Antonella Sbrilli

BingaQuaranta anni fa, l’artista Tomaso Binga - cioè Bianca Menna - mandava alle stampe un Abbecedario in cui le lettere erano interpretate dal suo corpo. Per la A, si vede lei nuda seduta di spalle, con le braccia allargate e le mani poggiate a terra, allusione a una A maiuscola, che fa tutt’uno con il corpo.

Gli innumerevoli modi in cui gli artisti hanno trattato - e continuano a trattare - le lettere dell’alfabeto, in esercizi di stili (e corpi) sempre diversi, popolano cataloghi, portali web sulla poesia visiva, prodotti editoriali (Alfabeto d’artista ) e mostre, come per esempio la prossima esposizione dal titolo Alphabetica - Abecedario grafico contemporaneo dall’11 febbraio 2017, a Roma, Museo delle Mura.

a BalestriniimageA_LagrenéeIl gioco di questa settimana invita a trovare nelle opere d’arte di qualunque epoca e tecnica la lettera A.

Attenzione, la lettera non deve fare parte di una parola, ma risaltare come una presenza nel foglio, sulla tela, sullo schermo, nell’assemblage o dovunque la si incontri. Il gioco è nel raccogliere A trovate nel mezzo di una tessitura di segni, di una composizione colorata, e di riconoscere la A (o una forma che le somigli) anche dove non c’è, per esempio in una architettura, nella cima di un cavalletto e così via.

Le immagini si possono inviare, al solito, all’indirizzo redazione@alfabeta2.it

Risposte al gioco Intitolate (alfadomenica del 22 gennaio 2017)

Le lettere rimescolate nella frase “Rivolgilo abilmente” erano quelle del nome di Mirella Bentivoglio, artista verbo-visiva, curatrice, poetessa, a cui si deve questa considerazione: “C’è da credere a un rapporto profondo tra la donna e l’alfabeto, e non solo perché per prima ne trasmette la forma ai figli”; a questo link, la voce su di lei scritta da Ada De Pirro nell’ Enciclopedia delle donne .

Il nome dell’artista l’hanno individuato diverse giocatrici, fra cui Adriana Castagnoli e Beatrice Peria Sono arrivati via twitter anche nuovi anagrammi originali del nome dell’artista. Sandra Muzzolini ne propone che tira fuori degli aspetti tecnici e comunicativi:“Blog: minio e trivella”, mentre Viola Fiore fa emergere dalle lettere un’iconografia ricorrente dell’artista, quella dell’uovo (“L'ovo mirabil e gentil), e anche la natura combattiva di questa protagonista dell’arte italiana: “Mirella Bentivoglio = No, mogli ribellatevi!”.

Nella scorsa rubrica, Luigi Scebba lanciava la sfida di un altro anagramma:
le lettere del nome e cognome (6, 9) di quale artista italiano sono ricombinate nella frase:“Semiotica lecita”?

La soluzione - il nome di Eliseo Mattiacci - è stata data anch’essa da Viola Fiore, che ha rilanciato con “il tema è icastico”, a cui aggiungo “è lieta cosmicità”, tutte definizioni pertinenti a qualche aspetto dell’opera dello scultore di Cagli.

***

cantiereUna rete di intervento culturale per costruire il futuro

Entra nel cantiere di Alfabeta2

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer