Alfadomenica #3 – dicembre 2018

Il movimento dei gilet gialli francesi è al centro dell'intervento di Andrea Inglese con cui apriamo il densisssimo alfadomenica di oggi. Tra i materiali proposti un focus arte dedicato al flusso e al mercato e curato da Manuela Gandini, e una riflessione di Ernesto Ferrero sul ruolo della letteratura "per mappare terre incognite". (In basso il sommario completo del numero). Temi che ci riportano, ancora una volta, ad attirare l'attenzione dei lettori sull'associazione Alfabeta che abbiamo creato per sostenere la rivista e avviare una rete di persone accomunate dal desiderio di mantenere uno sguardo critico sulla realtà. Iscriversi all'associazione è un piccolo gesto di impegno in un momento in cui questa parola, che sembrava dimenticata e sepolta, riacquista valore e necessità. Vi aspettiamo, buona lettura!

Il sommario

Andrea Inglese, Pensare l’originalità dei gilet gialli: territorio, rappresentanza, salario

Manuela Gandini, Il Gioco dell’Oca a Casa Morra, una specie di euforia costante

Serena Carbone, Indipendenti. Da chi? Perché?

Francesca Pasini, Un chicco vivente

Antonello Tolve, Rotella, presente e futuro

Francesco Zucconi, Come un romanzo sul montaggio

Massimo Filippi, Il nuovo crepuscolo. Appunti presi in Italia 2013-2017

Desirée Massaroni, The Reunion, prospettive critiche sull'esclusione

Ernesto Ferrero, Prolusione al Premio Sertoli Salis

Antonella Sbrilli, Alfagiochi / Dadi e dati

Una risposta a “Alfadomenica #3 – dicembre 2018”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.