Alfadomenica #2 – luglio 2018

La giornata di un (quasi) scrutatore è il titolo (quasi) calviniano del commento di Fabio Salomoni alle recenti elezioni in Turchia, con cui apriamo l'Alfadomenica di oggi. Un Alfadomenica molto corposo, che ha al suo centro la poesia, con cinque raccolte a firma di Gherardo Bortolotti, Maria Grazia Calandrone, Biagio Cepollaro, Vincenzo Ostuni e Enrico Testa, recensite rispettivamente da Massimiliano Manganelli, Giovanna Frene, Giorgio Mascitelli, Luigi Severi e Patricia Peterle. [...]

Riccardo Muti, tra Kiev e Ravenna la musica come ambasciatrice di pace

Benedetta Saglietti

Sono trascorsi ventun anni da quando a Sarajevo, nel Centro Skenderija, uno dei luoghi della città meno toccati dalla guerra, in un paese ancora sotto stretta sorveglianza militare, risuonarono il Canto degli spiriti sulle acque di Schubert e l’Eroica di Beethoven: dal quel 14 luglio 1997 il Ravenna Festival organizza le Vie dell’amicizia, l’annuale pellegrinaggio dell’amicizia voluto da Riccardo Muti. [...]

Nelle pieghe della musica con Muti

Benedetta Saglietti

Foto di Silvia Lelli

Frequentare un’accademia per studiare un’opera lirica (Aida) guidati da un grande maestro, Riccardo Muti, al Teatro Alighieri di Ravenna: quest’anno si tiene la terza edizione. In precedenza, l’accademia ha affrontato le letture di Falstaff (2015) e Traviata (2016). Un’esperienza da specialisti, riservata a pochi eletti? Falso.

Si penserà che anzitutto sia riservata a chi conosce già bene la musica e a chi sa leggerla. [...]

Speciale Ravenna Festival 2017

Nello Speciale:

  • Valentina Manchia e Benedetta Saglietti, Silvana Barbarini, un secolo di forme in azione
  • Serena Carbone, Un quadrato nero per i rapsodi del futuro

Silvana Barbarini, un secolo di forme in azione

Valentina Manchia e Benedetta Saglietti

Fotografia di Alberto Calcinai

“La danza ha sempre estratto dalla vita i suoi ritmi e le sue forme”: inizia così il Manifesto della danza futurista con cui Marinetti si riprometteva, quasi dieci anni dopo la pubblicazione del celebre manifesto del 1909 e a cent’anni da oggi, nel luglio del 1917, di espandere lo sguardo futurista anche alla danza, secondo quelle ambizioni da arte totale che avevano preso le mosse da poesia, pittura e scultura e sarebbero arrivate, di lì a pochi anni, fino alla gastronomia. [...]

Anteprima Beethoven

beethovenBenedetta Saglietti

È un'icona. Può essere tutto, e il contrario di tutto. Ha finito per dar suono e forma all'anelito alla felicità. Interrompe la manifestazione della AfD (Alternative für Deutschland, il partito di ultra-destra tedesco) il 25 novembre scorso. Regna incontrastato sui flash-mob. Dà la colonna sonora alle rivolte di massa. Naturalmente, si oppone ai regimi (protesta di piazza Tienanmen, 1989). [...]

alfadomenica #4 giugno 2016

Oggi su alfadomenica:

  • Andrea Inglese, Il saggio-mondo di Massimo Rizzante: Ci troviamo oggi in una situazione paradossale. Sul piano editoriale, il romanzo è il genere vincente, l’unico genere letterario che sembra avere una legittimità commerciale, e nello stesso tempo proprio il romanzo sembra non aver mai goduto di così scarsa considerazione. Da molti, il romanzo è considerato un «genere facile», che ha rinunciato a porre sfide particolari al lettore, e che concentra tutte le sue virtù nell’abile costruzione di un intrigo in grado di catturarne l’attenzione ondivaga, strappandolo alle mille sollecitazioni di una società dell’iper-comunicazione.
[...]