Macronmania

La '"Macron-mania" angloamericana, come è stata appropriatamente chiamata, rivela che, mentre la Terza Via sembra aver perso la sua attrattiva sugli elettori, che hanno respinto nettamente il clintonismo e il blairismo, una cosa è certa: la tranquilla sicurezza dei centristi, nonostante tutto quello che potrebbe incoraggiare riflessioni e autocritiche.

Harrison Stetler, The Coronation of Macron, The Baffler, 5 luglio 2017

 

Organizzazioni flash

A prima vista, l'organigramma per la creazione di True Story, un gioco di carte e un'applicazione in cui i giocatori scambiano storie di vita quotidiana, somigliava a quella di qualsiasi azienda. C'era una divisione contenuti per sfornare le carte da gioco; designer grafici per inventare logo e packaging; sviluppatori per costruire l'applicazione mobile e il sito web. C'era anche una divisione prove per cogliere potenziali problemi. A uno sguardo più ravvicinato, a produrre True Story non è stata una vera ditta: i lavoratori erano tutti liberi professionisti che in genere non si sono mai incontrati e, dato forse più impressionante, l'intera organizzazione è esistita solo per creare il gioco e poi si è sciolta. True Story è stato un case study in quello che due professori di Stanford (Melissa Valentine e Michael Bernstein, ndr) chiamano "organizzazioni flash" - strutture effimere per eseguire un singolo progetto complesso in modi tradizionalmente associati a corporazioni, enti senza scopo di lucro o governi.

Noam Scheiber, The Pop-Up Employer: Build a Team, Do the Job, Say Goodbye, New York Times, 13 luglio 2017

Salute collaborativa

Una riforma è una correzione degli abusi. Una rivoluzione è un trasferimento di potere ". Così disse il saggista vittoriano Edward Bulwer-Lytton. La cura dei pazienti è iniziata come una correzione degli abusi, scrive Michael Millenson, una risposta ai pazienti trattati come "imbecilli e giacenze". Attualmente, nota ancora Millenson, è un mix di partnership e paternalismo. E il trasferimento reale del potere è ancora da venire. Lui chiama questo risultato "salute collaborativa" e dice che darà forma alla medicina del ventunesimo secolo. Faremmo meglio a essere pronti.

Fiona Godlee, Are you ready for “collaborative health”?, British Medical Journal, 6 luglio 2017

Il Semaforo di Alfabeta è a cura di Maria Teresa Carbone

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi