Umberto-BoccioniAntonello Tolve

Tra i libri che il burrascoso 2016 ha offerto al lettore, Umberto Boccioni. L’artista che sfidò il futuro è luminosa ricostruzione di una figura le cui vicende si intrecciano con i cambiamenti epocali, con un salto vertiginoso che mette da parte il crepuscolo dell’Ottocento per abbracciare l’alba elettrica del nuovo secolo.

Partendo dal novembre 1899, e cioè da quando un «giovane bruno, dal volto affilato, i capelli lisci che gli cadono in ciuffo sulla fronte, sale di corsa le scale di un vecchio palazzo di via dei Cestai, stradina del centro» di Catania e sede della Gazzetta della Sera, Gino Agnese disegna una biografia ricca e preziosa che non solo si nutre di importanti e ricercatissime fonti storiche, ma ha il potere di conquistare sin dalle prime pagine lo sguardo di chi, curioso o predisposto a questo tipo di letture, ha voglia di entrare nel mondo magico di un artista speciale. Agnese infatti, quasi a plasmare il libro come un romanzo (il romanzo di una vita breve ma intensa), ricostruisce la storia di un ragazzo che, dopo essere stato giudicato “insufficiente” in calligrafia, computisteria e disegno dagli insegnanti della Sammartino, dopo aver deciso di lasciare Catania per «trovare un varco nel giornalismo romano», comincia un'avventura creativa che lo porterà a rompere con il passato, a «riprodurre l'oggetto come sensazione», a dipingere stati d'animo, a vivere «il movimento vertiginoso della vita umana».

Roma, millennovecento è appena il secondo paragrafo del libro – il soggiorno di Boccioni a Roma «durerà quasi sette anni, fino al 1906» – e già illumina la scena con una luce entusiasmante e suadente che ha la capacità di trasformare il lettore in un testimone che assiste alle vicende di una vita, di far vedere e vivere l’incontro di Umberto («una delle amicizie più stabili e più solide di tutte la sua vita») con Gino Severini e con Mario Sironi, di far sentire l'atmosfera delle letture rivoluzionarie o di far percepire i nutrimenti di una mente in trasformazione. L’incontro fortuito con la pittura di Giacomo Balla (che diventa una guida, un maestro da raggiungere, da divorare e da lasciare nei ricordi dei vent’anni), il Caffè Sartoris sul largo di San Marcello dove frequenta la cerchia di Sergio Corazzini («il figlio del tabaccaio») e il Caffè Aragno, «all’angolo del Corso con via delle Convertite», sono nucleo e grumo di una stagione che porta Boccioni a conquistare Roma e, via via, a «sognare altre latitudini», a volgere lo sguardo verso Parigi che gli si svela nella sua straordinaria varietà: «immaginate che cos’è questa città», scrive alla madre e alla sorella Amelia. «Pensate alle migliaia di carrozze, e centinaia d’omnibus, tramvai a cavalli, elettrici, a vapore, tutti con l’imperiale e gli automobili da piazza, alla metropolitana che è una ferrovia elettrica che passa sotto tutta Parigi e i biglietti si prendono discendendo in gran sotterranei tutti illuminati a luce elettrica».

Proprio a Parigi, la città dove risiede da un po' Sironi, incontra Augusta Popoff (moglie di Sergej Berdnikoff) e nasce una curiosità, un’amicizia che muta in passione travolgente: e che spingerà Boccioni a viaggiare per tre mesi, con lei (Augusta «è incinta, di quasi tre mesi» e vuole «che Umberto l’accompagni in Russia»), «tra la rivoluzione che avanza e la reazione che contrattacca».

L’amore (e l’attenzione) per la musica, la lettura delle “note d’arte” e dei volumi – La nuova arma (la macchina), Il nuovo aspetto meccanico del mondo e L'imperialismo artistico – di Mario Morasso portano Boccioni a intuire, poi, nuove vie, a pensare che l’arte debba assumere il tempo presente.

L'uomo e la macchina, il pericolo e la velocità, l’incontro con d’Annunzio, quello intimo con Margherita Sarfatti e quello con l’amico Carlo Dalmazzo Carrà o quello con Luigi Russolo («divenimmo amici, profondamente amici»), il desiderio sempre più avvertito di «dipingere il nuovo, il frutto del nostro tempo industriale», spingono Boccioni verso la cerchia del poeta Marinetti. Il 21 febbraio 1910, grazie a Libero Altomare (nome d’arte di Remo Mannoni), «Boccioni e Marinetti danno avvio al loro sodalizio: che sarà importante nel secolo e che, in diversa misura, cambierà l’uno e l'altro». Fino a quando, dopo tante conquiste, dopo tante vittorie e dopo mille avventure, Marinetti «in lacrime, sconvolto», apprenderà che con il primo chiarore del 17 agosto 1916 Boccioni, l’artista e il grande teorico, saluta La città che sale, le Forme uniche della continuità nello spazio, l’Antigrazioso, gli Stati d’animo (Gli addii, Quelli che vanno e Quelli che restano) e non ultima Materia, plasmata dall'aria e dagli echi del mondo che è fuori, mentre la vita ormai tace.

Gino Agnese

Umberto Boccioni. L’artista che sfidò il futuro

Johan& Levi, 2016, 400 pp., € 26

pagine 400, € 29,00

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi

THIS ARM / DISARM
Le macchine armate di Paolo Gallerani in un filmato di Maurizio Gibertini - Milano 10 marzo guarda il trailer