Oggi su alfadomenica:

  • Angelo Guglielmi, Cinquant'anni dopo:  Il 21 e 22 ottobre il Gruppo 63 ha riunito a La Spezia i protagonisti ancora viventi; l’occasione è stata la ricorrenza del cinquantenario di una analoga riunione che il gruppo tenne nella stessa città di La Spezia nel 1966 (appunto cinquant’anni fa). Il Gruppo ’63 (che è stato la conclusione di un percorso iniziato molti anni prima) ha significato per noi il recupero della buona letteratura (italiana e soprattutto straniera) degli anni venti e trenta, e quindi Pirandello, Svevo, Joyce, Proust, Gadda, Musil, senza dimenticare il Moravia degli Indifferenti (la vera unica proposta di novità dello scrittore romano) e alcuni saggisti e critici, per me soprattutto Spitzer e la critica stilistica. Leggi: >
  • Lorenzo Esposito, Ci vado io su Marte! Due film di Herzog sulla connessione: Il vulcanologo Clive Oppenheimer e Werner Herzog approdano in uno sperduto villaggio australiano dove un’antica tribù vive, venerandolo ciecamente, alle pendici di un attivissimo vulcano (la situazione ricorda altri incontri herzoghiani alla fine del mondo e dell’antropologia, come nell’episodio amazzonico Ten Thousand Years Older per il collettivo Ten Minutes Older: The Trumpet). Siamo già Into the Inferno (passato di recente alla Festa del Cinema di Roma, ma già da molti mesi presenza stabile nei festival internazionali, da Telluride a Toronto, e di prossima messa in rete su Netflix che produce). Oppenheimer, che affianca Herzog nei suoi incontri con il capo del villaggio, confessa che la prima volta in cui si incontrarono, all’epoca della spedizione antartica di Encounters at the End of the World (2007), aveva pensato che se lo avessero lasciato troppo fare lui li avrebbe condotti dritti nella bocca del vulcano. Dovette ricredersi, e al contrario stupirsi delle misure e delle attenzioni prese dal regista per non far coincidere il suo desiderio di mai visto col rischio di non vedere più. Leggi:>
  • Semaforo: Adolescenti - Immigrati - Specchi. Leggi:>

 

Da oggi a sabato 5 novembre sulla home page di alfabeta2 The Painted Song di Antonio Fasolo con Alvin Curran e Edith Schloss

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!