Obama, Google e la democrazia

Carlo Formenti

In un articolo dal titolo “Cyberwar”, apparso su uno degli ultimi numeri dell’Economist – organo internazionale del pensiero unico liberista – viene stilato un elenco apocalittico dei terribili danni (misurabili in denaro e vite umane) che potrebbero derivare da atti di sabotaggio informatico progettati da organizzazioni terroristiche, “stati canaglia” e potenze ostili agli Stati Uniti: distruzione o messa fuori uso di centrali energetiche, raffinerie, banche,sistemi di controllo del traffico aereo, satelliti per le comunicazioni, industrie chimiche, ecc. E’ per far fronte a queste repliche virtuali dell’11 settembre 2001, scrive l’Economist, che l’amministrazione in carica ha creato il Cyber Command, un‘articolazione del ministero della Difesa guidata dal generale Keith Alexander e dotata di tutti i mezzi necessari a sventare eventuali attacchi alla sicurezza del sistema informatico Usa e, naturalmente, a compiere tutte le ritorsioni (e gli attacchi preventivi) che verranno ritenute opportune nei confronti dei colpevoli. Leggi tutto "Obama, Google e la democrazia"