Raffaella Battaglini

ruggero_savinio

Ruggero Savinio (fotografia di Dino Ignani)

È un procedere in apparenza svagato, da flâneur, quello di Ruggero Savinio nel suo ultimo libro, Il cortile del Tasso: un testo sospeso tra il memoir e il saggio, tra la riflessione esistenziale e il diario d’artista. L’exergo goethiano, «Chi negli amici suoi non vede il mondo / non è degno che il mondo lo conosca», tratto appunto dal Torquato Tasso, dà subito un primo annuncio del tema: annuncio parzialmente ingannevole, ma del resto quasi tutto lo è in questo libro lieve e denso come la materia della pittura. Ingannevole in primo luogo è la semplicità: l’autore racconta, volentieri divagando, come se stesse conversando con noi a voce bassa davanti a un camino, passando da un argomento all’altro senza soluzione di continuità: a prima vista questi passaggi sembrano governati da associazioni casuali, più che da leggi compositive; mentre man mano ci accorgiamo invece che l’apparizione e il ritorno dei temi, comprese le eventuali variazioni, obbediscono a una regola musicale, tanto precisa quanto poco esibita. In questo senso, l’affermazione di Savinio («la musica è un linguaggio paterno che non ho ereditato») forse non corrisponde del tutto a verità...

Leit-motif musicale in senso stretto è la Gerusalemme liberata, poema che accompagna tutto il libro, a tratti presentandosi con un accenno, a tratti scomparendo carsicamente, a tratti riemergendo nei punti più imprevisti e dispiegandosi come un canto (talvolta viene cantata per davvero: come nell’episodio riportato da Chateaubriand in cui durante un viaggio per mare, nel cuore della notte, un mozzo ne intona l’inizio). È intorno alla figura del Tasso, d’altronde, che si sviluppa la narrazione: il poeta (che, come vedremo, funziona da personaggio-specchio dell’autore) dà il nome al liceo frequentato da Savinio, dove ha inizio la serie degli incontri che in modo più o meno significativo scandiranno la sua vita. I primi a venir ricordati sono proprio i compagni di scuola, alcuni dei quali sono artisti famosi, altri invece del tutto sconosciuti. Alla fine di questo primo elenco c’è una chiosa: «Di tutti questi sono stato amico. Quasi tutti sono morti». Con questa enunciazione laconica fa il suo ingresso il vero tema del libro – di cui fa parte ovviamente la vecchiaia, condizione attuale del narrante –: per tutta la durata del testo amicizia e caducità s’intrecciano continuamente, con una lievità di tocco che esclude le note gravi o le sfiora soltanto. Eppure le storie tragiche non mancano, gli amici morti di morte violenta, i suicidi. Questo umor malinconico non è estraneo al personaggio del Tasso, «introverso, e portato alla cupaggine», connotati che l’autore riferisce anche a se stesso. Tasso è la pesantezza, contrapposta alla leggerezza e alla grazia di Ariosto: un territorio in cui Ruggero Savinio, nonostante il nome ariostesco, non si sente a suo agio.

Al filo della Gerusalemme se ne mischiano altri che conducono al passato e all’inconscio: «Questa considerazione del poema [...] s’intreccia spesso con la narrazione di cose cadute in oblio». Qui come altrove la scrittura funziona da macchina del tempo: perché, tra le cose cadute in oblio, la prima a comparire è la casa dell’infanzia. Non a caso, rimossa nella veglia, solitamente ricompare in sogno; finché un giorno, per una serie di circostanze fortuite, l’autore si trova a ritornarci nella realtà. Subito questo spazio domestico si connota come uno spazio dominato, anzi quasi totalmente occupato, dal fantasma del padre: il centro simbolico della casa è lo studio paterno, altrove definito «la sua stanza totale», dove Alberto Savinio scriveva, dipingeva e faceva musica. Alla sua morte, il figlio ne eredita la stanza, oltre al tavolo e al cavalletto, emblemi dell’investitura artistica. Vive nella stanza del padre «come una controfigura», seppure «a modo suo». La figura del doppio, cara peraltro anche a Savinio padre, si replica vertiginosamente nel personaggio di Torquato Tasso: anch’egli figlio d’arte, poeta e cortigiano come il padre Bernardo, Torquato Tasso «ha il destino segnato». Artista precoce, da giovane viene chiamato «il Tassino», per distinguerlo dal padre. Così Ruggero Savinio, da ragazzo, durante una villeggiatura al mare, sente da lontano, attraverso la pineta, la voce di Soffici che lo chiama: «Saviniotto!»

Caratteristica del libro è la continua traslazione dei termini letterari in termini pittorici: le due forme espressive, i due linguaggi di Savinio, nella scrittura s’intrecciano e si integrano di continuo. Anche la Gerusalemme viene spesso descritta in termini pittorici – vedi l’insistenza sul paesaggio pastorale di Erminia, descritto come «paesaggio orizzontale, verde e acquatico», che ricorda da vicino molti quadri dell’autore. L’ora del Tasso è quella «a cavallo fra i diversi momenti del giorno», una luce altamente pittorica quindi, «emanata dalle cose più che diretta a illuminarle [...] una luce che, in termini di sentimento, corrisponde alla malinconia».

Pittorico è anche il modo in cui appaiono talvolta i personaggi, senza presentazione alcuna, indicati dal solo nome di battesimo: ad esempio il personaggio di Maries, la prima moglie, «ritratta» accanto all’Annunciata di Antonello da Messina, con in testa uno scialle color sabbia – a replicare, pur variandola, l’immagine del velo azzurro della Vergine.

L’innesco narrativo dell’intero racconto è dato dalla costruzione di un cantiere, proprio sotto le finestre di casa Savinio, al centro di Piazza Dante: piazza un tempo occupata da un giardino, e ora invasa dalla minacciosa presenza di ruspe e betoniere, all’opera per trasformare la sede ottocentesca delle Poste negli uffici dei Servizi Segreti. L’uomo che guarda dalla finestra i lavori, ora fermi, inizia da questo cambiamento il suo viaggio nel passato: «Probabilmente queste scritture erratiche che girano intorno a un centro che ne comprende altri: un poeta epico, o meglio, epico-lirico, che contiene il nome della scuola dove ho passato l’adolescenza [...], queste scritture, dunque, cercano di trovare un senso alla mia vita, proprio adesso, nel tempo che, come si dice, è tempo di bilanci».

Ruggero Savinio

Il cortile del Tasso

Qodlibet, 2017, 118 pp., € 14

***

cantiereIl Cantiere di Alfabeta: un luogo di confronto, una rete di intervento culturale per costruire il futuro. Come si affronta il panorama culturale della destra? I contanti (non) contano? Da che parte stanno le fake news? Vi aspettiamo!

Entra nel cantiere di Alfabeta

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer