Alfadomenica #4 – giugno 2018

L'Alfadomenica di oggi si apre con un intervento di Sergio Bologna e Giairo Daghini tratto dal '68, il primo titolo della serie editoriale ALFABETA MATERIALI, che da poco è arrivato in libreria e che domani, lunedì 25 giugno, alle 18, verrà presentato nell'attico del nuovissimo Palazzo Merulana di Roma. Naturalmente i nostri lettori che si trovano a Roma e dintorni sono invitati all'incontro a cui parteciperanno - insieme a Nanni Balestrini - Cecilia Bello Minciacchi, Sergio Bianchi, Achille Bonito Oliva, Furio Colombo, Mario Gamba, Franco Piperno, Valentina Valentini.

Una generazione ribelle si intitola l'intervento di Bologna e Daghini e attraverso il filtro della ribellione (se non altro agli stereotipi imperanti) si possono leggere anche gli altri materiali che vi proponiamo oggi: un intervento di Letizia Paolozzi sulle prese di posizione del ministro Salvini a proposito di Rom e migranti, le recensioni ai saggi di Jean-Loup Amselle, di Colin Ward e di Federico Condello, firmate rispettivamente da Claudio Canal, Matteo Moca e Michele Emmer, e il testo di Enrico Donaggio sul concetto di alienazione, la cui versione integrale uscirà sul numero 62 della rivista "La società degli individui". In chiusura, una recensione di Silvia Cegalin alla mostra-performance Lenz e un Alfagola di Alberto Capatti nel segno della concisione.

Buona lettura!

Il sommario

Sergio Bologna e Giairo Daghini, Una generazione ribelle

Letizia Paolozzi, I Rom, Salvini e le Eumenidi

Claudio Canal, Jean-Loup Amselle, di cosa parliamo quando parliamo di Islam

Matteo Moca, Colin Ward, manifesto per un’educazione felicemente anarchica

Michele Emmer, Federico Condello, liceo classico per tutti

Enrico Donaggio, Una brutta fine. Breve storia del concetto di alienazione

Silvia Cegalin, Lenz e il divenire delle forme

Alberto Capatti, Alfagola / Breve brevissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.