fibraottica2Da mesi il tema delle fake news occupa un posto centrale nel dibattito mediatico italiano e internazionale. Ma le molte parole che si spendono al proposito tendono quasi sempre a ridurre l'analisi a una contrapposizione fra la notizia “vera” (e quindi buona) e quella “falsa” (cattiva), con tanto di prescrizioni più o meno convincenti per evitare il contagio di quest'ultima. In realtà la circolazione di “verità alternative” non è una novità dell'era Trump. E anche l'attenzione che oggi le dedichiamo dovrebbe essere oggetto di riflessione, così come è necessario prestare attenzione ai meccanismi attraverso i quali l'informazione si diffonde e agli ambiti dove l'assenza di uno sguardo critico può avere conseguenze inattese e pervasive. In questo senso si pone il seminario organizzato dall'Associazione Alfabeta (il primo del Cantiere di studi che la rivista ha avviato a febbraio) in programma a Roma giovedì 25 maggio alle 18 presso lo Spazio culturale Moby Dick (via Edgardo Ferrati 3). All'incontro partecipano Mario De Caro, filosofo, Ida Dominijanni, giornalista e filosofa, Andrea Grignolio, storico della scienza, Vincenzo Piscitelli, esperto di postproduzione fotografica, Fabrizio Tonello, politologo. L'incontro è aperto a tutti, ma gli iscritti all'Associazione Alfabeta (e anche chi si iscriverà quel giorno) avranno in regalo una copia dell'ultimo volume pubblicato dalle edizioni alfabeta2, Ricreazioni. L'arte tra i frammenti del tempo, a cura di Achille Bonito Oliva.

A proposito del nostro quotidiano alfapiù, invece, ci piace annunciare che quest'anno seguiremo da vicino il Festival di Cannes, grazie alle recensioni che ci manderanno ogni giorno dalla Croisette Mariuccia Ciotta e Roberto Silvestri, del quale trovate oggi un primo sguardo generale sulla rassegna.

Ed ecco il sommario completo di Alfadomenica:

  • Roberto Silvestri, Cannes 70, attrazione fatale: Tutto il cinema mondiale, alto e basso, neoantico o ipermoderno, del nord e del Sud, hollywoodiano e d’autore, di qualità commerciale o d’arte, tossico o indipendente, ancora una volta, si ritroverà sulla Croisette, dal 17 al 28 maggio, prima edizione dell’era Macron, per il suo Golden Gala. Anche se la situazione geopolitica è imprevedibile (come ha ricordato in conferenza stampa il 13 aprile scorso il presidente della manifestazione, Pierre Lescure) e non si conosce ancora quale ministro della cultura sarà della festa, l’anniversario esige un’edizione di lusso. E, intanto, autocelebrativa. - Leggi:>
  • Carlo Branzaglia, Artisti in copertina (di un disco): Casa editrice che ha letteralmente reso popolari i repertori iconografici di artisti visivi e arti applicate, la tedesca Taschen edita dal 1980 volumi preziosi in termini di qualità e quantità dei materiali visuali proposti, secondo una logica, invero alquanto variegata, di source book, ovvero libro di fonti, che ancor oggi rappresenta strumento basilare di aggiornamento per chi si occupa di comunicazione visiva, moda, design - Leggi:>
  • Antonella Sbrilli, Alfagiochi / Intitolati. Torna il gioco degli anagrammi: Qualche giorno fa, su Twitter, un messaggio di Luigi Scebba ha riportato in vita il gioco degli anagrammi, con cui ci siamo intrattenuti mesi fa. Il tweet di Scebba presenta il nome dell’artista ferrarese “Filippo de Pisis" anagrammato in “doppi pesi sfili”. La frase era accompagnata da un quadro con due pesci disposti sulla spiaggia, nello stile rarefatto e sfilacciato tipico di questo pittore che affascinò Montale, Comisso e Bassani - Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / Che idea! La frittata... : La ricetta è un testo didattico e insieme un programma immaginario. La tentazione di creare un piatto e di restituirgli una identità di fantasia la percepiamo non solo negli spaghetti alla puttanesca o all’arrabbiata ma negli uccelli scappati e nelle sarde a beccafico. Titoli che stregano e intrigano appiccicati a prescrizioni apparentemente meticolose e ripetitive. Capita poi che la ricetta si trasformi in un vero e proprio testo letterario senza perdere ingredienti, dosi e fonti di calore. E’ il caso di una frittata colta al volo nella prefazione de L’antiartusi di Luigi Volpicelli (1978). - Leggi:>
  • Una poesia 27 / Julian Zhara: La luce accelera il passo, si sbriciola, scioglie ed espande, / insegna agli occhi stupiti a cedere allo stupore, / la luce là versa nell’aria, abbevera tutto il paese, / adesso la luce si sperpera in sabbia, si stacca dai muri, si mischia alla polvere. Leggi:>
  • Semaforo: Creativi - Influencer - Operai - Leggi:>
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer