In memoria di Cy Twombly

Achille Bonito Oliva

1957, arriva a Roma e si mette in silenzio ad abitarla.

Presenta i suoi segni con discrezione e distacco come non fossero suoi. E subito riceve i consensi di un ambiente che ne percepisce la novità di impianto. Cy Twombly, americano della Virginia, arriva in Italia lasciandosi alle spalle la situazione ormai matura dell'action painting. Una pittura che cercava di esorcizzare l'esterno attraverso l'attuazione di un gesto vitalizzante, che si accampava perentoriamente nello spazio estetico. E il gesto era assoluto, inglobava la presentività di sé e la necessità di una regressione alla felicità della matrice. Leggi tutto "In memoria di Cy Twombly"