Antonella Sbrilli

Chi ha giocato con gli #alfagiochi della scorsa rubrica si è imbattuto in due sfide diverse. Si trattava di indovinare a quali artisti alludessero due carte del gioco in scatola Guess the Artist. The Art Quiz Game (Laurence King Publishing, 2017), che sintetizza la figura di artisti di tutte le epoche attraverso tre indizi visivi, disegnati dai grafici Craig & Karl.

La soluzione della prima carta è Jan van Eyck: gli indizi si riferivano alla testa d’uomo con turbante rosso, proveniente dal Ritratto conservato alla National Gallery di Londra; mentre il cagnolino e lo specchio erano presi dal celeberrimo Ritratto dei coniugi Arnolfini. Diversi lettori e lettrici, via Twitter e mail, hanno individuato la risposta.
I dipinti di van Eyck godono di una vasta notorietà visiva, per essere - direbbe Edgar Wind - fotogenici e adatti alla riproduzione. E godono anche di una fama alimentata dal gradiente di mistero sull’identità dei personaggi ritratti e delle loro relazioni. Voltando la carta di Guess the Artist, i tre indizi sono presentati proprio con riferimento alle controversie interpretative, ai significati simbolici, ai giochi di specchi delle presenze (visibili, riflesse, fantasmatiche) nella scena.

La seconda carta è rimasta irrisolta: i tre indizi (la figura di Peter Pan, la sagoma di un corpo su un terreno erboso, una finestra) alludono all’artista cubana Ana Mendieta (1948-1985), nota per le sue ricerche sul corpo femminile, sulla natura, sui vincoli culturali e politici.

Per arrivarci, bisognava collegare qualche informazione. Appartenente a un’importante famiglia cubana travolta dalla rivoluzione di Fidel Castro, da piccola fu inviata negli Stati Uniti con un programma dal paradossale nome di Operation Peter Pan. Sensibile ai temi dell’esilio e della terra madre, Ana Mendieta ha lavorato sul tema e sulla forma delle silhouette (Siluetas), fotografando le impronte del suo corpo sul terreno. L’atto finale della sua breve esistenza è segnato dal mistero della morte, avvenuta l’8 settembre del 1985, precipitando da un appartamento di New York, dove viveva col marito, anche lui artista, Carl Andre (che fu accusato di responsabilità nella tragedia). A questo fatto alluce la finestra disegnata sulla carta.

Attraverso la sfida nozionistica e associativa, Guess the Artist coinvolge i giocatori nella ricostruzione di un panorama essenziale di informazioni, caratterizzate dal concetto di “interstingness”, reso celebre da Maria Popova nel suo blog Brain Pickings (su cui avremo modo di tornare).


Abbiamo giocato fin qui con diverse esperienze di descrizioni di immagini, attraverso altre immagini somiglianti o abbreviate concettualmente, attraverso frasi e digressioni.

Il nuovo gioco invita a scoprire a quale dipinto di riferisce questa descrizione d’autore, tratta da un romanzo italiano:

Davanti ai santuari, ove sotto le pietre intangibili, finivano di marcire e di arrugginirsi le sacre armi d’Eracle, vegliavano guerrieri barbuti dal profilo purissimo e pieno di bellezza virile. Lungo i muri di mattoni, dal lato ove mai giungevano i raggi del sole, s’arrampicava l’edera e verdeggiava il muschio”.

Le risposte possono essere inviate via mail a redazione@alfabeta2.it, o su Twitter e Instagram con l’hashtag #alfagiochi

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi