Galleria+de+foscherari+mostra+eros+ghenos+thanatos++pisani+e++pascali+Tiziana Migliore

La destituzione dell’«autorità» praticata nel ’68 dai movimenti contestatari è passata attraverso la destituzione del critico. Nel momento in cui gli artisti hanno voluto assumere il controllo dei modi di esposizione e commento delle opere, si è affermato il curatore indipendente, fiancheggiatore e complice, come snodo dei processi di valorizzazione dell’arte. E ha messo in ombra la relazione arte-critica, a distanza e conflittuale, da sempre ritenuta necessaria per la mobilitazione civile. La saldatura con la realtà poteva compiersi in uno spazio-laboratorio destrutturato e non gerarchico, come in When attitudes become form (1969) di Harald Szeemann, facendo a meno dell’interpretazione, anzi rifiutandola (Susan Sontag, Against interpretation, 1964). Divenuto forza debole, il critico ha cominciato ad abitare terreni incerti, scomodi, problematici. Ha abdicato per questo alla sua agenda?

Il libro di Alberto Boatto, Ghenos Eros Thanatos e altri scritti sull’arte 1968-1985, a cura di Stefano Chiodi (la cui postfazione è particolarmente lucida, nel ricostruire un non facile percorso), non è l’ennesima impresa di canonizzazione di un autore nella letteratura artistica, ma un documento e un racconto dell’espediente forse più originale e audace con cui la critica, negli anni Settanta, ha reinventato se stessa, disattendendo l’uscita di scena e l’autocondanna all’irrilevanza.

Il libro si compone dei testi e delle foto del libro-mappa di Ghenos Eros Thanatos, la mostra organizzata da Boatto nel ’74 alla Galleria de’ Foscherari di Bologna, e di una rosa di suoi scritti dispersi. In uno di questi (Dalla simulazione alla realtà, 1970) Boatto fa notare, sulla scorta di Edgar Morin, che lo sforzo dei sessantottini di riappropriarsi del senso della vita è rimasto sul piano di una simulazione: il «maggio» è stato riassorbito (peggio che essere sconfitto!) perché di fatto non ha mai tagliato i ponti con la normalità. Ci si è collocati all’esterno, nella norma violata, e non all’interno delle tensioni, lì dove era possibile operare la «flessione ottativa», lo spostamento verso il futuro che pure è costitutivo dell’arte. Il dissolvimento dell’oggetto artistico a favore del progetto e dei comportamenti è stato fittizio e l’arte ha continuato a funzionare nel «presente dell’epifania», illustrazione del già noto, anche nei più destrutturati spazi espositivi.

Boatto offre la sua «strategia di riserva»: dare visibilità alle situazioni limite dell’esistenza, la nascita (ghenos), l’erotismo (eros) e la morte (thanatos). Eccessi insieme ineluttabili e ordinari, repressi e rimossi nella cultura occidentale perché non allineati col presente, eppure veri avvenimenti vitali, pulsionali, in cui ricercare nuovi potenziali cognitivi e coordinate psicopolitiche. L’arte può tradurre, nelle forme violente di eventi legati alla nascita, all’eros e alla morte, necessità biologiche soffocate. Non si tratta di rettificare i modelli conoscitivi sulla realtà, quanto di plasmare la realtà su altri modelli, passibili di ravvicinare corpo e comportamento. L’esposizione bolognese entra così in coincidenza con quella, di quattro anni precedente, di Achille Bonito Oliva e Graziella Lonardi Buontempo, Vitalità del negativo al Palazzo delle Esposizioni di Roma a Roma: pareggiando la violenza e la fertilità di eventi non controllati dall’individuo con la riappropriazione della trasgressione, come controsocietà.

Il curatore embedded non è la figura giusta per questa transizione. L’ipotesi di liberazione deve infatti misurarsi, anche nell’arte, con l’orizzonte del suo accadere collettivo. Tocca a chi finora ha mediato tra sfera estetica e sfera politica – il critico – ridefinirsi intercessore: far percorrere all’uomo una seconda volta, perché arrivi a penetrarlo, ciò che egli è, «far passare il reale nel significativo», «trasformare in segni la più vasta esperienza possibile».

Nutrito di letture filosofiche e letterarie, psicoanalitiche e antropologiche, con una preferenza per i grandi distruttori – Sade, Freud, Nietzsche, e Artaud e Bataille fonti del Foucault della Trasgressione (1963) – Boatto è un semiologo naturale. Pensa l’immaginario come luogo del doppio, della manifestazione della carne nelle declinazioni dell’immagine. Capisce perciò che l’evento «accade» attraverso l’oggetto, come in Gilberto Zorio – in potenza, imminente, prima dell’acme, o nella sua durata, quando l’alterazione irrita le narici (6 punti per Zorio, 1968). E comprende, confrontandole, le poetiche di Pascali e Kounellis. Nel primo, che ha ripreso possesso dell’infanzia, l’immaginario mira a sostituire la realtà con goffe animazioni e contraffazioni; nel secondo reale e immaginario non sono ancora separati dalle forbici della ragione e risultano uniti temporalmente, in visioni mitiche o arcaiche (L’immaginario in Pascali e Kounellis, 1973).

Ghenos Eros Thanatos è il banco di prova di questo approccio. La rassegna si svolge sui due fronti della «mostra-libro» – nel percorso espositivo proposizioni verbali e proposizioni visuali sono accostate secondo libere associazioni e quasi sabotando le aspettative dei visitatori, dadaisticamente – e del «libro-mappa» – tentativo di assumere in una struttura compositiva l’immagine attorno a cui ruotano le associazioni. La pagina è dentro l’evento estetico, anche se ne delucida il senso. «Il mio io e il tempo stanno nella pagina» (Evento come avventura, 1968).

Ghenos: prendere parte alla nascita, controllare il trauma del proprio parto, facendo affiorare la propria antichità e ciò che già possediamo, ma senza averne consapevolezza: dopo l’asfissia, le tenebre e l’immobilità, la vita libero respiro, stazione eretta e motilità. Ce lo insegnano i riti della pubertà, che serrano l’iniziando in una cavità, sacca o caverna, perché trovi con le sue forze il bagliore della luce (Claudio Cintoli, Crisalide, 1972).

Eros: l’attività erotica è allacciare un circolo, mezzo per stringere rapporti attraverso il corpo a corpo – catene, funi e tubi di gomma (Vettor Pisani, Lo scorrevole, 1970) – con ritmo centrifugo di dissoluzione (Bataille) o centripeto di calamitazione nell’essere umano (Breton), compensando l’uomo della sete di negazione e corrosione sottrattagli dai Governi per guerre capitalistiche (Sade). Non solo Duchamp impicca alcuni dei suoi luttuosi ready-made, ma la sposa nel Grand Verre è impiccata in una esecuzione in effigie. Una «macchina celibe» controlla la loro relazione e lo scapolo si è già smarrito in nove stampi maschi; con il venir meno del partner, macina da solo il suo cioccolato. Rispetto al grado 1 del narcisismo e 100 dell’estasi dell’orgasmo, il masochismo introduce lo 0 della morte a dosi omeopatiche, almeno finché la machine-ivresse, il desiderio nella massima intensità fisica, non si muta in machine-danger (Giosetta Fioroni, Incidenti mortali durante attività autoerotiche, 1974).

Thanatos: nel mondo moderno si muore, ma non si possiede la propria morte. I mass media la surgelano nei frigidaire delle «onoranze funebri» e del «caro estinto» e retroagiscono sulla vita, appiattendola. Occorre stanare la morte da questi cerimoniali.

Mentre suggerisce di vivere scrutando i ritmi del ghenos, dell’eros e del thanatos, Boatto inventa una scrittura non corresponsabile dell’opera. Se ne è accorto un artista, Fabio Mauri, che l’ha curiosamente tradotta in un appunto-diagramma (1975): un’unica linea che in basso è «saggio» – «spirale che si avvicina o allontana all’opera, con attrazione o repulsione» – in alto è «aereo», «fila via per proprio conto», «cieca dentro la luce». Testimonia la «condotta del saggio» che si è slegato dall’esegesi. E, pur di non abituarsi all’assenza della critica, ha preso il rischio del «disorientamento». Sapremo farne tesoro?

Alberto Boatto

Ghenos Eros Thanatos e altri scritti sull’arte (1968-1985)

a cura di Stefano Chiodi

«fuoriformato» L’orma, 2016, 212 pp., € 28

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
Almanacco
Il primo Almanacco di alfabeta2 che riassume come «cronaca di un anno» l’attività di www.alfabeta2.it sul tema Post-futuro. Con sconto 30%!
La moneta del comune
Il secondo libro della collana alfalibri: La moneta del comune a cura di Andrea Fumagalli ed Emanuele Braga. L’obiettivo è semplice creare un ambiente socio-economico ed ecosostenibile in grado di produrre per sé e non per il profitto e la rendita.