Lorenzo Esposito, enrico ghezzi

In They Live (Essi vivono, 1988) di John Carpenter, quando Roddy Piper, ovvero il signor Nada (nulla), inforca gli occhiali speciali e vede la verità, e poi ingaggia una scazzottata infinita per farla vedere anche al suo amico – e cioè il mondo invaso da alieni che si sono impadroniti dei corpi umani –, la posizione dello spettatore è quella insieme golosa e tragica del voyeur che si lecca i baffi per la certezza del vedere stesso. Invece tutto l’inizio del film, con la crisi economica, la chiusura delle fabbriche, il lavoro operaio, l’accampamento dei diseredati che giace ai piedi della città come quello in Miracolo a Milano (1951) di Vittorio De Sica, i grattacieli sullo sfondo, gli schermi televisivi, la chiesa, l’assalto della polizia, i predicatori: tutto è così trasparente e in vista da risultare invisibile. Girato nel 1988 è pur sempre un film contemporaneo. Non perché metta in questione il tempo, ma perché sa che per indagarlo davvero bisogna essere degli scultori, bisogna essere dei ragni, tessere una tela resistente a tal punto da potersi sciogliere in qualunque spazio presente e futuro. Come nella Tigre di Eschnapur e nel Sepolcro indiano di Fritz Lang, Carpenter – il più hawksiano dei cineasti – sembra riflettere una specie di architettura celeste, sogna di far parte della rifinitura stessa dell’universo, di agire da collante invisibile della storia dell’umanità.

Prosegue oggi, e durerà per tutta la pausa estiva della programmazione di alfabeta2 , l’anticipazione a puntate di un testo sul cinema di Lorenzo Esposito ed enrico ghezzi, che verrà pubblicato – col titolo kafkiano Il film più vicino – il prossimo autunno: nel quarto volume, dedicato al Tempo pieno , dell’” enciclopedia delle arti della modernità” diretta per Electa da Achille Bonito Oliva . Nel volume le trentadue “variazioni” saranno precedute da un dialoghetto fra i due autori, dal titolo À rebours . Ringraziamo gli autori e l’editore per il permesso accordato a questa anticipazione.

A.C.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi