Alfagiochi / Poeti, politici, gastronomi

Antonella Sbrilli

Dopo quella del 2 dicembre scorso al Cinema Palazzo di Roma, venerdì 25 gennaio si è svolta una nuova presentazione dell’Almanacco 2019 di “alfabeta”, edito da alfabeta2 e DeriveApprodi e curato da Nanni Balestrini e Maria Teresa Carbone. Nella sala delle Colonne della Galleria Nazionale (viale delle Belle Arti), l’Almanacco ha mostrato altre facce della sua antologica natura. Doppiamente antologica: è composto infatti di una prima parte che raccoglie consistenti testi critici (e fotografie di Uliano Lucas) e di una seconda, che presenta una selezione dei materiali proposti con cadenza settimanale dalla rivista nel corso del 2018, organizzati tematicamente per sezioni. Le sezioni sono intitolate a macro-temi e sono quindici: Poesia, Narrativa, Letteratura, Teatro, Arte, Fotografia, Design, Architettura, Cinema Musica, Filosofia, Politica, Sociologia, Storia, Gastronomia.

A leggere l’elenco delle categorie in gruppi di tre, viene fuori un ritmo, che riporta alla memoria un gioco favorito nell’età scolare: “Nomi, cose, città”, in cui bisognava trovare velocemente un nome che iniziasse con una lettera dell’alfabeto stabilita e che appartenesse a una delle categorie. Esiste una versione in scatola del gioco, dal titolo Scattergories, (“a creative-thinking category-based game”), che diventa Saltinmente nell’edizione italiana prodotta da Hasbro.
La struttura del gioco si adatta a molteplici varianti tematiche e a diversi livelli di difficoltà, al punto che si potrebbe giocare anche con le categorie dell’Almanacco di “alfabeta”.
Magari modificate come segue:
Poeti, politici, gastronomi, filosofi, artisti, architetti ecc.
La sfida è scrivere, per ciascuna di esse, nomi pertinenti che comincino con una lettera selezionata. Bisogna creare dei gruppi di gioco, da due a sei partecipanti, ma si può giocare anche in solitaria, con il vincolo di una scadenza temporale.

L’invito di questa settimana dunque è, in primis, a procurarsi l’Almanacco (vedi link nella colonna di destra) e poi a cimentarsi con le prime sei categorie proposte, popolandole di nomi che inizino con la A.

Le risposte possono essere inviate scrivendo all’indirizzo redazione@alfabeta2.com o tramite Twitter con l’hashtag #alfagiochi.

Il gioco della scorsa rubrica

Nella scorsa rubrica si è parlato del gioco collaborativo dal titolo “26 lettere dal confine”, volto a corredare le 26 lettere dell’alfabeto di voci pseudo-enciclopediche, collegate al tema del confine. Iniziato a gennaio con un incontro al Macro Asilo di Roma, il gioco va avanti fino a maggio. Una volta che tutte e 26 le lettere dell’alfabeto saranno “riempite” di una o più voci, l’artista Pietro Ruffo (qui www.pietroruffo.com una scelta dei suoi mappamondi, atlanti, aerei, mappe di migrazioni) visualizzerà i capilettera di questo lessico, creando un’opera che risenta anche del gioco di invenzione e redazione dell’insieme delle voci. Nei giorni scorsi ne sono arrivate diverse, fra cui: Alloppo, Bagnasciuga, Con-inizio, Fenomeni infrasottili, Fotocellula daltonica, Ghirlanda sgarbata, Hortus inconclusus, Ladri di spazio, Mare cuscinetto, Orizzonte degli eventi, Terminatore, Vertigine da intervallo.
Chi volesse seguire il gioco e contribuire ad esso, lo trova - insieme a regole e informazioni - all’indirizzo www.26letteredalconfine.com

Una risposta a “Alfagiochi / Poeti, politici, gastronomi”

  1. Poeti, politici, filosofi, artisti, architetti, scienziati… (sostituisco perché non conosco neppure un gastronomo)

    Achmatova (Anna)
    Alfano (Angelino)
    Anassimene di Mileto
    Archipenko (Alexander)
    Alberti (Leon Battista)
    Avogadro (Amedeo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.