speciale lettura

Speciale Leggere Oggi

La lettura è una attività profondamente innaturale


Lettura futura, un interrogativo plurale
Maria Teresa Carbone
Mai come negli ultimi dieci o vent’anni la lettura si è rivelata per quello che in realtà è, a dispetto dei suoi goffi propagandisti: una attività profondamente innaturale – se per naturale si intende una di quelle pratiche, come camminare o giocare, che hanno accompagnato la specie umana per un tempo sufficientemente lungo da potersi confondere con essa. Continua a leggere.

La solitudine che connette
Luca Ferrieri
Tra le tante contraddizioni attraverso cui ci conduce la pratica della lettura (sempre le siano rese grazie), c’è quella tra la solitudine dell’atto e la ricchezza di relazioni, umane, spirituali e sociali che spalanca. Come di fronte ad ogni contraddizione che esprima fedelmente una verità e non derivi da un paralogismo o da un’oscillazione nominalistica, la tentazione della conciliazione e della complementarietà (insomma dell’et-et) è forte. In questo caso essa potrebbe appoggiarsi proprio sulla dimostrabilità plateale di entrambe le affermazioni... Continua a leggere:

Avvenire della cultura, avvenire dell’Europa
Paola Dècina Lombardi
La cultura al centro delle politiche comunitarie, una rete europea per promuovere il libro e la lettura: con questi obiettivi il Ministro Aurélie Filippetti il 4 e 5 aprile scorso ha invitato a Parigi, al Forum de Chaillot, diciotto ministri della cultura e numerosi rappresentanti europei delle varie categorie – scrittori, editori, librai e artisti, musicisti, attori. E all’insegna della eccezione culturale, questa sorta di Stati generali ha lanciato un segnale forte per convincere la UE dell’equazione Avenir de la Culture, Avenir de l’Europe. Continua a leggere.

Reading Life. Nuovi comportamenti del lettore digitale
Maurizio Caminito
A partire da Amazon, i più grandi players del mondo digitale, già da tempo, stanno operando per l’integrazione, all’interno della propria rete di clienti, di piattaforme di lettura social. In questo senso infatti si può leggere l’acquisizione nel 2013 da parte di Amazon di Goodreads, il celebre social network per i libri che, come ha rilevato lo scrittore statunitense Scott Turow, è “un sito noto per la profondità e la mole dei giudizi critici redatti dagli utenti. Continua a leggere.

Come ho letto la poesia di Leonard Cohen – un abbozzo
Damiano Abeni
With three parameters, I can fit an elephant.
Lord KelvinWhat is the nature of an experimental action?
It is simply an action the outcome of which is not foreseen.
John Cage ... Continua a leggere

I proprietari di motociclette leggono?
Antonella Agnoli
Il maggior pregio del volume La biblioteca che vorrei di Antonella Agnoli (Editrice Bibliografica 2014) è di fornire, con abbondanza di esempi concreti, le “istruzioni per l’uso” necessarie per trasformare ogni biblioteca in uno spazio di incontro vitalissimo per la comunità di riferimento. Ma Agnoli non perde l’occasione, come nello stralcio che proponiamo qui sotto, di sfatare una quantità di luoghi comuni su libri e (non) lettori. Continua a leggere.

Sulla difficoltà di leggere
Giorgio Agamben
Il testo che proponiamo qui è tratto dalla raccolta di saggi di Giorgio Agamben Il fuoco e il racconto, che la casa editrice nottetempo manda in libreria venerdì 16 maggio. Si tratta della trascrizione, finora inedita, dell'intervento presentato alla tavola rotonda Leggere è un rischio durante la Fiera della piccola e media editoria di Roma, nel dicembre 2012. Continua a leggere
martinzet-libri2-440x200
Leggere un inedito (per il premio Calvino)
Mario Marchetti
Chi scrive e manda il manoscritto a un concorso lo fa sostanzialmente per due motivi (mi baso sull’esperienza fatta al Calvino): perché desidera essere letto (desidera che il suo vissuto e le sue fantasie vengano condivise, vorrebbe che ad esse fosse riconosciuto un senso e il suo atto è quindi una sorta di protesi esistenziale) o perché desidera essere pubblicato ...Continua a leggere
alfredo_jaar_ themarxlounge-440x200
Che cosa vuol dire leggere oggi
Francesca Rigotti
Mi hanno dato ben 6.000 caratteri per svolgere il tema Che cosa vuol dire leggere oggi, ma mi rendo subito conto che non sono in grado di scriverli in maniera impersonale. Come si legga oggi non lo so con precisione: dovrei aver fatto una ricerca accurata sul tema e possedere competenze sociologiche che non ho. Continua a leggere