L'eccezione canadese

Mentre il populismo di destra ha turbato le elezioni e la politica in tutto l'Occidente, c'è un paese dove i populisti hanno in gran parte fallito: il Canada. Gli ingredienti di base ci sono tutti: una maggioranza etnica bianca che perde la sua prevalenza demografica, un forte aumento dell'immigrazione che sta cambiando cultura e comunità; media e personalità politiche che scommettono sulla riscossa bianca. Tuttavia la politica del Canada rimane stabile. Il suo governo liberal e centrista è popolare. Non solo la politica della riscossa bianca non si è imposta, ma l'immigrazione e la diversità razziale sono fonti di orgoglio nazionale. E quando outsider antisistemici hanno giocato la carta populista, sono stati sconfitti. Gli osservatori esterni potrebbero supporre che questo è avvenuto perché il Canada è semplicemente più liberal, ma sarebbe un errore. Il Canada ha resistito all'ondata populista attraverso una serie di decisioni strategiche, potenti incentivi istituzionali, forti coalizioni di minoranze e circostanze particolari.

Amanda Taub, Canada’s Secret to Resisting the West’s Populist Wave, New York Times, 27 giugno 2017

Sesso e politica

Ogni volta che la legge e il sesso incrociano il loro cammino, è una brutta notizia per tutti, perché i meno capaci di elaborare buone norme relative al sesso sono i politici. Hanno la vita sessuale più distorta e incasinata che si possa immaginare. Non possono parlare di sesso. Non possono esprimere i loro sentimenti sessuali. Non possono nemmeno dire veramente da chi sono o non sono attratti. Certamente non possono parlare dei loro vizietti o delle loro interazioni con i lavoratori del sesso o con il porno. Sono ultra-iper repressi. Quella dei politici è la categoria di persone a cui è più stupido permettere di dettar legge su come dovremmo fare sesso”.

Tierney Finster, A Conversation With Conner Habib, the Syrian-American Gay Porn Performer and Radical Philosopher, Mel, 24 agosto 2017

Slow Radio
Il canto dei monaci benedettini e il ritmico incedere di un camminatore che percorre 200 miglia attraverso la campagna tedesca d'invernale saranno tra i momenti clou di una stagione di "radio lenta" su BBC Radio 3. (...) Annunciando mercoledì le novità, (il direttore del canale, Alan) Davey ha dichiarato di volere che BBC Radio 3 non sia solo una stazione radio ma anche "un antidoto al mondo frenetico di oggi".

Mark Brown, Raft of new BBC Radio 3 programmes will take 'slow radio' to next level, Guardian, 30 agosto 2017

Il Semaforo di Alfabeta è a cura di Maria Teresa Carbone

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi