Oggi su alfadomenica:

  • Diego Stefanelli, Ontani, Bali, fuoco e fiamme:  Qual è il protagonista di Ontani a Bali, pubblicato da Humboldt Books con foto di Giovanna Silva e un testo di Emanuele Trevi? Ontani o Bali? L’artista, la sua opera o il luogo? La scrittura, il manufatto o le foto? In tale ambiguità risiede il fascino del libretto, che si caratterizza innanzitutto per un’encomiabile eleganza di fattura. La scena è la Bali della cerimonia del Ngrupuk, una processione cittadina nella quale vengono trasportati terribili demoni in gesso e cartapesta (gli ogoh ogoh), tratti dalla mitologia induista, costruiti nelle settimane precedenti con una cura pari solo alla commozione con cui, alla fine, vengono dati alle fiamme, purificando il mondo dal male che rappresentano. Al centro del libro non è tanto la cerimonia, quanto l’inserzione di Ontani in quel rito. Leggi:>
  • Marco Dotti, Corale finlandese sulla soglia tra vita e morte. Intervista a Laura Linstedt: «Le cose cominciano ad accadere quando smetti di avere paura e lasci che il tempo rallenti». È lì che si aprono le porte del "dopo". O di ciò che ancora "dopo" non è, ma non è più, semplicemente, unicamente "vita". Laura Lindstedt, scrittrice finlandese al suo secondo romanzo - il primo, Scissors, è del 2007 - ci conduce così, con un preambolo lungo poche decine di pagine, che hanno la densità di centinaia, nel cuore di ciò che, con una parola evocativa e sfuggente al contempo, le protagoniste chiamano Oneiron. Oneiron è, appunto, il titolo del romanzo corale di Laura Lindstedt, ora pubblicato, per la traduzione di Irene Sorrentino, dalle edizioni Elliot (pp. 384, euro 18). “Oneiron” è una soglia, spazio neutro tra la veglia e il sogno, tra la vita e la morte. O forse è già la morte, ma priva di consapevolezza. "Oneiron" è anche un performativo: crea, apre, trasforma non appena le protagoniste imparano a pronunciare le sue tre sillabe. Ed è allora, in uno spazio divenuto saturo di parola, che le cose, semplicemente, accadono. E si apre un altro ordine del tempo.  Leggi:>
  • Alberto Capatti, Alfagola / Cucina o nevrosi: Come la mettiamo con la psicoanalisi ? Apparentemente poco cibo, poco appetito, niente erotismo orale … Eppure La cucina del Dottor Freud di James Hillmann e Charles Boer (Cortina 1986, e ristampe) ha immaginato, con la sua bocca, con la sua stessa penna, un libro di casa e ricettario. Vienna, secondo ottocento, famiglia, amici, colleghi, pazienti. E’ un gioco e una parodia in cui ritroviamo i piatti della moglie, Martha Bernays, con la sua salsa bernays (sauce béarnaise) e della cognata Minna con il minnastrone. Leggi:>
  • Antonella Sbrilli, Giochi alfabetici / Intitolati 2: Anno nuovo: malgrado tutti i propositi di novità, è facile che ci si trovi a combinare e ricombinare le stesse cose. Ma è anche vero che cambiando l’ordine degli elementi, la novità da qualche parte appare. Anche noi torniamo a ricombinare le lettere dei nomi d’artista con il gioco Intitolati. Si tratta - come si legge qui - di anagrammare una frase che si presenta come il titolo di una possibile mostra: le lettere che compongono la frase sono quelle del nome di un artista italiano da indovinare e a cui la mostra in potenza si riferisce. Questa volta giochiamo con una mostra realmente allestita qualche anno fa. Nel 2009, a Trento, Luca Vitone realizzò un progetto (promosso dalla Fondazione Galleria Civica) dal titolo Cammin facendo. Leggi:>
  • Semaforo: Passato (fake news) - Presente (intelligenza artificiale) - Futuro (cannabis) - Leggi:>

 

Il 2017 sarà un anno cruciale per alfabeta2: dalle adesioni alla associazione che abbiamo appena varato e dalle iniziative che ci auguriamo di costruire con la vostra collaborazione, dipenderà la vitalità di quel cantiere di intervento culturale che la rivista si propone di essere, diventando un luogo di incontro virtuale e fisico. A tutti i lettori segnaliamo che a breve la lettura integrale del settimanale alfadomenica sarà possibile solo per gli iscritti all'associazione.

Leggete e fate circolare!

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!