Come ogni domenica, un rapido riepilogo sulle novità alfabetiche: nei giorni scorsi abbiamo chiuso l'Almanacco 2018, che arriverà in libreria nella seconda metà di novembre; stiamo avviando un'inchiesta su Poesia, editoria, istituzioni, di cui daremo man mano conto nel Cantiere di Alfabeta; e a proposito del Cantiere, è stato proposto un nuovo filo di discussione su Libertà di insegnamento e libri di testo. (Il Cantiere, lo segnaliamo a chi non segue regolarmente Alfabeta2, è uno spazio di dibattito online aperto agli iscritti all'Associazione Alfabeta). Infine, il blog Vita da editor ha appena pubblicato una ricognizione dei migliori blog letterari in Italia, e tra questi Alfapiù.

Questo, invece, il sommario di Alfadomenica:

  • Alessandro Azzoni, Teatro e storia alla Biennale di Anren. Intervista a Marco Scotini: Si è inaugurata ieri la prima Biennale di Anren, Today’s Yesterday, nell’omonima città cinese della regione del Sichuan. Diretta da Lü Peng – conosciuto in Occidente per A history of art in 20th century China, imponente volume edito da Charta – la Biennale vede tra i curatori della sezione internazionale Marco Scotini, direttore artistico di FM Centro per l’Arte Contemporanea e del Dipartimento Arti Visive di NABA. - Leggi:>
  • Maria Anna Mariani, Il volto di Anna Frank: I giocatori corrono dietro al pallone, ansimano dietro al pallone e poi sudano, quanto sudano. Intanto Anna Frank sorride dalle loro maglie, sorride mentre aspetta di morire e ha tredici anni, ne ha quattordici e poi quindici e poi basta, poi muore. E oggi rieccola, la ritroviamo sul cotone sudato, le sue parole rimpiazzano l’inno di Mameli, il diario se ne sta sospeso en plein air tra i fischi e i goal.- Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / Patate 1794: Il primo ricettario parigino consacrato alla patata appare nel 1794, in piena rivoluzione e porta il titolo La cuisinière républicaine. E’ dettato da tempi difficili per l’approvvigionamento urbano e stimola l’attenzione ad una derrata non troppo nota e poco condivisa. Le varietà sono ancora identificate dal colore, grigio, bianco, rosso e più pregiato, il violetto. Niente charlotte né vitelotte né roseval né tantomeno la mitica rat - Leggi:>
  • Antonella Sbrilli, Alfagiochi / "Mischi le trance"Si avvicina la chiusura della 57. Biennale di Venezia. Mancano meno di trenta giorni per visitare Viva Arte Viva e per concludere anche il gioco iniziato mesi fa su questa rubrica: “Biennale alla lettera”. - Leggi:>
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi