Alberto Capatti

capattiLa cucina n’è piena e la pasta sembra giocarci. Dopo l’arrabbiata, c’è la puttanesca e la zozzona. Per quest’ultima, dei rigatoni alla … tante ricette, anche con panna, pancetta e funghi coltivati. Che cosa spinge a questi titolacci, è intuibile, la cultura di un’osteria romana oggi scomparsa, il piacere d’ingozzarsi e blaterare in compagnia, uno scherzo che dura un piatto ed è dimenticato. A casa, il zozzone e la zozzona sono tenuti lontano.

Continuiamo la ricerca. Ci sono spaghetti conditi che l’web sembra ignorare e sono quelli alla mangiona. Li troviamo nel ricettario di Aurelio Veri, ristorante Antonietta, Castiglione della Pescaia in provincia di Grosseto : Io cucino così (1980). Antonietta è la cuoca ed “è più propriamente un buco – lungo il canale che funge da porto” e “dall’Antonietta imporsi una dieta severa, o blanda che sia, è una cosa sciocca, e impossibile”. Dunque gli

Spaghetti alla mangiona

100 gr di pancetta affumicata

100 gr di parmigiano

15 olive nere snocciolate

Prezzemolo, aglio, sale, pepe olio

500 gr di spaghetti

In un tegame, faccio soffriggere la pancetta tagliata a dadini, le olive nere, il prezzemolo, l’aglio e l’olio per 10 minuti circa, salando pochissimo perché la pancetta è salata di suo; lesso gli spaghetti al dente e nel medesimo tegame, li condisco aggiungendo il parmigiano sia grattugiato che a scaglie e servo molto caldo.

Il solito gastronomo dirà che tutti questi ingredienti sono banali e utilizzati per mille sughi, avvertendo che non c’è certo da ingozzarsi. Il linguista è invece beato per quel mangione e quella mangiona non proprio consueti nei ricettari. Poi c’è il curioso che, avendo trovato un indirizzo sul web, vuole tornare, trentasette anni dopo, da Antonietta e fare domande.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer