Fake news

All’inizio di quest'anno la cantante francese Françoise Hardy è apparsa in un video di YouTube. Un giornalista fuori campo le chiede perché il presidente Donald Trump ha mandato il suo segretario Sean Spicer a mentire circa la dimensione della folla alla sua inaugurazione. All’inizio Hardy nega, poi dice che Spicer "ha fornito fatti alternativi ". È tutto un po ' strano, anche perché Françoise Hardy, che ha 73 anni, ne dimostra 20 e la voce che esce dalla sua bocca appartiene a Kellyanne Conway, consulente di Trump. Il video, intitolato Alternative Face v1.1, è opera dell’artista tedesco Mario Klingemann e riproduce l'audio di un'intervista di NBC a Conway attraverso la bocca del fantasma digitale di Hardy. Il video è mosso e pixelato; un’azienda decente di effetti visivi potrebbe fare molto meglio. Ma Klingemann non ha perso tempo nel fare software editing. Ha invece impiegato solo pochi giorni per creare la clip su un computer usando una GAN (generative adversarial network), un tipo di algoritmo di apprendimento automatico (machine learning). Il computer ha sputato fuori il video automaticamente dopo essere stato alimentato con vecchi video musicali di Françoise Hardy. È la registrazione di qualcosa che non è mai successo.

Fake news: you ain’t seen nothing yet , The Economist, 1 luglio 2017

Il Semaforo è a cura di Maria Teresa Carbone

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer