Venezia 2017 / Un fotogramma del documentario Human Flow di Ai Weiwei

Dopo lo speciale di agosto, dedicato all'anticipazione a puntate del libro Il film più vicino di Lorenzo Esposito e enrico ghezzi, riprende la programmazione di Alfabeta2, a cui si affianca fino al 9 settembre il diario quotidiano di Mariuccia Ciotta e Roberto Silvestri dalla Mostra del cinema di Venezia. E nei prossimi giorni riprenderà anche l'attività del Cantiere, lo spazio riservato alle lettrici e ai lettori che hanno scelto di sostenere la nostra rivista iscrivendosi all'associazione Alfabeta. Ben ritrovati e buona lettura!

Oggi su Alfadomenica:

  • Paolo Fabbri, Morale d'un murale cubano: Corrono tempi “revisionisti”. Per i compulsanti di wikipedia, la prima entrata del termine è western revisionista, in cui si scopre che gli indiani ragioni ne avevano, ma non sapevano a chi venderle. Diremmo lo stesso dei borbonici napoletani, delle insorgenze antigiacobine e del brigantaggio – pardon, della guerra civile meridionale? Ai posteri le storiche sentenze. Leggi:>
  • Angelo Gugliemi, Controproposta per Parise. Una memoria di Palermo ’65: Nel 1965 il Gruppo 63 si ritrova a Palermo per discutere sul romanzo. Siamo riuniti in una sala dell’Hotel delle Palme. Barilli e io siamo incaricati di tenere le relazioni di apertura. Sorpreso, io vedo seduto in prima fila Goffredo Parise. Non era stato invitato (questo non significa che non poteva essere presente) e comunque era l’unico per così dire estraneo. Comprensibile la mia sorpresa. In realtà era appena uscito Il padrone che era stato da me recensito sul «verri» con simpatia (di lui avevamo apprezzato Il ragazzo morto e la cometa ma non tutto ciò che era seguito a cominciare dal Prete bello fino al Padrone, in cui tuttavia erano riapparsi elementi di interesse e di novità). Leggi:>

  • Alberto Capatti, Alfagola / In insalata: Riprendiamo a cucinare, leggendo un ricettario singolare quale La cuisinière Républicaine, stampata a Parigi nell’anno III, 1794-1795, dalla vedova Mérigot. Anni difficili per l’approvvigionamento, con un nuovo prodotto in commercio, sempre più apprezzato, la patata, rossa o bianca. La cuoca repubblicana si destreggia fra i diversi modi di prepararla, cominciando dai più semplici, per un pubblico non ancora avvezzo - Leggi:>
  • Semaforo: L'eccezione canadese - Sesso e politica - Slow Radio - Leggi:>
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi