lampadEccoci a marzo. Il Cantiere di Alfabeta è aperto, siamo entrati nella fase di rodaggio e da oggi, con Giorgio Mascitelli, si comincia a parlare di scuola, uno dei temi  più rilevanti e meno seriamente praticati nel dibattito italiano.

La scelta di avviare un forum sulla questione della scuola per i soci di Alfabeta - scrive Mascitelli nell'intervento con cui inaugura la discussione nel Cantiere - "appare del tutto giustificata da una prospettiva politica: da una ventina di anni in qua, tramite quella politica di riforma permanente praticata da tutti i governi a partire dal ministero Berlinguer, la scuola è diventata un terreno d’intervento governamentale che ha come obiettivi principali la costruzione di un mercato dell’istruzione e la sua trasformazione in un centro di formazione della soggettività neoliberista". Allo stesso tempo, aggiunge Mascitelli, "non bisogna nascondersi che una reale questione di rinnovamento della scuola, quella che si potrebbe chiamare una verifica dei saperi, abbia una sua oggettiva attualità". Ed è appunto la verifica dei saperi il nodo che vogliamo affrontare con le lettrici e i lettori che hanno aderito e aderiranno al nostro invito, iscrivendosi all'Associazione Alfabeta.

Tra gli altri temi che proponiamo (oltre a materiali di archivio come il primo numero della nuova serie di alfabeta2, che comprende tra l'altro un amplissimo focus su Jannis Kounellis): le fake news (su cui stiamo organizzando un seminario a Roma, di cui vi diremo prestissimo), i manager della felicità, il denaro contante come linea di resistenza contro il capitalismo di sorveglianza. Ma se il Cantiere crescerà, sarà grazie ai vostri contributi. Vi aspettiamo!

Ed ecco cosa trovate oggi su Alfadomenica:

  • Elisabetta Marangon, Letizia Battaglia, la vicinanza dello sguardo: Una mappa si dirama su un pannello monumentale rendendo visibili i luoghi che la compongono, fino a svelare l’identità del tessuto urbano: si tratta della città di Palermo, i cui rilievi cartografici sono disturbati da un intreccio di sottili linee che si intersecano tra di loro, contraddicendone l’equilibrio apparente. Si estendono all’interno come all’esterno del territorio, controbilanciate da un indice numerico al quale corrisponde, all’estremità, una fotografia. Dozzine di parvenze in bianco e nero gravitano sospese in quello spazio familiare e al contempo estraneo, invitando il visitatore a penetrare negli interstizi ancora in parte inediti di una memoria pubblica e privata che, dall’elemento particellare del capoluogo siciliano, si allarga fino ad abbracciare l’intera penisola italica. Leggi:>
  • Antonella Sbrilli, Alfagiochi / La forma della F: Terminata la raccolta della L, con cui abbiamo giocato la volta scorsa, la ricerca delle lettere alfabetiche nelle opere d’arte di qualunque autore, epoca e tecnica affronta ora la terza lettera della parola “Alfabeta”, la F.  Marcel Duchamp ha usato questa consonante in sofisticati giochi di parole in cui le lettere – scritte in maiuscolo – vanno lette col loro nome francese, così che FAC per esempio diventa il verbo effacer, che significa cancellare, e FMR diventa éphémère, effimero. Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / I fantasmi della cucina: Chi morde e inghiotte ha la sensazione di possedere appieno il cibo, senza concessioni alla sua natura immaginaria che lo caratterizza quando lo si ripensa, si vorrebbe mangiare o si è appena digerito. Eppure alcuni nomi evanescenti passano dalla cucina alla tavola accompagnando piatti gustosi e talora raffinati. Abbiamo citato la ricetta delle frittelle di vento cinquecentesche, tanto seducenti quanto semplici da preparare, che evocano una chimerica leggerezza. Vogliamo oggi affrontare gli uccelli scappati. Li si ritrovano in Lombardia e in Emilia, in qualsiasi stagione, caccia aperta o chiusa, e son di famiglia, di casa. Leggi:>
  • Una poesia 17 / Gianluca Rizzo, Passaggio a livelloUn sistema di leve e pulegge / mantiene il mondo separato / nello sforzo di riempire ogni ora / la tensione cilindrica / un rinnovato senso di urgenza Leggi:>
  • Semaforo: Acquisti - Gender - Vacanze - Leggi:>
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer