Dal 21 al 29 Luglio si è svolto Supercontinent, la XXXVII edizione di Drodesera Festival a Centrale Fies. Cavalcando l'interesse di Drodesera per gli incroci e le interferenze tra mondi e discipline, abbiamo messo in relazione gli artisti e chiesto loro di porsi delle domande a vicenda. Nella video intervista l'artista Francesca Grilli (1978) e il coreografo e performer Jacopo Jenna, si sono incontrati per interrogarsi su quanto la vita personale si rifletta nella loro ricerca artistica.

La ricerca di Francesca Grilli esplora l'ambito del suono, nelle sue molteplici implicazioni espressive e percettive. Prediligendo il linguaggio performativo, i suoi lavori muovono da elementi privati e personali per incontrare lo spazio d’azione dello spettatore, coinvolgendolo in un territorio incerto e perturbante. Tramite video e performance, si concentra rispettivamente sulla complessità del racconto intimo e sulla ricerca di un’azione della massima intensità, coadiuvata dall’elemento sonoro, che ritiene lo strumento più efficace per comunicare direttamente con l’inconscio personale e collettivo. Il suo lavoro è stato presentato in diverse sedi espositive in Italia e all’estero, tra cui il Padiglione Italia durante la 55. Biennale di Venezia. Nel 2016 ha ricevuto il Premio New York.

L'opera presentata a Drodesera, The Forgetting of Air è una performance che trova nell’idea di aria il terreno per una riflessione sugli attuali flussi migratori: il materiale di condivisione tra pubblico e performer è l’aria stessa, una dimensione per eccellenza senza confini. La performance vede come protagonisti alcuni rifugiati del luogo, i quali rafforzano la riflessione sullo spostamento, fisico e politico. I performer in scena, la cui biografia è segnata da una storia di migrazione, condividono con il pubblico la prossimità e la distanza in uno spazio carico di aria, evidenziata dalla presenza di vapore. Il tempo è segnato dal respiro e dalle sue potenziali interruzioni, contenute in una presenza che rimane.

Jacopo Jenna è coreografo, performer e film-maker. La sua ricerca indaga la percezione della danza e la coreografia come pratica estesa. Laureato in Sociologia, si approccia alla danza in età adulta formandosi presso Codarts (Rotterdam Dance Academy). Ha presentato i suoi progetti presso presso festival ed istituzioni come Centrale Fies, Cango/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza, MART-museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Contemporanea Festival, Pépinières européennes pour jeunes artistes/Jeune Création-Vidéo Cinéma, Fondazione Palazzo Strozzi, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Fabbrica Europa.

Il progetto presentato a Drodesera, Come As You Are è stato creato con la collaborazione dell’artista visivo Jacopo Miliani. Lo spazio semantico del testo della canzone dei Nirvana viene decostruito nel lavoro di Miliani sotto forma di immagine e ricollocato sulla scena attraverso la produzione di 20 asciugamani di spugna bianchi e rossi, dove le parole riemergono scomposte in una forma grafica determinando nel movimento una trasformazione di relazioni con le liriche scritte da Cobain. Come as You Are è un invito rivolto agli spettatori, ma anche una dichiarazione d’intenti, un manifesto di una creazione ibrida e parzialmente irrisolta, a metà strada tra arte coreutica e visuale. La coreografia si sviluppa in due sezioni: a un primo momento, dove la partitura gestuale appare codificata, ne segue un secondo nel quale la danza si fa anarchica e lo spazio si satura di simboli e suggestioni.

Le video interviste sono curate da Dalila D'Amico, Marta Federici e Chiara Pirri all'interno del progetto Superconnected promosso da Centrale Fies. Super-connected è un archivio di memoria che ha del variegato “continente” ritagliato dal Festival Drodesera XXXVII che ha l'obiettivo di ampliare i punti di vista, ibridare i ruoli tra artista e critico, lasciare che le interpretazioni nascano dal dialogo. Le domande proposte infatti, sono pensate in parte dalle curatrici e in parte dagli stessi artisti coinvolti.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi