cantiereUn paio di notizie dal Cantiere di Alfabeta: mentre si ampliano le discussioni in corso, dalla verifica dei saperi alla post-verità, si sono aperti due altri thread: cosa vuol dire leggere oggi? ci sono limiti a quello che può dire un romanzo? Inoltre, in occasione dell'avvio di Documenta 14, nel Cantiere abbiamo caricato il pdf del numero 20 di Alfabeta2 (giugno 2012), con il dossier dedicato alla precedente edizione della manifestazione. Chi volesse saperne di più (l'accesso al Cantiere, ricordiamo, è riservato ai soci dell'Associazione Alfabeta), può trovare in questa pagina maggiori informazioni.

Ed ecco cosa leggerete oggi nell'alfadomenica di Pasqua (tanti auguri a tutti!):

  • Valentina Manchia, Victor Stoichita, attraverso lo sguardo: «È questo il brutto, […] che è stato dipinto così per sempre, e noi restiamo qui senza sapere che cosa succede, […] non c’è modo di vedere la faccia della ragazza né della vecchia sullo sfondo, l’unica cosa che si vede è la cicciona con le due collane che non smette mai di prendere la coppa. Che la beva una buona volta, e almeno posso vedere la ragazza, se si gira». La ragazza, la cicciona e la vecchia sono le tre figure dell’Artemisia di Rembrandt. Chi le guarda è il guardiano del Prado di Un cuore così bianco, di Javier Marías.
    - Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / La bocca:  E’ stata in pasticceria oggetto di studio. Cominciamo dal bacio, non Perugina, ma di dama. Ha una ricettistica professionale degna d’attenzione. Il pasticcere confettiere moderno di Ciocca (1927, Hoepli) ne prevedeva questa ricetta. Leggi:>
  • Antonella Sbrilli, T cerco: Con grande libertà di sguardo e di interpretazione, da diverse domeniche cerchiamo le lettere che compongono il titolo “Alfabeta2” in giro per musei e gallerie di immagini. Non valgono le lettere che corrispondono a sé stesse: salvo alcune eccezioni verbo-visive, il gioco è bello se la forma della “A”, della “L”, della “F”, della “B”, della “E” fa capolino dove uno non se l’aspetta. Leggi:>
  • Una poesia 23 / Lorenzo Mari: Un break nella predica, la pallina del tennista in alto, silenzio sugli spalti. Tace come per dire oh non fosse così, e nel mentre. - Leggi:>
  • Nota: pausa di una settimana per il Semaforo di Alfabeta: arrivederci a domenica 23 aprile.
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer