Semaforo

Maria Teresa Carbone

Giornali

Non fu facile convincere gli abitanti dell'Europa del Seicento che l'acquisto di pubblicazioni informative avrebbe dovuto essere un impegno regolare. Non è complicato capire perché i giornali fecero tanta fatica a imporsi. Fu necessario che i consumatori imparassero a desiderare una dose regolare di notizie, e che acquisissero gli strumenti per rendersene conto. Ci volle tempo. La cerchia di coloro che erano consapevoli dell'esistenza di un mondo al di fuori della loro città o del loro villaggio aumentò lentamente. Per tutte queste ragioni passarono ben più di cento anni dalla fondazione del primo giornale prima che esso diventasse parte della vita quotidiana, e solo alla fine del diciottesimo secolo esso cominciò a giocare un ruolo centrale nella formazione dell'opinione pubblica.
Andrew Pettegree, The Invention of News: How the World Came to Know About Itself, Yale University Press 2014

Lettere

Forse la più sorprendente statistica della guerra, e non solo della battaglia di Verdun, è che oltre dieci miliardi di lettere vennero spedite dal e per il fronte. Come Paul Fussell ha notato molto tempo fa, la prima guerra mondiale fu una guerra letteraria, un conflitto in cui la letteratura dell'epistolario ricordava costantemente ai soldati perché stavano combattendo.
Robert Zaretsky, On les aura! (recensione di Verdun: The Longest Battle of the Great War di Paul Jankowski), Los Angeles Review of Books, 11 maggio 2014

Libri

Nel 1978, il 42 per cento degli americani affermava di avere letto 11 o più libri nell'anno precedente. Nel 2014, solo il 28 per cento lo dichiara, mentre il 23 per cento ammette fieramente di non averne letto neanche uno (era l'8 per cento nel 1978). (…) L'avanzata dell'ignoranza e dell'irrazionalismo negli Usa non è passato inosservato. Lo storico Richard Hofstadter della Columbia University vinse il Pulitzer nel 1964 con il suo libro Anti-Intellectualism in American Life, che descriveva la tendenza della nazione ad accogliere la stupidità come periodico effetto della sua spinta fondativa a democratizzare ogni cosa. Nel 2008, la giornalista Susan Jacoby avvertiva che l'ottusità —“una miscela virulenta di antirazionalismo e di basse aspettative”— era qualcosa più di uno stato permanente. Nel suo libro The Age of American Unreason ha argomentato che questo atteggiamento cala dall'alto, alimentato da politici pseudopopulisti desiderosi di apparire alla mano più che intelligenti.
Jonathon Gatehouse, America dumbs down, MacLean's, 15 maggio 2014

Televisione

Il personaggio televisivo che scrive (ma lo stesso vale per gli sportivi, i politici, i giornalisti, eccetera) funziona innanzitutto perché non lascia mai solo il libro che ha scritto – la sua semplice presenza mediatica regala all’opera una rete di relazioni e implicazioni e connessioni (quelle che il testo, di per sé, non possiede): il racconto non deve contare sui propri soli mezzi per sedurre chi legge, perché chi legge è già interessato in partenza a tutto ciò che circonda il racconto. Funziona, poi, perché quella identificazione che dovrebbe essere il risultato, nel migliore dei casi, del transfert romanzesco, nel caso dei libri televisivi preesiste al processo di lettura, e lega chi legge non al libro, o ai personaggi del libro, ma direttamente all’autore: cosa che costa a entrambi, lettore ed autore, assai meno fatica (fatica intellettuale ma anche psicologica), perché necessita di una elaborazione infinitamente minore. Funziona, infine, perché lo scrittore televisivo non intimidisce il lettore, non lo sovraccarica di doveri – l’autore è il primo a non prendersi sul serio, visto che esibisce il frutto di un secondo mestiere, e più spesso ancora di un semplice hobby. Chi scrive e chi legge possono provare insieme il piacere di sentirsi colti senza fare lo sforzo di doverlo essere.
Gianluigi Simonettii, Lo scrittore televisivo. Una narrativa di categoria, da Una vernice di fiction, di prossima pubblicazione per Duetredue, in formato cartaceo e ebook, Le parole e le cose, 12 maggio 2014

 

Il volto femminile dell’universo cinema

Ester Carla de Miro d’Ajeta

Leggere, studiare, assimilare, cercare, evidenziare, ordinare, selezionare, sintetizzare tutto ciò che è stato elaborato dagli ‘studi di genere’ che si sono sviluppati principalmente in area angloamericana in campo cinematografico dagli anni ’70 in poi. Questo l’enorme lavoro di Veronica Pravadelli sotteso al libro Le donne del cinema/Dive, registe, spettatrici, appena uscito da Laterza. Una ricerca che mancava nel limitato panorama delle pubblicazioni sul cinema in Italia. Una trattazione esaustiva, visto che si parla non soltanto del cinema contemporaneo ma si risale a quello delle origini, e visto che il campo non si limita alle donne registe ma include anche dive e spettatrici.

Una scrittura veloce, quindi, che permette di accumulare dati, date e citazioni lasciando a chi legge il compito di risalire alle fonti e reperire discorsi più articolati. Un libro evidentemente destinato a chi vuol studiare il cinema in un’ottica particolare, quella del punto di vista di chi ha dedicato anni di ricerche a rileggere la Storia del Cinema in chiave femminile e femminista, il cui lavoro, almeno in Italia, rimane una vena sotterranea ignota ai più. E le sorprese sono molte: si scopre ad esempio che a metà degli anni ’10 la regista “moralista-riformista”Lois Weber non temeva né Griffith né il nuovo arrivato De Mille perché a quell’epoca i suoi film avevano grande successo sia di pubblico che di critica. Si viene a conoscenza di nomi di registe in cui non ci si era mai imbattuti, come Ida May Park, Cleo Madison, Ruth Ann Baldwin, Ruth Stonehouse, Elsie Jane Wilson, attive agli albori del cinema americano, quando alla Universal, tra il 1912 e il 1918, undici registe realizzarono ben 170 film.

Oppure si scopre che Frances Marion, sceneggiatrice che guadagnava 3000 dollari a settimana nel 1925, sia stata autrice di ben 325 sceneggiature, scritte per tutti i ‘generi’ e per le dive più importanti del momento. È fatale che la traiettoria di Lois Weber e Frances Marion si incroci con quella di colei che per prima aveva suggerito a Léon Gaumont l’idea di usare le cineprese del suo negozio di macchine fotografiche per raccontare delle storie: Alice Guy, segretaria di Gaumont che dopo la sua affermazione come regista fu mandata negli Stati Uniti a vendere i film francesi assieme al marito operatore Herbert Blaché.

Una nuova luce illumina così le origini del cinema, perché si parla anche del contesto in cui è nato e si è sviluppato. Benché il limite dei ‘gender studies’ sia il loro profilo fondamentalmente sociologico, per cui contano alla fine più le donne che i film, spesso ridotti a semplici trame. Dalla grande mole di notizie emerge infatti soprattutto il desiderio di mettere in rilievo quanto lo sviluppo del cinema negli USA agli inizi del ‘900 venga sostenuto e condotto al successo popolare soprattutto dalle spettatrici che la ‘modernità’ e l’emancipazione mettono per la prima volta in grado di scegliere l’impiego del tempo libero. Sul versante della presenza femminile all’interno della macchina-cinema poi, la messa a fuoco è sull’affermazione delle donne, che si tratti di attrici, di sceneggiatrici o di registe, in nome di una ‘modernità’ che finisce con l’esaltare l’identificazione della donna con il ruolo maschile.

Più felice e articolata appare invece la parte dedicata alle dive, in cui l’autrice fa una scelta di campo ben precisa, privilegiando le working girls e le donne forti e sottolineando la potenza e l’incisività di personaggi come quelli interpretati da Clara Bow (la It Girl capace con la sua vitalità di rubare la scena a chiunque), Barbara Stanwyck (che non esita ad usare la sessualità per la scalata sociale), Joan Crawford (piccola stenografa che riesce ad essere più incisiva della Garbo in Grand Hotel), Bette Davis, i cui ruoli perfidi e complessi sono rimasti indimenticabili.

Si parla dell’inedita libertà sessuale metropolitana e della flapper degli anni ‘20, che appare sia nei film che nei mass media, un tipo di donna che investe sulla bellezza, il glamour e la sessualità, attratta dalle luci scintillanti dei locali e dei teatri, dalle auto e dagli alberghi di lusso, con la speranza di un’ascesa sociale ed economica. Stupisce che a questo proposito si parli poco di Louise Brooks – soltanto citata per le sue memorie, peraltro molto interessanti – che rifiutò un contratto/capestro ad Hollywood per venire in Europa a lavorare con Pabst portando la sua modernità in tre film memorabili.

Nel parlare delle attrici europee, che l’autrice definisce New New Women, il taglio punta ad evidenziare soprattutto “la centralità del cinema e del divismo nel processo di autodeterminazione del soggetto femminile”. Ed è interessante vedere come se ne parli includendo in un'unica struttura significante l’attrice con le sue vicende personali, i personaggi che ha interpretato e l’eco mediatica che ha suscitato, col risultato di dare un nuovo spessore a nomi arcinoti come Karina, Vitti, Bardot, Loren, Fonda, Weawer, Sarandon, sino all’identificazione della pura ‘celebrity’ in Angelina Jolie. Il discorso sul divismo diventa in questo caso propulsore di un’evoluzione femminile verso l’autonomia di un soggetto attivo, che non è più soltanto ‘oggetto dello sguardo maschile’, come affermava Laura Mulvey nelle sue analisi dei film classici di Hitchcock.

La parte più attraente e discorsiva del libro è comunque quella dedicata alle registe e ai loro film, e in particolare a quelle che, come Germaine Dulac, Maya Deren, Agnes Varda, Chantal Akerman, Laura Mulvey, hanno trovato nel cinema il mezzo ideale per esprimere la loro visione del mondo. E se dal ripercorrere i loro film traspare un piacere visivo in grado di lenire le offese dell’oppressione patriarcale, bisogna dire che anche la scrittura dell’autrice raggiunge qui un piacere descrittivo e analitico che si intuisce sia stato il motore propulsivo di un così ampio lavoro.

 

Maieutica

Elisa Biagini

è l'occhio della
memoria che si vela:
andate le giunture
di ossa e di parole

hai solo un fotogramma
tra le ciglia

(e se tu ti scompari
io mi scoloro
dalle foto, s'asciuga
quel mio primo sospiro)

(duemilatredici)

*
in quell'aprirmi al
mondo c'è il tuo
viso e il taglio
che mi ha fatta
sola:
un nodo
per ricordare
al mio piede
la tua mano.

(nove dicembre millenovecentosettanta)

*
*

se altrove si aprono
cassetti
e serrature,
qui è il momento
che la bocca
torni a schiudere:
restituisca l'aria
presa in prestito,
una boccata durata
una vita.

(marzoduemilaquattordici)

www.elisabiagini.it

 

alfadomenica maggio #3

FUMAGALLI sul REDDITO -- SCOTINI e DINLENMIS su DISOBEDIENCE -- BIANCHI Video -- GUIDA Poesia – CAPATTI Ricetta**

CHI DI PRECARIETÀ FERISCE
Intervista ad Andrea Fumagalli di Davide Gallo Lassere

Nel capitalismo contemporaneo, la precarietà si presenta come condizione generalizzata e strutturale, oltre che esistenziale. È qui che entra in campo il concetto di trappola della precarietà la cui concettualizzazione non è però uniforme. Se il diritto al lavoro viene sostituito dal diritto alla scelta del lavoro, la maggior libertà che ne consegue può assumere connotati eversivi e potenzialmente sovversivi.
Leggi >

TUTTO VA BENE! DISOBEDIENCE A ISTANBUL
Conversazione tra Marco Scotini e Cem Dinlenmis

L’esposizione Disobedience Archive arriva a Istanbul in coincidenza con l’anniversario degli eventi di Gezi Park. In un clima molto mutato in cui le tracce fisiche dei giorni fatidici del giugno 2013 sono rimaste sempre meno, la resistenza perdura sotto una repressione sempre maggiore.
Leggi >

PAESANI SOVVERSIVI - Video

«La gambe del Felice» di Sergio Bianchi (DeriveApprodi, 2014), il primo romanzo Abarth della storia della letteratura italiana contemporanea. Video della presentazione ad Acrobax (Ex Cinodromo)
Guarda >

A OGNI PASSO DEL SEMPRE - Poesia
Alfonso Guida

C’è una breve macchia intorno alla testa –
breve come uno spavento. Stellata
ghirlanda di spine calve, il tuo minimo
soffio, le perdizioni anchilosate..
Leggi >

LE FRAGOLE... COME? - Ricetta
Alberto Capatti

Come condire altrimenti le fragole? Ada Boni considera la risposta a questa domanda, conclusiva, e prima di mettere la parola fine al suo Talismano, si pronuncia così: “Generalmente le fragole si condiscono con vino, rosso o bianco e zucchero. Anche eccellenti sono con marsala e zucchero.
Leggi >

*alfadomenica è la rubrica settimanale di alfabeta2 in rete:
ogni domenica articoli di approfondimento, dibattiti, scritture, poesie ecc.

Tutto Va Bene! Disobedience a Istanbul

Conversazione tra Marco Scotini e Cem Dinlenmis

Marco Scotini: L’esposizione Disobedience Archive arriva a Istanbul in coincidenza con l’anniversario degli eventi di Gezi Park. In un clima molto mutato in cui le tracce fisiche dei giorni fatidici del giugno 2013 sono rimaste sempre meno, la resistenza perdura sotto una repressione sempre maggiore. Di fronte allo scontro ormai inevitabile il movimento è costretto a inventarsi forme d’azione più mimetiche e alternative. A invitare Disobedience Archive in Turchia è Salt Beyoglu, uno dei centri più importanti per l’arte contemporanea diretto da Vasif Kortun. Il display fatto con materiale di risulta e progettato dal collettivo Herkes İçin Mimarlık (Architettura per tutti) include una vetrina dove sono presentate alcune serie dei tuoi lavori grafici: dagli annuari Her Sey Olur (Tutto va bene) alle copie della rivista Penguen e ai taccuini con appunti e note scritte a mano. Cem, nonostante l’età sei ormai un noto cartonista: come nasce questo tuo modello di racconto quotidiano in versione comix e provocatoria della storia sociale in Turchia? Come e quando ti è venuta l’idea di raccogliere tutto secondo un ordine cronologico? In che modo è ancora possibile testimoniare qualcosa o intervenire nel corso degli eventi?

Cem Dinlenmis: Tradizionalmente le prime due pagine delle riviste umoristiche turche a carattere settimanale sono riservate alle vignette politiche disegnate dai fumettisti che vi collaborano. Ciascuna vignetta è disposta con una didascalia di spiegazione sul lato superiore dell’immagine. Questo elemento dà alla rivista un carattere da bollettino di notizie settimanali. In queste pagine e con la stessa motivazione, faccio un’illustrazione dei singoli eventi settimanali che vengono poi raggruppati senza spiegazioni e uniti tra loro in modo totalmente imprevisto. Quando colleziono assieme i numeri settimanali per la pubblicazione finale dell’annuario, i miei appunti scritti a mano sono condivisi con il lettore come una fonte di dati che originalmente io utilizzo nel processo di produzione delle vignette. La mia aspirazione è semplicemente quella di registrare i fatti in modo non convenzionale mentre essi stanno accadendo. Non si tratta necessariamente di una critica o di una cronaca ma di una proposta di sguardo comico sullo stato attuale delle cose.

disobedience_press_CMYK (2) (600x390)
Diagram by Cem Dinlenmiş for Disobedience Archive (The Park), 2014.

M.S.: Visto che nel tuo lavoro registri gli eventi che accadono su base giornaliera, ti saresti aspettato che accadesse qualcosa come la Comune di Gezi alla fine del maggio 2013?

C.D.: Fino alla fine del maggio 2013 il clima era soffocante in molti modi, considerando che l’amministrazione non dava importanza alle critiche e la voce del dissenso non veniva ascoltata assolutamente. A quel punto mi è sembrato che scherzare non avesse davvero più senso perché, con il bombardamento di Reyhanli, gli effetti della guerra in Siria sono diventati ancora più evidenti per la Turchia, causando molte vittime tra i civili e un’emergenza umanitaria, mentre qualsiasi resoconto sugli attacchi era proibito. Una nuova legge sull’uso dell‘alcool è stata approvata una settimana dopo e ciò ha causato altri malumori nella società. Ma, come tutti sanno, la scintilla vera è stata originata dai gruppi di diversi individui che si sono organizzati all’istante per contestare l’espropriazione dei loro beni comuni dopo le prime mosse del progetto di demolizione di un parco cittadino. Tutto è accaduto in un attimo e il flusso della storia è stato rapido. Poche cose erano davvero prevedibili.

Disobedience Archive 29.04.2014 011 (600x400)

M.S.: Come ha scritto un tuo collega per Creative Time: "Le riviste umoristiche e le pubblicazioni satiriche sono servite come i soli sbocchi per un dissenso politico aperto. Nonostante i contenziosi e le minacce, pubblicazioni satiriche come Uykusuz e Penguen, che seguono la tradizione dei giornali a fumetti come Girgir oppure Limon e Leman, hanno preso in giro continuamente politici corrotti e regole ingiuste, procurando ad un ampio pubblico di lettori notizie che nessuno dei media dominanti avrebbe osato toccare." Sei d’accordo sul fatto che le riviste di fumetti hanno una reale influenza politica sulla cultura turca?

C.D.: La tradizione dei settimanali a fumetti, che è stata ampiamente formata da Girgir negli anni ’70 (che riusciva a vendere più di mezzo milione di copie settimanali), ha una reale influenza sulla cultura popolare turca. Negli anni ‘90, Limon e Leman tenevano una posizione d’avanguardia su temi come lo stato di terrore e la minoranza curda nel momento in cui le tendenze editoriali si muovevano verso i livelli più bassi della cultura urbana. Oltre al loro ruolo di critica e derisione, le riviste praticamente non raccolgono più le notizie da sé, ma si appoggiano ai giornalisti indipendenti esterni. Durante gli anni 2000, nell’era di Penguen, i media dominanti sono tutti passati ad una polarizzazione di stato, facendo crescere anche la necessità di punti di vista delle riviste satiriche assieme a nuovi modi di giornalismo indipendente.

Disobedience Archive 29.04.2014 020 (600x400)

M.S.: Il fantastico diagramma che hai progettato, alla maniera di Fahlström, per Disobedience Archive è una sorta di tavola sinottica delle forme di resistenza sociale attorno al mondo negli ultimi decenni: dal Parco Lambro a Gezi Park. Dentro questo spettro, qual’è il carattere specifico e singolare del movimento di Gezi?

C.D.: Penso che l’aspetto più pervasivo sia il suo carattere civile. Al di là delle priorità ambientaliste, la protezione dello spazio comune è diventato uno dei motivi centrali per tutto il movimento di Gezi, la resistenza alla restrizione delle dimostrazioni pubbliche in luoghi specifici selezionati illegalmente dal governo. L’alto grado di civiltà è il concetto specifico più stimolante per me dopo aver assistito alla straordinaria tendenza pacifica della gente nel mezzo delle scene apocalittiche di conflitto e brutalità poliziesca.

Disobedience Archive 29.04.2014 016 (600x399)

M.S.: Visto come sono andati gli eventi, come hai rappresentato lo scorso primo maggio dalle pagine della rivista Penguen?

C.D.: Il primo Maggio 2014, 39000 poliziotti sono stati delegati a proteggere lo spazio pubblico di Istanbul dalla gente. Ho dato testimonianza di tale reale follia che imponeva un posto di controllo in ogni strada di Beyoğlu. In definitiva ho rappresentato tipi di polizia di ogni genere nella mia pagina di Penguen.

Disobedience Archive (The Park)
a cura di Marco Scotini e Andris Brinkmanis
Salt Beyoglu, Istanbul
Fino al 15 giugno 2014

Chi di precarietà ferisce

Intervista di Davide Gallo Lassere ad Andrea Fumagalli

DGL: Dal pacchetto Treu fino al Jobs Act di Renzi, passando per la Riforma Fornero, negli ultimi anni in Italia si è assistito a una progressiva precarizzazione del mondo del lavoro. Nei tuoi interventi parli spesso di “trappola della precarizzazione”. Che cosa intendi con questa espressione?

AF: Nel capitalismo contemporaneo, la precarietà si presenta come condizione generalizzata e strutturale, oltre che esistenziale. È qui che entra in campo il concetto di trappola della precarietà la cui concettualizzazione non è però uniforme. Una prima definizione si riferisce a una sorta di circolo vizioso, che impedisce agli individui di liberarsi dalla loro condizione precaria perché cercare un lavoro stabile costa troppo. Vivere in condizioni precarie significa sostenere i cosiddetti costi di transazione, che incidono pesantemente sul reddito disponibile: stiamo parlando del tempo necessario per compilare una domanda di lavoro, della perdita del lavoro temporaneo e della ricerca di un nuovo impiego, dei tempi e dei costi di apprendimento che il nuovo lavoro richiede.

Un’altra definizione più ampia ha a che fare con la constatazione che vivere una condizione precaria implica sostenere in modo individuale il peso dell’insicurezza sociale e del rischio che vi è connesso. Da questo punto di vista, la trappola della precarietà è il risultato della mancanza di un’adeguata politica di sicurezza sociale e può essere considerata come un fenomeno congiunturale. In alcune recenti analisi, partendo dal fatto che la precarietà è più diffusa nei servizi avanzati e nelle industrie creative, si sostiene che un intervento di politica economica in tali settori potrebbe risolvere la situazione.

In queste due interpretazioni, la trappola della precarietà può essere eliminata se viene applicata una politica economica adeguata. Oggi, tuttavia, la precarietà si sta trasformando in un fenomeno sempre più strutturale e generalizzato, eliminabile solo attraverso un drastico cambiamento delle dinamiche del mercato del lavoro. La trappola della precarietà, soprattutto nel breve periodo, è diventata fisiologica, alimentata dal fatto che il lavoro attuale si basa sullo sfruttamento delle facoltà della vita e della soggettività degli esseri umani.

A fondare, oggi, la trappola della precarietà c’è un nuovo tipo di esercito industriale di riserva. La definizione tradizionale si basa sull'idea che la presenza di disoccupazione eserciti una pressione sui lavoratori, riducendone la forza contrattuale. In un noto saggio sulle origini politiche della disoccupazione, Kalecki sostiene che in un sistema di relazioni industriali può essere conveniente per la classe imprenditoriale rinunciare all'ottimizzazione del profitto (che si otterrebbe se si perseguisse la piena occupazione) per creare volutamente un bacino di disoccupazione con lo scopo di ridurre il potere contrattuale dei sindacati.

Questa ipotesi ha senso se la distinzione tra tempo di lavoro e non-lavoro (cioè tra occupati e disoccupati) fosse chiara e precisa, come nel periodo fordista. Ma oggi, nell’era del bio-capitalismo cognitivo, tale distinzione è sempre meno netta e il controllo tende sempre più a basarsi sul ricatto del reddito e sulla individualizzazione gerarchica del rapporto di lavoro. Ecco uno dei principali motivi per cui la condizione di precarietà è ormai generalizzata e strutturale. Ed è proprio questa condizione precaria, percepita in modo differenziato da individuo a individuo, che nutre e definisce il nuovo esercito industriale di riserva: un esercito che non è più al di fuori del mercato del lavoro, ma ne è direttamente all'interno.

In altre parole, sembrano esserci buoni motivi politici, indipendentemente da qualsiasi dichiarazione pubblica e ufficiale, per mantenere un certo grado di precarietà (al punto che è utile alimentarla, e ciò descrive in toto la filosofia politica alla base delle recenti riforme del mercato del lavoro, Jobs Act in testa) così come nel periodo fordista non era "conveniente" raggiungere una situazione di piena occupazione. La trappola della precarietà gioca oggi lo stesso ruolo svolto nel secolo scorso dalla trappola della disoccupazione, ma con una differenza, che rende l'attuale situazione ancora più drammatica: oggi, la condizione di precarietà si aggiunge allo stato di disoccupazione con dinamiche anti-cicliche.

In fase di espansione, come è avvenuto all’inizio del nuovo millennio, prima della grande crisi economico-finanziaria scoppiata nel 2008, la crescita di occupazione è stata accompagnata dall’aumento dei contratti precari (con un effetto di sostituzione rispetto al lavoro standard), mentre nell’attuale fase di recessione avviene il contrario: sono i lavoratori precari in primo luogo a perdere il lavoro, alimentando il numero degli scoraggiati o dei giovani Neet. In tal modo, si persevera, pur con modalità differenti, il dispositivo di controllo biopolitico sulla forza lavoro, favorendo per di più la crisi di rappresentanza dei sindacati tradizionali e la riduzione delle rivendicazioni sociali.

Infine, occorre ricordare che la trappola della precarietà non ha nulla a che vedere con la trappola della povertà. Quest’ultima è “un meccanismo auto-rinforzante che causa la povertà a persistere”. Se persiste, di generazione in generazione, la trappola comincia a rafforzarsi, a meno che non si prendano provvedimenti per interromperne il ciclo. Nella letteratura tradizionale, la trappola della povertà descrive una condizione strutturale da cui le persone non possono liberarsi nonostante i loro sforzi, ed esprime un concetto differente dalla "trappola della disoccupazione". Quest’ultimo concetto fa riferimento al fatto che la presenza di sussidi alla disoccupazione possa incentivare l’individuo disoccupato a rimanere tale piuttosto che cercare l’inserimento nel mercato del lavoro. Una delle critiche più comuni all'ipotesi del reddito di base ha a che fare proprio con la persistenza della trappola della disoccupazione: il pagamento di un sussidio per i disoccupati potrebbe razionalmente indurre a rimanere disoccupati, riducendo la partecipazione al mercato del lavoro, con una conseguente diminuzione di efficienza del sistema economico.

Pertanto, un’ampia letteratura mainstream cerca di dimostrare come un aumento delle prestazioni di welfare, soprattutto quando incondizionata (come afferma la definizione corretta del reddito di base), è una delle cause della disoccupazione volontaria, che incide negativamente sull’equilibrio economico. Ancora una volta, però, i risultati empirici sono controversi. Oggi, a fronte di una situazione di precarietà strutturale, questo tipo di ragionamento è quasi irrilevante. La presunta inefficienza, infatti, non risiede più nel divario tra la scelta di lavorare e quella di non lavorare, ma tra un lavoro precario e un lavoro desiderato. E il lavoro desiderato presenta sicuramente un grado di efficienza maggiore. Se nel bio-capitalismo cognitivo la vita, direttamente o indirettamente, è messa al lavoro e quindi a valore, il concetto di disoccupazione cambia radicalmente. Oggi il disoccupato non è più colui che è inattivo, nel senso di improduttivo (da un punto di vista capitalistico), ma piuttosto colui che svolge un’attività produttiva non certificata come tale e, di conseguenza, non remunerata.

La precarietà porta a una condizione di ricatto che induce forme di auto-repressione e di inefficienza. La trappola della precarietà ne è la conseguenza. Siamo in una situazione opposta a quella della trappola della disoccupazione, la cui esistenza poteva avere un senso (se lo aveva) in epoca fordista. Se ieri la trappola della disoccupazione (o della povertà) poteva derivare dalla presenza di politiche di welfare, oggi la trappola della precarietà è, piuttosto, il risultato della mancanza di politiche adeguate di welfare.

DGL: Non si tratta, però, di far girare all’indietro le ruote della storia alla ricerca di una perduta sicurezza del posto fisso, ma di combattere dentro alla precarietà contro la precarietà, lottando per un diritto alla scelta del lavoro piuttosto che per un diritto al lavoro tout court…

AF: Spesso viene avanzata l’idea che per contrastare la diffusione della precarietà sia necessario ripristinare condizioni di lavoro stabile. Di fatto, si vorrebbe cancellare con un colpo di spugna la condizione precaria tramite un intervento legislativo che abroghi le diverse leggi di riforma del mercato del lavoro, via via introdotte a partire dal pacchetto Treu sino alla legge 300, alla riforma targata Monti-Fornero e, oggi, al Jobs Act di Renzi. Che in Italia ci sia un abuso della precarietà anche laddove non sarebbe necessario è oggi sempre meno messo in discussione. Ma una simile prospettiva di azione rischia di essere inadeguata e soprattutto impraticabile, perché non tiene conto delle mutate condizioni, non solo contrattuali ma anche qualitative, della prestazione lavorativa a seguito delle trasformazioni strutturali e tecnologiche nell’organizzazione del lavoro.

La tematica del lavoro come bene comune è stata proposta cercando di porre la centralità del lavoro, comunque condizionato alle esigenze dell’accumulazione capitalistica, come perno per una politica di crescita dell’economia italiana. La proposta della Cgil nell’ultimo congresso di un piano nazionale per il lavoro va appunto in questa direzione. Eppure, mi sembra una soluzione anacronistica, che non guarda davvero al futuro.

Che la precarietà possa ridursi facendo appello a improbabili politiche della crescita (che si vorrebbero fare, come dice il nuovo governo Renzi-Poletti, incrementando la precarietà!) o semplicemente a interventi sul piano giuridico, che prevedano l’abolizione di alcune tipologie contrattuali atipiche, non pare molto probabile e rischia di essere una pura illusione, nella migliore delle ipotesi, se non pura demagogia, nella peggiore.

A tale riguardo, oggi è in atto una politica economica che possiamo definire dei due tempi. Un primo tempo finalizzato all’incremento di quella competitività del sistema economico in via di globalizzazione come unica condizione per favorire la crescita che, in un secondo tempo, avrebbe dovuto – nelle migliori intenzioni riformiste – generare le risorse per migliorare la distribuzione sociale del reddito e, quindi, il livello della domanda. Le misure per creare competitività, nel contesto della cultura economica dominante, hanno riguardato in primo luogo due direttrici: da un lato lo smantellamento dello stato sociale e la sua finanziarizzazione privata (a partire dalle pensioni, per poi via via intaccare l’istruzione e oggi la sanità), dall’altro la flessibilizzazione del mercato del lavoro, al fine di ridurre i costi di produzione e creare i profitti necessari per incoraggiare un eventuale investimento. I risultati non sono stati positivi: lungi dal favorire un ammodernamento del sistema produttivo, tale politica ha generato precarietà, stagnazione economica, progressiva erosione dei redditi da lavoro, soprattutto dopo gli accordi del 1992-93, e quindi calo della produttività. Il secondo tempo non è mai cominciato e sappiamo che, sic rebus stantibus, non comincerà mai.

Tutto ciò è poi avvenuto mentre era in corso una rivoluzione copernicana nei processi di valorizzazione capitalistica, che ha visto la produzione immateriale-cognitiva acquisire sempre più importanza a danno di quella materiale-industriale. Oggi i settori a maggior valore aggiunto sono quelli del terziario avanzato e le fonti della produttività risiedono sempre più nello sfruttamento delle economie di apprendimento e di rete, proprio quelle economie che richiedono continuità di lavoro, sicurezza di reddito e investimenti in tecnologia: in altre parole, una flessibilità lavorativa che può essere produttiva solo se a monte vi è sicurezza economica (continuità di reddito) e libero accesso ai commons (conoscenza, mobilità, socialità). Il mancato decollo del capitalismo cognitivo in Italia è la causa principale dell’attuale crisi della produttività. L’attuale mantra sulla crescita parte dall’ipotesi che l’eccessiva rigidità del lavoro sia la causa prima della scarsa produttività italiana. La realtà invece ci dice l’opposto. È semmai l’eccesso di precarietà il principale responsabile del problema. Chi di precarietà ferisce, prima o poi di precarietà perisce.

DGL: In che misura il reddito di base incondizionato potrebbe invece scardinare tale logica?

AF: Il prevalere oggi di economie di scala dinamiche (di apprendimento e di relazione) come fonte della produttività e della ricchezza ci porta a credere che sia prioritario pensare a un nuovo sistema di sicurezza sociale (commonfare) quale punto di partenza per riorganizzare il mercato del lavoro.

Per fare ciò occorre rovesciare completamente la logica dei due tempi dell’attuale politica economica. Il primo tempo dovrebbe essere costituito da interventi finalizzati a garantire non solo la stabilità di lavoro (laddove è necessaria) ma soprattutto la stabilità di reddito e la sicurezza sociale, in modo da migliorare la capacità produttiva, incrementare la domanda, favorire i processi di apprendimento e di rete per accrescere la produttività, creando così condizioni più favorevoli per gli investimenti (non occorre essere economisti per comprendere che gli investimenti sono funzione più delle aspettative sulla domanda futura che di quelle sul livello presente dei profitti o delle rendite percepite).

In quest’ottica, l’Italia ha bisogno di secur-flexibility più che di flex-security, soprattutto se quest’ultima è tracciata dalle linee guida del Jobs Act, che prevede l’istituzionalizzazione di un contratto a tempo determinato come contratto di riferimento per tutti (ad alto grado di ricattabilità e subalternità del lavoratore), un contratto di apprendistato per i giovani a medio-bassa qualifica trasformato in contratto di inserimento a bassi salari e vantaggioso fiscalmente per le imprese, e lavoro di stage o volontario per i giovani a medio-alta qualifica, in attesa di essere inseriti nel mercato del lavoro con contratti a termini (la cd. “garanzia giovani). L’istituzionalizzazione di una condizione precaria strutturale, generale ed esistenziale è esattamente ciò che non ci vuole.

Ciò di cui abbiamo invece bisogno per ridurre e combattere la precarietà, è un reddito di base incondizionato come strumento, primus inter pares, per mettere a nudo le contraddizioni dell’attuale stagnante accumulazione economica. Che la proposta di un welfare fondato su un unico intervento di sostegno al reddito venga ritenuta politicamente inaccettabile dalla classe imprenditoriale non stupisce più di tanto, anche se garantire un reddito stabile aiuterebbe la crescita della produttività e della domanda di consumo (quindi, in ultima analisi, anche del profitto). Il vero problema è che una regolazione salariale basata sulla proposta di reddito di base incondizionato (magari unita a un processo di accumulazione fondato sulla libera e produttiva circolazione dei saperi) mina alla base la stessa natura del sistema capitalista, ovvero la necessità del lavoro e la ricattabilità di reddito come strumento di dominio e controllo, oltre alla violazione del principio di proprietà privata dei mezzi di produzione (ieri le macchine, oggi la conoscenza).

Se il diritto al lavoro viene sostituito dal diritto alla scelta del lavoro, la maggior libertà che ne consegue può assumere connotati eversivi e potenzialmente sovversivi. La posizione contraria a qualsiasi proposta di reddito di base da parte dei sindacati deriva invece da due principali fattori: da un lato, buona parte del sindacato italiano (non solo quello confederale ma anche quello di base) è ancora fortemente imbevuta dell’etica del lavoro e accetta difficilmente di dare un reddito a chi non lavora, soprattutto se incondizionato e non finalizzato all’inserimento lavorativo; dall’altro, viene visto con preoccupazione il fatto che il reddito di base possa influire negativamente sulla dinamica salariale (effetto sostituzione) e ridurre gli ammortizzatori sociali.

Riguardo al primo punto, la posizione dei sindacati, non dissimile da quella delle controparti, rispecchia il ritardo – sia culturale sia politico – con cui le forze sociali prendono atto dei cambiamenti intervenuti nel passaggio dal capitalismo fordista al biocapitalismo cognitivo. L’idea che bisogna guadagnarsi il pane con il sudore della propria fronte rispecchia l’ideologia del lavoro, sino a declinarsi nella “falsa” parole d’ordine di “lavoro bene comune”.

Il secondo punto pone invece una questione più importante. Il rischio che l’introduzione di un reddito di base possa indurre una riduzione dei salari è effettivamente reale. Per questo una simile misura deve essere accompagnata dall’introduzione in Italia di una legge che istituisca il salario minimo, ovvero stabilisca che un’ora di lavoro non può essere pagata meno di una certa cifra, a prescindere dal lavoro effettuato. Inoltre, occorre anche considerare che la garanzia di reddito diminuisce la ricattabilità individuale, la dipendenza, il senso di impotenza di lavoratori e lavoratrici nei confronti delle imprese.

Richiedere un reddito minimo è la premessa perché i precari, i disoccupati e i lavoratori con basso salario possano sviluppare conflitto sui luoghi di lavoro. Oggi il ricatto del licenziamento o del mancato rinnovo del contratto, senza nessun tipo di tutela, è troppo forte. Il reddito, unito a garanzie contrattuali dignitose e a un salario minimo, renderebbe tutti meno ricattabili e quindi più forti. E permetterebbe di chiedere il miglioramento delle proprie condizioni lavorative e contrattuali.

 

Paesani sovversivi

«La gambe del Felice», il romanzo di Sergio Bianchi pubblicato per la prima volta nel 2004 presso Sellerio e appena ripubblicato da DeriveApprodi - è la descrizione in vitro, passo per passo, delle fasi di un processo che ha un nome e una data: il Miracolo economico italiano, il mitico Boom che alla fine degli anni ’50, che esplode come un virus inarrestabile, proliferando attraverso le piane e le valli cisalpine e cispadane, travolgendo ovunque costumi e consuetudini, tradizioni locali e tabù cattolici, mentalità e dialetti… Una scrittura nominale, concreta, materiale, «parlata», una struttura per quadri, una coralità di microstorie. Una punteggiatura secca, battente, senza virgole. Una parola che sembra discendere da un altro tempo.

Qui un estratto video della presentazione del 9 maggio al Loa Acrobax (Ex Cinodromo).