Schizofrenia italiana

[In "Nuovi argomenti", n. 4, terza serie, ottobre-dicembre 1982]

Antonio Porta

Italiani significa essere esposti a continue e improvvise lacerazioni, essere quasi inermi di fronte al pericolo di una schizofrenia costante. L'essere dell'italiano è fatto di sostanza schizoide. Ciò accade senza alcun sovraccarico di patetismo; nulla di meno straziante o intimo di questa schizofrenia: essa accade come ad "un altro", e di fatto molti italiani vivono esattamente come se accadesse sempre "a un altro". Il metafisico "altro" di lacaniana memoria è utilizzato dall'essere italiano per scaricare "fuori" ogni possibile disturbo privato, conseguenza dello stato di schizofrenia costante. Leggi tutto "Schizofrenia italiana"

Ecco gli italiani dai piedi leggeri

[Questo articolo è apparso sul "Sole 24 ore" l'1/08/2010]

Franco La Cecla

C'è una nuova classe, apparentemente invisibile, che si sta formando da circa vent'anni, una classe che non fa parte della borghesia italiana, che non rientra nell'esercito di precari, né in quello dei raccomandati per famiglia, politica, censo e appartenenza. È una strana compagine di quarantenni, trentenni, ventenni che ha abbandonato l'Italia appena finiti gli studi, o addirittura durante gli studi, fulminata sulla via dell'Erasmus dalla scoperta che la vita all'estero, in Europa, poteva essere tre volte più interessante, facile, appassionante che in Italia. Non si tratta di emigrati nel vero senso della parola e nemmeno di una fuga di cervelli, ma di italiani, ragazzi e ragazze, uomini e donne che stanno all'estero in Europa «come se fossero in Italia».

Continua a leggere qui