati italiani siano laureati e parte di quel mondo che legge, studia e cerca di capire, un mondo che non accetta di finire nel dimenticatoio degli ex-assistiti.

Qualcuno come Daniel Cohn Bendit ha capito che la partita che si dovrà giocare tra breve richiede un movimento che si ponga a livello europeo. È probabile che la nostra diaspora debba pensare ad una ipotesi equivalente. Un movimento che parta dall'Europa per rivolgersi all'Italia e che abbia tra le sue fila la gente più competente e preparata del nostro paese, cioè quelli che se ne sono dovuti andare via.

Bisogna pensare ad un modo di rendere la diaspora qualcosa di più di una massa di potenziali elettori (rendendola serva così delle logiche provinciali). Credo che i tempi siano maturi e penso anche che non si tratti adesso di inventare strutture o quant'altro e che esse sorgeranno più o meno spontanee nel corso dei prossimi mesi.

Leggi anche:
Franco La Cecla, Manifesto del governo italiano in esilio

Distrazioni di massa

Augusto Illuminati

Di come andrà a finire Berlusconi, non ce ne può fregare di meno. Delle procedure bizantine di decadenza, incandidabilità, ineleggibilità, ricalcolo interdizione: idem come sopra. L’agibilità o inagibilità politica del Grande Pagliaccio non è questione indifferente, ma neppure il nostro peggiore incubo notturno.

Non invidiamo le ossessioni diurne di Travaglio e le notti insonni di Asor Rosa, popolate di legalità repubblicana e carabinieri. Altre cose, piuttosto, ci preoccupano. Cosucce materiali che condividiamo con la maggioranza indistinta degli italiani (Imu, Tares, Iva, disoccupazione, mutui) e altre più strutturali. Per esempio, del degrado dell’agire politico, forma primaria della vita liberamente associata, del bios. I suoi nemici sono la necessità e l’indifferenza, i paletti posti da logiche esterne presunte costrittive e la palude del rassegnato disincanto.

Ora, la prassi italiana – la nostra agibilità politica, quella che sola ci interessa – è già fortemente perimetrata da stringenti vincoli economici europei (pareggio di bilancio costituzionalizzato, fiscal compact, mannaia dello spread, pressioni per liberalizzazioni e svendite per far cassa) e vi si aggiunge, aggratis, l’obbligo di imperniare gli spazi residui di manovra sul destino di Berlusconi e la sopravvivenza di un sistema pseudo-bipolare di grandi intese.

Con l’aggiunta di un appassionante dibattito sui regolamenti del Pd, le primarie aperte o chiuse e la finale scelta del leader (cioè del piccione da impallinare) fra Epifani, Cuperlo e Renzi, magari pure Pippo Civati e Deborah Serracchiani. Chi non eromperebbe tutto d’un fiato: il personale è politico! Tanto più che, con l’occasione, abbiamo ripassato – come in un’antologia dei film di Romero – l’intera sfilata dei morti viventi, da Ualter al Baffino.

Nel mondo ne succede di ogni – ascese e cadute di imperi regionali, scontri epocali fra sunniti e sciiti, cambi di regime, droni vaganti, stragi chimiche e manuali – ma noi, in saggia atarassia, discettiamo se le sentenze si rispettano o si applicano, si amano o si esecrano, si scontano nel senso di andar dentro o nel senso di ridurle, tipo saldi. Meno male che da noi guerra civile vuol dire questo, mica stiamo in Siria o in Egitto. L’effetto palude, appunto, che soffoca nella melma quanto della politica è sopravvissuto alla (presunta) necessità.

Ma mi si obbietterà: diavolo, mica tutto va così male, ci sono ancora progetti, battaglie, scadenze che superano questo quadro asfittico! Come no, c’è vita su Marte, ovvero nella sinistra. Leggiamo con avidità il dibattito agostano. Lasciamo perdere le dichiarazioni al vento di Ingroia o le comparsate televisive di Cacciari e lasciamoci sedurre da un bel titolo filosofico: contro le passioni tristi.

Troveremo un sorso d’acqua dissetante, una folata che spazza via il grigio dei rancori? Ahimé, ancor una volta il titolista del manifesto è più bravo dell’estensore del pezzo, Massimiliano Smeriglio, che tira in ballo le passioni tristi in modi che evocano più il benemerito Spinoza.it che l’autore dell’Ethica. Se infatti vogliamo conseguire un più di potenza e di gioia di cui essere causa attiva accozzando sinistra radicale e sinistra di governo (Sel e Pd) sotto l’egida di Bettini e Renzi, beh, alla beatitudine mentale ci manca molto, per non dire alla sanità del corpo e al benessere delle tasche.

Ecco, questo piccolo esempio mi fa pensare che il danno maggiore del capitolo terminale della berlusconeide è ancora una volta lo spostamento del conflitto fuori dall’orizzonte politico, la neutralizzazione risentita e verbosa della sofferenza sociale e della natura di classe della crisi: larghe intese, falchi, colombe e pitonesse, Letta zio-nipote, fronte della legalità con immancabili idoli giudiziari, il bene contro il male, la virtù contro il vizio, tanti sermoni di Napolitano e Scalfari e – alla fine e nel migliore dei casi, se proprio non vogliamo farci sgranocchiare dal Caimano – gli stornelli blairiani di Renzi intonati a cappella da Pd e Sel. Mentre il mondo intorno a noi va in pezzi, piuttosto indifferente – temiamo – a quante rate dell’Imu aboliremo e se si andrà a votare con il Porcellum o il Porcellinum.

Già, il mondo. Che non è quello dei «piccoli segnali di uscita dalla crisi», ma delle nubi indistinguibili di una nuova crisi incombente e di una quasi sicura guerra – che strana coincidenza, vero? Le reazioni farsesche della classe dirigente italiana possiamo già prevederle, in base all’esperienza libica, ma i movimenti daranno qualche segno di vita, malgrado la campagna di distrazione di massa condotta da Repubblica, Fatto, Micromega e compagnia manettante? La risposta alla guerra e non le elezioni italiane o europee sono il banco di prova di una sinistra non subalterna. L’aggettivo “rivoluzionario” per il momento è meglio non evocarlo.

Dal nuovo numero di alfabeta2 da oggi in edicola, in libreria e in versione digitale
Leggi il sommario completo

feature-n32-930x543

Dal nuovo numero di alfabeta2, in edicola, in libreria e anche in versione digitale
Leggi qui il sommario completo - See more at: https://www.alfabeta2.it/2013/07/12/etienne-balibar-il-governo-delleuropa/#sthash.cQcMoflP.dpuf
Dal nuovo numero di alfabeta2, in edicola, in libreria e anche in versione digitale
Leggi qui il sommario completo - See more at: https://www.alfabeta2.it/2013/07/12/etienne-balibar-il-governo-delleuropa/#sthash.cQcMoflP.dpuf
Dal nuovo numero di alfabeta2, in edicola, in libreria e anche in versione digitale
Leggi qui il sommario completo - See more at: https://www.alfabeta2.it/2013/07/12/etienne-balibar-il-governo-delleuropa/#sthash.cQcMoflP.dpuf

In-decidere

Augusto Illuminati

Decidere (in veneziano: de-cidere) – era la parola d’ordine di tutti i politici, editorialisti e metafisici con gli attributi. Sovrano è chi decide nello stato d’eccezione. Faremo la rivoluzione liberale! Smacchieremo il giaguaro! Infliggeremo una punizione esemplare al cattivo Assad figlio... fra 15 giorni e previo un voto favorevole del Congresso. Se mi fate decadere dal Senato, è la fine del mondo.

E via intimando e catecontizzando. Dopo due decenni di litanie decisioniste e un crescendo di proposte presidenzialiste e semi-presidenzialiste che intendevano costituzionalizzare la prassi personalizzata di direzione politica – invenzione non modernissima (uno solo è il re e non è bene che i molti comandino, Iliade II, 198 sgg.) ma tornata d’attualità – la ruota sembra girare all’incontrario.

Distogliamo gli occhi dalle miserie italiane, dai fallimenti operativi dei vari Bersani, Berlusconi, Monti e Bossi che hanno fatto toccare con mano la vacuità degli appelli al “salvare” e al “fare” sotto l’impulso di un uomo solo al comando, e appuntiamoli sulle grandi potenze, che hanno i mezzi e le strutture istituzionali per decidere sovranamente negli stati d’eccezione, secondo la vulgata schmittiana (o almeno di un limitato periodo del suo pensiero). Ahimè, gli stati d’eccezione, moltiplicandosi fastidiosi, hanno mestamente seguito, nella scomparsa, le mezze stagioni e anche il decisionismo non se la passa troppo bene.

Sul piano comico, la sequela di penultimatum berlusconiani e di facce finte feroci del Pd in materia di applicazione della legge Severino sulla decadenza dei parlamentari condannati in via definitiva, sul piano tragico le benvenute esitazioni e dilazioni dell’interventismo occidentale contro la Siria testimoniano il grottesco collasso dei decisori monocratici.

La sconfitta parlamentare di Cameron, conseguente peraltro alla rinuncia dell’istituzionalmente eminente premier inglese a esercitare il potere di guerra (come fece perfino Chamberlain nel settembre 1939), e l’imprevista remissione dei medesimi poteri al Congresso da parte del Commander in Chief Obama (cui seguiranno analoghi svolgimenti francesi) non segnano affatto un ritorno alla preminenza del legislativo sull’esecutivo ma solo l’impossibilità di scelte esecutive credibili.

In presenza di sondaggi negativi e in assenza di obbiettivi definiti e razionalmente perseguibili, governi impotenti utilizzano le assemblee parlamentari, prima disdegnate, come un super-campione statistico e insieme cercano di coinvolgerle in decisioni incerte. L’unica presa di posizione performativa (e rispettabile) è la giornata di digiuno proclamata da papa Bergoglio. In sostanza, l’improvvisa paralisi istituzionale (che pur la dice lunga sulla frettolosa liquidazione delle sovranità nazionali e la sopravalutata compattezza dei poteri forti finanziari) segnala l’esistenza di nuovi equilibri (o squilibri) strategici e geopolitici, l’indebolimento Usa e lo sfacelo dell’Europa, dove Francia e Germania hanno assunto posizioni opposte e l’Inghilterra ha optato per una separazione tanto dall’Europa quanto dal tradizionale asse atlantico.

Il subentrare dell’indecisionismo al decisionismo riflette dunque un riassetto tumultuoso dei rapporti di forza su scala mondiale – si tratti dei nuovi poli imperiali o dello sconvolto universo islamico – ma pone fine anche ai miti filosofico-politici sul taglio del nodo gordiano, il costituirsi del sovrano nella spaccatura emergenziale amico-nemico, ecc. Con molti dubbi retrospettivi anche sulla validità di quel modello. Nell’ordine mondiale neoliberista ci sono nemici provvisori e infidi amici, tutto è gestito quale emergenza, choc ricorsivo e dunque non c’è più un vero stato d’eccezione, la crisi è la regola, la guerra è permanente e indistinguibile dalla pace, è caduto il confine fra conflitto esterno e interno.

In queste condizioni la negoziazione interminabile e cruenta riflette la corrente impossibilità di separare tempo di lavoro e tempo di vita, è insomma il corrispettivo della fine del fordismo e del sistema imperiale di un tempo, mono- o bi-polare. Facciamocene una ragione e costruiamo nuovi spazi di resistenza. Presago di talebani assortiti, Kafka evocava scolari senza Legge e l’avvocato Bucefalo, alfine sbarazzatosi di Alessandro Magno – di chi, appunto, aveva re-ciso, de-ciso il nodo di Gordio...

Notizie dal pianeta degli oranghi

Augusto Illuminati

Da qualche tempo le cose non vanno bene per noi orango. Circola la parola crisi. La foresta si dirada e le coltivazioni rendono meno. Fa sempre più caldo. Niente di grave, ma le prospettive non sono rosee e diffido di questi giovani e arroganti creature che vorrebbero venderci assicurazioni e scommesse sui futuri raccolti. Dalla precedente civiltà umana, bruscamente scomparsa, abbiamo ereditato pochissime testimonianze scritte, ma molti nastri e supporti magnetici con tutto quanto passava in televisione.

Abbiamo imparato parecchie cose della precedente civiltà anche se non comprendiamo bene come alcune di esse sono connesse fra loro. Per esempio, avevano elaborato cerimonie e discussioni con strane cose annodate al collo, poi però discutevano sempre di donne svestite (in Italia c'era sempre una certa Ruby, da cui dipendeva il governo) oppure appariva un'altra donna, con lo stesso vestito però ogni volta di colore diverso: la chiamavano Merkel e avevano tutti molta paura di lei. Era rotondetta e imperativa.

Usavano sempre quella parola crisi e l'associavano spesso a un'altra parola, derivati, che non riuscivano mai a spiegare chiaramente, ma assomigliava un po' a quelle proposte che ci fanno quei giovani oranghi che chiacchierano tanto. Per via della crisi gli umani litigavano spesso fra loro e andavano sempre in televisione a insultarsi e accusarsi reciprocamente. Parlavano e avevano smesso di scrivere e di leggere. Addirittura per la crisi avevano chiuso le biblioteche e per questo ce ne sono rimaste così poche testimonianze scritte.

Noi oranghi all'inizio eravamo violenti, poi ci siamo civilizzati e a scuola ci hanno insegnato che probabilmente è stato un eccesso di violenza a provocare la scomparsa repentina della civiltà degli umani, quella che si chiamava Atlantide, pare. Ci facevano vedere quelle scene terribili di bombardamenti, poi tutto quel parlare di crisi, infine ipotizzavano ci fosse stato un regresso catastrofico e lo esplicitavano con altri filmati che si erano conservati e si riferivano a una festa tribale attribuibile alla fase di decadenza immediatamente precedente la loro scomparsa.

Questa festa aveva un nome strano - pekkenfest o begghenfest (la pronuncia era gutturale o l'audio era rovinato) e gli umani erano tutti vestiti di verde, prima facevano un balletto con le scope in mano con due che si abbracciavano e ruttavano, uno con gli occhiali rossi e un altro che farfugliava e si muoveva a scatti. Poi tutti applaudivano uno con la faccia tutta rossa. Questa tipica scena di violenza, ci insegnavano alle elementari, era un chiaro sintomo del processo autodistruttivo che dovremmo assolutamente evitare.

Penso spesso a quei poveri umani, che prima della follia ci avevano lasciato mirabili costruzioni che oggi poco a poco liberiamo dalla vegetazione e dalla sabbia. Adesso che la crisi ci sta sfiorando e alcuni oranghi cominciano ad alzare la voce e a insultarsi, mi domando come farli rinsavire e ritrarci ai nostri principi oranghisti.

Non con la violenza, ovviamente, ma neppure il ragionamento basta. Bisognerebbe farli vergognare, bollarli in modo tale che riflettano per analogia alle disgrazie umane. Ecco, ho trovato. Chiamerò il più accanito di loro con il nome del più famoso di quei deliranti ultimi uomini, il re della begghenfest o come diavolo si chiamava: Calderol o Calderul. In noi oranghi la vergogna ha ancora effetto.

Manifesto del governo italiano in esilio

Franco La Cecla

La situazione del nostro paese è assai grave. Alla contingenza economica si aggiunge l’attitudine dimissoria del governo attuale e della classe politica nel suo insieme. L’Italia vive una situazione di stallo, di mummificazione dei propri problemi, un girare a vuoto autoreferenziale di quella che dovrebbe essere la classe dirigente.

Se ci si volge intorno al mondo imprenditoriale, come al mondo della stampa, la visione non è molto più consolante. Un’incapacità di salto in avanti, un’impossibilità di analisi e di proposizione di scenari nuovi. In generale il paese sembra bloccato in un alzheimer politico, industriale, sindacale, editoriale, intellettuale, accademico... Un paese vecchio che non si rende conto che la metà dei suoi cittadini non si identifica più con quella che non è capace nemmeno di essere una classe dirigente di una minoranza.

L’Italia non è nuova a questa esperienza. Cinquanta, sessant’anni fa il paese aveva già vissuto il dramma di non dare spazio a una buona metà dei propri abitanti. Il Sud di allora era dovuto emigrare, abbandonando un territorio ricco di potenzialità e di storia. Oggi lo stesso destino investe il paese intero. I migliori se ne sono andati. Allora deve stupire meno che quello che rimane rappresenta ben poco del paese reale.

Oggi come sessant’anni fa, ma anche come ai tempi della resistenza al fascismo dall’estero della parte migliore del mondo italiano, la speranza viene da fuori. Sono i sette milioni di italiani all’estero, ricercatori, intellettuali, imprenditori, lavoratori della conoscenza e della creatività, a rappresentare oggi la parte migliore del paese. Sono i milioni di studenti Erasmus che, rifiutando l’invecchiamento precoce proposto ai giovani che rimangono in Italia, vivono la stessa rabbia di non rappresentanza dei loro coetanei in Turchia, Egitto, Tunisia. Sono loro i giovani italiani su cui costruire il futuro del nostro paese.

Allora non rimane che prendere atto di questa situazione e fondare fin da ora un governo italiano in esilio (Giie). All’estero ci sono italiani con un’esperienza del mondo e del presente introvabili tra i politici italiani, vecchi e nuovi, pidiellini o grillini che siano. Questi sono accomunati da una visione provinciale e fondamentalmente ignorante di come è cambiato e di cosa è il mondo adesso. Le tematiche ambientali, urbane, neoindustriali, informatiche, di nuova diplomazia e nuovi assetti internazionali sono competenza di coloro che stanno fuori dal nostro paese. È tra loro che bisogna cercare i nuovi ministri dell’Agricoltura, dello Sviluppo Economico, del Welfare, della Condizione Femminile, delle Politiche Giovanili, della Cultura, dell’Ambiente, del Turismo.

È tra loro che bisogna cercare esperti in Unione Europea (sono i giovani Erasmus gli unici che credono davvero nell’importanza di una identità europea. Coloro che sono rimasti in Italia hanno avuto l’anima corrotta dal leghismo di destra e di sinistra, di Nord e di Sud, che ha ucciso l’anima internazionale del nostro paese). Infine è tra quelli che stanno fuori che vanno eletti i responsabili del futuro del paese, dal primo ministro al presidente. Rimbocchiamoci le maniche. Formiamo il nuovo Giie, il governo italiano in esilio. L’Italia è già nostra, perché quelli che sono rimasti a casa dormono o tardano a svegliarsi.

Dal nuovo numero di alfabeta2, in edicola, in libreria e anche in versione digitale
Leggi qui il sommario completo

cover ab2 luglio