Alberto Capatti

Sono un mangiatore di maccheroni rigati e di mezze maniche. Me li porto appresso, quando viaggio, e ripeto o invento il sugo, secondo luoghi e circostanze. A Parigi era triste rifare aglio e olio o cacio e pepe, ed allora ho guardato nel supermercato che cosa c’era in agosto, in particolare l’offerta di funghi, pleuroti e finferli. Acquistando questi ultimi, 12 euro al chilo, abbiamo improvvisato questo sugo.

140 gr di maccheroni

3 etti di finferli

1 spicchio d’aglio

Un ramettino di prezzemolo

1 cucchiaio di foie gras

Si tagliano i finferli per il lungo, a filetti. Si fanno rosolare due denti d’aglio nell’olio caldo, e si aggiungono i finferli che devono cuocere. A parte, si bollono i maccheroni e al dente, si scolano. Si aggiunge nella padella dei finferli, il prezzemolo tritato, quindi un cucchiato di foie gras. Si gira e rigira a fuoco spento, e poi si versano i maccheroni. Un ultima rimestata e non c’è che da impiattare.

I condimenti della pasta vanno studiati al mercato quindi in cucina, e, prova e riprova, si scrive la ricetta di un piatto di pasta a Parigi, impensabile in Italia.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi