Antonello Tolve

1. Yuri Ancarani_Il Capo

Yuri Ancarani, Il Capo (The Chief), 2010, Courtesy of the artist and Gallery ZERO, Milan

Ogni mostra, al MAST di Bologna, è come un colpo sparato da lunga distanza che raggiunge il centro del bersaglio per raccontare, da angolazioni differenti, il mondo dell’industria, quello del lavoro umano, quello delle società che nascono attorno a zone periferiche. Anche quest’ultima esposizione, inaugurata in occasione di Arte Fiera 2017 e dedicata al Lavoro in movimento / Work in motion, è in fitto rapporto con problematiche che dalla seconda metà dell’Ottocento – non dimentichiamo che la Great Exibition of the Works of Industry of All Nations venne organizzata a London nel 1851 – si prolungano nel nuovo secolo, incerto e vorace. A differenze delle mostre organizzate finora, mostre scandite quasi esclusivamente dall’immagine fotografica, il dispositivo proposto da questo “lavoro in movimento” che è anche – e soprattutto – “realtà in movimento”, pone lo sguardo della videocamera sul comportamento sociale ed economico . «Il lavoro è in movimento, e con esso la realtà in cui viviamo, il fondamento della nostra esistenza, la nostra identità, la nostra autostima e la sicurezza in noi stessi» dichiara Urs Stahel, curatore dell’esposizione nonché conservateur en chief della Photogallery MAST. «Tutto sembra essere in movimento, come se sedessimo sul dorso di una tigre senza avere la più vaga idea di quale sia la destinazione del nostro viaggio».

13. Pieter Hugo_Permanent Error

Pieter Hugo_Permanent Error, Courtesy of the artist and Priska Pasquer Gallery, Cologne

Attraverso una selezione di video, di piccoli esempi che tratteggiano il panorama mondiale dell’industria e dei suoi collassi determinati dalla delocalizzazione, dalla crescente qualificazione tecnica, dalla sfera della produzione, della distribuzione e del controllo dell’informazione in un territorio che riguarda il capitale multinazionale, l’esposizione bolognese disegna un itinerario visivo sull’abbandono, sull’assenza dei diritti sindacali, sulla disomogeneità sociale, sul declino della coscienza di classe che è – a detta di José Antonio Piqueras, attento a delineare una storia del movimento operaio – il fenomeno più rilevante della fase attuale.

Guardando i vari filmati in mostra (i lavori sono di Yuri Ancarani, Gaëlle Boucand, Chen Chieh-Jen, Willie Doherty, Harun Farocki / Antje Ehmann, Pieter Hugo, Ali Kazma, Eva Leitolf, Armin Linke, Gabriela Löffel, Ad Nuis, Julika Rudelius e Thomas Vroege) si è come rapiti da uno scatto di sensibilità, da un turbamento e forse anche da un intimo rimorso: quello d’aver preso parte a qualcosa, di aver sottaciuto, di aver “contribuito-a”, di aver “lasciato perdere” con la distrazione di sempre.

Girata a Monte Bettogli (Carrara), nelle cave, dove uomini e macchine scavano la montagna per ricavare lastre preziose, la pellicola in 35mm di Yuri Ancarani (Ravenna 1972), Il Capo / The Chief (2010), fa vedere, ad esempio, un uomo sulla quarantina che controlla e coordina come un direttore d’orchestra le braccia metalliche dei mezzi pesanti utilizzati per la crepatura delle pareti marmoree. «Dirigendo la sua orchestra pericolosa e sublime, affacciata sugli strapiombi e i picchi delle Apuane, il “Capo” agisce in un rumore assoluto, che incredibilmente diventa silenzio», si legge nella sinossi. O.K. (2010) di Ali Kazma (Istanbul 1971) riproduce l’azione di un ragazzo intento, in un ufficio governativo, a timbrare – questo il suo alienante lavoro – risme e risme di fogli, con un ritmo meccanico e frenetico che produce via via un suono ipnotico, quasi una musica che nasce dal crepitio del timbro sulla carta.

17. Ali Kazma_OK

Ali Kazma_OK, Courtesy of the artist and Vehbi Koç Foundation (Production Still; ph. Selen Korkut)

«Negli anni sessanta, a seguito delle politiche della Guerra Fredda e grazie al basso costo del lavoro, Taiwan è diventata un importante centro industriale a livello mondiale»: così spiega Chen Chieh-Jen la genesi del suo penetrante Factory (2003). «A partire dagli anni novanta, le sue industrie ad alto impiego di manodopera sono state delocalizzate verso zone in cui il costo del lavoro era ancora inferiore […]. Nel 2003 ho proposto a molte donne che avevano lavorato negli stabilimenti dell’industria di abbigliamento Lien Fu per più di vent’anni di interpretare in questo filmato il loro vecchio ruolo di operaie, in quella che era stata la sede della loro attività». In un altro lavoro,Permanent Error / Errore permanente (2010) di Pieter Hugo (Johannesburg, 1976), la sopravvivenza è paradossalmente condizionata dalla più grande discarica di rifiuti elettronici d'Africa (quella di Agbogbloshie, in Ghana) dove confluiscono, spesso illegalmente, enormi quantità di scarti elettronici, soprattutto europei. Uomini, ragazzi, bambini, intere famiglie vivono tra milioni di tonnellate di vecchi pc, tv, telefoni cellulari e altri dispositivi per estrarne – unico sostentamento – metalli da rivendere (alluminio, rame, ottone, zinco). Sembra un paesaggio postatomico, dove i fumi e i residui tossici prodotti dai fuochi contaminano l’aria, l’acqua, la terra, le persone, gli animali.

Angoscia, provvisorietà, vetrinizzazione, smarrimento o insicurezza sono parole d’ordine a cui rimandano i video e le videoimmagini di questo “movimento” dell’arte e della vita che rappresenta, oggi come ieri, stati d’animo, innocenze, resistenze, fughe, ritorni, abbandoni, disagi, inquietudini dell’uomo contemporaneo e della sua storia.

Lavoro in movimento / Work in motion

a cura di Urs Stahel

Bologna, MAST (Manifattura delle Arti, Sperimentazione e Tecnologia), 25 gennaio-17 aprile 2017

***

lavoratorilegoDi cosa parliamo quando parliamo di libri e di lettura? Quanto e come è cambiata la scuola negli ultimi vent'anni? Che forma ha la felicità sul posto di lavoro? Il cantiere di Alfabeta2 è un luogo di confronto, una rete di intervento culturale per costruire il futuro. Vi aspettiamo!

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer