Teoria delle rotonde

Italo Testa

• teoria delle rotonde • degli anni zero • come sono comparse • dove • le rotatorie • lo zero in figure • a blocchi • bianchi e rossi • modulari • di plastica • blocchi mobili • trapezoidali • migrano • a serpentina • s’intarsiano • compongono geroglifici • sull'asfalto •

• teoria delle rotonde • e dei semafori • degli incroci in città • nel recinto periurbano • gli spazi quadrati • i motori accesi • le emissioni sui bordi • sul quadrato • delle opposizioni • l’incrocio dei fari • poi le rotonde • le intersezioni a raso • figurazioni • degli anni zero • si espandono • per gemmazione • blocstar a contrasto • sul grigio • blocstar a grappoli • baliroad 800 • per spazi temporanei • di giorno in giorno • cambiano • si piegano su un lato • fanno un’ansa • Leggi tutto "Teoria delle rotonde"

Interrogazione sul mezzo

Milli Graffi

Questa settimana spendo il mio gettone di presenza su questo blog muovendo qualche timido passo nel tentativo di capire che cosa sia la scrittura che viene avviata online sui blog. Sembrano pagine di diario senza contenitore cioè con quella cornice minima che è appunto definita diario e alla quale un lettore si avvicina con la curiosità di chi va a scoprire possibili segreti o perlomeno illuminanti idiosincrasie. E invece no, l’effetto non è quello del diario. Il diario come autoriflessione per quanto libera è sempre rivolta su se stessa e perciò produce un effetto autocontenente, si produce come capacità di contenersi dentro lo spazio che va inventandosi. Penso che persino il diario di uno psicotico riesca a prodursi come contenitore, o forse più che mai il diario dello psicotico è un contenitore. Invece la scrittura sui blog ha questo effetto di essere stracciata sbrindellata in uno spazio di libertà così immenso da diventare vago. Leggi tutto "Interrogazione sul mezzo"

I cinesi aumentano l’entropia (se la vostra umidità vi sembra troppa)

Simone Pieranni

Grazie a Sara per l'involontario assist

Mi invitano non so come e non so perché, per tutto un giro assurdo di bigliettini da visita, numeri di telefono scambiati in questi giorni, a un evento organizzato da un brand di sportswear, abiti sportivi. Canicola, asfalto pronto per friggere gli spaghetti dello Xinjiang, ma: gente giovane, che piace ai giovani, a noi giovani. Appuntamento a Nanjing Xi Road, che vuol dire tutto e niente: una Buenos Aires milanese (parlandone da viva...) di circa 10 chilometri.

The event è proprio nell'area che ogni giorno ne ospita uno: tra Piazza del Popolo e il Bund. In sei ore, mi dicono, passeranno circa due milioni di persone. Come non ci fossi mai stato: nel piccolo gruppo di amici la via è chiamata Inferno. «Si, però, dico io, ve lo dico, sto un'oretta al massimo che poi ho un impegno». Sei molto impegnato eh! Eh si. Invento riunioni con una facilità che mi stupisco di me stesso. Leggi tutto "I cinesi aumentano l’entropia (se la vostra umidità vi sembra troppa)"

Presentazione dei Bloc-notes

Inizia oggi la rubrica Bloc-notes:

Scritture rivolte al presente, alla prossimità, a ciò che sta sempre sotto gli occhi senza mai essere visto. Zibaldone senza vincoli di tema o genere. Più che l’opinione, la notazione; più che il disegno, la traccia provvisoria. Diversi autori coinvolti per un certo lasso di tempo, con una cadenza settimanale. Un diario corale.

Da oggi, per la durata di un mese, sette autori posteranno una volta alla settimana i loro interventi: Simone Pieranni il lunedì, Andrea Inglese il martedì, Milli Graffi il mercoledì, Biagio Cepollaro il giovedì, Alessandro Raveggi il venerdì, Carlo Formenti il sabato, Franco Arminio la domenica.