Alfadomenica #2 – maggio 2019

Un alfadomenica monstre, quello di oggi: si comincia con due sguardi  sulla Biennale d'arte di Venezia, prima parte di uno speciale che si amplierà nelle prossime settimane; si continua con un focus su “città e cultura” in occasione del Salone del libro di Torino (ma i temi trattati, che riprendono quelli di un convegno organizzato nei mesi scorsi dal Forum del libro vanno ben oltre il perimetro della fiera piemontese); si prosegue con recensioni e interventi fra libri, teatro e danza; e si chiude con due riflessioni piuttosto amare, dedicate rispettivamente alle prossime elezioni europee e alla situazione turca, oltre che con il ben più gioioso Alfagola.

Leggete, commentate, fate circolare questa newsletter e se non lo avete ancora fatto, iscrivetevi all'associazione Alfabeta.

Buona lettura!

Il sommario

Manuela Gandini, Speciale Biennale 2019 /Apocalypse_Biennial. Il mattino ha l’oro in bocca

Lucia Tozzi, Speciale Biennale 2019 / La forma catturata e messa in gioco

Giulio Lughi, Focus Città e cultura / La vita dentro i media

Giovanni Semi, Focus Città e cultura / Spazi pubblici e territori di scarto

Lelio Demichelis, L'irresistibile seduzione dell'ipocrisia

Tiziana Migliore, La televisione secondo Eco, storie di guerriglia semiologica

Valentina Valentini, Il genius loci di Primavera dei teatri. Una conversazione con Saverio La Ruina

Enrica Palmieri, Angelin Preljocaj, lo specchio di Biancaneve

G.B. Zorzoli, Alle urne senza amore

Fabio Salomoni, Contrordine, a Istanbul si rivota

Alberto Capatti, Alfagola / Fagiuoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.