Biblioteche
Traci Chun, insegnante-bibliotecaria presso la Skyview High School di Vancouver, non vuole saperne di zittire i ragazzi che vengono in biblioteca: "Quando la mia biblioteca è tranquilla, è un brutto segnale".

Chris Berdik, Come for the Computers, Stay for the Books, Slate, 21 giugno 2017

Copie

Dafen, un cosiddetto "villaggio urbano" cinese, produceva un tempo circa il 60 per cento di tutti i dipinti ad olio del mondo. Durante la sua età dell'oro, quando la reputazione del villaggio come fabbrica d'arte era più solida di oggi, non faceva praticamente altro che sfornare copie di dipinti secondo il canone d'arte occidentale. Queste tele approdavano nelle camere d'albergo, nelle show room e nei negozi di mobili in tutto il mondo. Non male per un posto che fino alla fine degli anni '80 era un buco rurale alla periferia di Shenzhen.

Frances Arnold, The World’s Art Factory Is in Jeopardy, Artsy, 22 giugno 2017

Gentrificazione
Siamo in una fase in cui la connessione tra arte, speculazione immobiliare e spostamento di residenti di lunga data è innegabile. (…) In che misura gli artisti, i curatori, le gallerie e i musei sono complici di quello stesso capitale finanziario che gentrifica i quartieri di tutto il mondo?

H. M. O'Brien, Ch. Sanchez Juarez, B. Marin,  An Artists’ Guide to Not Being Complicit with Gentrification, Hyperallergic, 19 giugno 2017

Il Semaforo di Alfabeta è a cura di Maria Teresa Carbone

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi