cantiNell'Alfadomenica di oggi (trovate sotto il sommario completo) ci sono interventi sulla postverità, sulla situazione francese, sul teatro. Sono alcuni dei temi di cui si sta discutendo anche nel nostro Cantiere. In particolare, a proposito della postverità abbiamo lanciato un nuovo thread, in attesa del seminario che Alfabeta2 organizza a Roma giovedì 25 maggio presso il Centro culturale Moby Dick. Obiettivo è affrontare l'argomento oggi onnipresente delle fake news da prospettive meno battute: le "verità alternative" della scienza o delle immagini, per esempio... Per questo abbiamo chiesto ai lettori che hanno già aderito al nostro invito e, in quanto soci, partecipano al dibattito del Cantiere, di contribuire al lavoro preparatorio con riflessioni, spunti di approfondimento, domande. A chi ancora non conosce l'attività dell'associazione Alfabeta, consigliamo di seguire questo link. E naturalmente vi aspettiamo!

Oggi su Alfadomenica:

  • Giorgio Mascitelli, Postverità e postpolitica: Abbiamo appreso di recente, da pochi mesi, forse addirittura dall'inizio dell’anno nuovo o tutt'al più dall'estate scorsa, di vivere in un’epoca caratterizzata dalla postverità. Il che implica che in precedenza, fino alla scorsa primavera direi, vivessimo in un’epoca di verità. Naturalmente si può retrodatare la fine dell’epoca fondata sulla verità fino all'introduzione di Facebook, se si propende per l’opinione che gli scienziati siano riusciti a isolare e descrivere il ceppo della postverità solo di recente, ma che in realtà esso fosse già attivo da parecchio. Ovviamente l’era della postverità non nasce dal nulla, ma ha i suoi precursori. - Leggi:>
  • Antonio Lettieri, Francia e Unione Europea al tempo di Macron: Questa volta non si sono verificati imprevisti, com’era accaduto con Trump e con la Brexit. Nel primo turno delle elezioni in Francia le previsioni sono state rispettate con una precisione quasi millimetrica. Macron è arrivato primo con quasi due giunti di distacco da Marine Le Pen che oggi gli contenderà (senza speranza, secondo i sondaggi, la presidenza della Repubblica. Il giovane Emmanuel Macron, mai eletto ad alcuna carica pubblica, neppure di una circoscrizione rionale, sarà l’ottavo presidente della Quinta repubblica, successore, tra gli altri di Charles de Gaulle e François Mitterrand, per citare un conservatore e un socialista, sicuri protagonisti della storia europea (e non solo) della seconda metà del XX secolo. Leggi:>
  • Valentina Valentini, Teatro Valdoca, una cerimonia di esortazione e di lode: Entriamo a teatro; la fila di persone che aspettano per ritirare il biglietto arriva dall’altra parte della strada dove a Cesena si trova, dal 1846, il teatro Bonci. Cesare Ronconi aveva pensato a un prologo – che non è stato possibile realizzare – nella piazza antistante il teatro, al centro della quale si sarebbe dovuto accendere un fuoco su un braciere, per legare il chiuso con l’aperto: la sala, luogo protetto e separato dal mondo, con la strada. Prendiamo posto nei palchetti perché la platea con le sue poltrone – sottratte alla loro funzione – è coperta da teli bianchi sui quali scorrono delle onde di luce che li fanno vibrare. Lo spazio scenico è vuoto; un disco luminoso è appeso in fondo al palco, una bacinella sul lato destro in proscenio. Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / Croste e crostini: Esiste una cucina modesta e raffinata che appare gioco di fantasia ? Dobbiamo cercarla nelle preparazioni che dilettano più di quanto non nutrano, destinate alla festa e a tutto quanto illanguidisce, procrastina un serio appetito. Gli esempi non mancano e li troviamo ne La scienza in cucina di Pellegrino Artusi, nel capitolo dedicato a “quelle cosette appetitose che s’imbandiscono o dopo la minestra, come si usa in Toscana, cosa che mi sembra più ragionevole, o prima, come si pratica in altre parti d’Italia”. Sono i crostini, oggi rari, difficili da offrire se non per solleticare la vista e la lingua, con funzione aperitiva o allusiva a quanto seguirà in tavola. Leggi:>
  • Una poesia 26 / Gabriela Fantato: La città è crollata senza rumore. / Nel centro di tutto si staglia / l’acqua imprigionata, una geometria / esatta – ombre e fondali. - Leggi:>
  • Semaforo: Fantascienza - Nostalgia - Virus - Leggi:>
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi