Chiara Pirri

RWD-FWD é la prima tappa di I pesci non portano fucili, un progetto che mette in luce il lavoro dell’artista Alfredo Pirri (classe 1956) e nasce dalla collaborazione tra tre istituzioni, pubbliche e private : Nomas Foundation, MACRO e MAXXI.

Tre tappe : una mostra sull’Archivio Alfredo Pirri -promossa da Nomas Foundation e ospitata dal nuovo Studio & Archivio Alfredo Pirri, nonché dagli spazi della fondazione stessa-; una retrospettiva –che inaugurerà ad Aprile 2017 al MACRO Testaccio; un convegno su uno dei temi più volte affrontati dall’artista, come il rapporto tra arte e architettura –voluto e ospitato dal MAXXI-.

I pesci non portano fucili é il titolo scelto dall’artista per questo vasto progetto, un omaggio al libro « The divine invasion » di P. K. Dick, un invito a vivere la città come fosse acqua viva, e ad essere disarmati, curiosi, aperti. Un invito alla sua città, Roma, a creare nuove forme di collaborazione, in maniera fluida e anti-autoritaria.

Il titolo RWD-FWD, fa eco ai tasti “forward” e “rewind” dei vecchi registratori, che permettevano di riavvolgere e accelerare il tempo. La mostra, a cura di Ilaria Gianni e promossa dalla Nomas Foundation, è infatti una finestra sul vasto archivio dell’artista, pubblico e privato, dagli anni ’80 ad oggi.

Come scrive Pirri, voleva “dar vita a qualcosa che mostri, in maniera non cronologica ma logica, opere lontane e vicine, pensieri passati o futuri, tramite opere ma anche forme abbozzate, progetti, lettere, video, e tutto quanto ha guidato e segna il mio lavoro. Volevo vedere tutto ciò scivolare a pelo d’acqua, come fa l’olio”.

Sarà lo Studio & Archivio Alfredo Pirri ad accogliere l’evento espositivo, che ci permetterà di rintracciare le origini della poetica di Pirri attraverso tracce e memorie, dalle collaborazioni teatrali con la compagnia Krypton, passando per le prime mostre nel contesto italiano e internazionale degli anni ’80 e ’90, fino ad arrivare alle opere monumentali e ai grandi progetti recenti.

Durante tutta la durata della mostra (dal 16 Novembre al 25 Gennaio), gli spazi di Nomas si trasformeranno nel laboratorio in cui Alfredo Pirri realizzerà un’opera di grandi dimensioni, la quale sarà successivamente al centro della retrospettiva ospitata al MACRO dal 4 Aprile 2017.

La realizzazione di quest’opera sarà accompagnata da incontri e colloqui attraverso cui il pubblico potrà assistere e partecipare al processo creativo.

Negli anni ’80, l’artista realizzò un lavoro che, citando Edmond Jabès, recitava: “nessun ricordo è innocente”. Sembra che la mostra RWD-FWD, e il progetto di cui fa parte, voglia dimostrare proprio questo: che il valore della memoria risiede non solo (o non tanto) nella sua capacità di documentazione e testimonianza oggettiva, ma anche nel potenziale creativo e maieutico rispetto alla realtà.

***


Alfredo Pirri

RWD – FWD
a cura di Ilaria Gianni per Nomas Foundation
16 Novembre – 25 Gennaio
Studio & Archivio Alfredo Pirri, Via dei Consoli, 73, Roma
Nomas Foundation, Viale Somalia, 33, Roma
Per gli incontri visitare il sito www.nomasfoundation.com

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!