brexit-ukFranco Berardi Bifo

L'inglese se n'è gghiuto e soli n'ha lasciati"
Non credevo nella Brexit, pensavo che solo un popolo di ubriachi poteva decidere una simile autolesionistica catastrofe. Dimenticavo che gli inglesi sono per l'appunto un popolo di ubriachi. Scherzo, naturalmente, dato che non credo nell'esistenza dei popoli. Ma credo nella lotta di classe, e la decisione degli operai inglesi di affondare definitivamente l'Unione europea è un atto di disperazione che consegue alla violenza dell'attacco finanzista che da anni impoverisce i lavoratori di tutto il continente e anche di quell'isola del cazzo.
La City si preparava a festeggiare l'ennesima vittoria della finanza , e invece l'hanno spuntata i proletari resi nazionalisti dalla disperazione (e dalla patetica arroganza imperialista bianca).

Ma non possiamo liquidare come fasciste le motivazioni di coloro che vogliono uscire dalla trappola europea, visto che è ormai dimostratissimo che l'Unione europea non è (e non è mai stato) altro che un dispositivo di impoverimento della società, precarizzazione del lavoro e concentrazione del potere nelle mani del sistema bancario. Gran parte di quelle motivazioni sono comprensibili, tant'è vero che la maggior parte dei "leave" proviene dalle aree operaie mentre le forze del finanzismo davano per certa la vittoria alla faccia di chi in nome dei "valori europei" si fa derubare il salario.

Ma il problema non sta nelle motivazioni, il problema sta nelle conseguenze.
L'Unione europea non esiste più da tempo, almeno dal luglio del 2015, quando Syriza è stata umiliata e il popolo greco definitivamente sottomesso.
Ci occorre forse un'Europa più politica come dicono ritualmente le sinistre al servizio delle banche? Sono anni che crediamo nella favoletta dell'europa che deve diventare più politica e più democratica. Ci siamo caduti anche noi, mi spiace dirlo, ma non è mai stato vero. L'Unione europea è una trappola finanzista da Maastricht in poi.

Un articolo di Paolo Rumiz (Come i Balcani) uscito il 23 su La Repubblica dice una cosa che a me pareva chiara da tempo: il futuro d'Europa è la Yugoslavia del 1992. Rumiz lo dice bene, solo che dimentica il ruolo che la Deutsche Bank svolse nello spingere gli yugoslavi verso la guerra civile (e Wojtila fece la sua parte).

Ora credo che dobbiamo dirlo senza tanti giri di parole: il futuro d'Europa è la guerra. Il suo presente è già la guerra contro i migranti che già è costata decine di migliaia di morti e innumerevoli violenze.
Forse suona un po' antico, ma per me resta vero che il capitalismo porta la guerra come la nube porta la tempesta.

Cosa si fa in questi casi? Si ferma la guerra si impongono gli interessi della società contro quelli della finanza? Naturalmente sì, quando questo è possibile. Ma oggi fermare la guerra non è più possibile perché la guerra è già in corso anche se per il momento a morire sono centinaia di migliaia di migranti in un mediterraneo in cui l'acqua salata ha sostituito il ZyklonB.

I movimenti sono stati distrutti uno dopo l'altro. E allora?, allora si passa all'altra parte dell'adagio leniniano (segnalo per chi avesse qualche dubbio che non sono mai stato leninista e non intendo diventarlo).
Si trasforma la guerra imperialista in guerra civile rivoluzionaria.

Cosa vuol dire? Non lo so, e nessuno può saperlo, oggi. Ma nei prossimi anni credo che dovremo ragionare solo su questo. Non su come salvare l'Unione europea, che il diavolo se la porti. Non su come salvare la democrazia che non è mai esistita. Ma su come trasformare la guerra imperialista in guerra civile rivoluzionaria. Pacifica e senz'armi, se possibile. Guerra dei saperi autonomi contro il comando e la privatizzazione.

Ma insomma, non porto il lutto perché gli inglesi se ne vanno. Ho portato il lutto quando i greci sono stati costretti a rimanere a quelle condizioni (e adesso che ne sarà di loro?).
Cent'anni dopo l'Ottobre mi sembra che il nostro compito sia chiederci: cosa vuol dire Ottobre nell'epoca di internet, del lavoro cognitivo e precario?
Il precipizio che ci attende è il luogo in cui dobbiamo ragionare su questo.

 

 

Tagged with →  
Share →

5 Risposte a L’inglese se n’è gghiuto

  1. Angelina Merlino scrive:

    Totale condivisione.

  2. Fabrizio scrive:

    Segnalo che , oltre alla “guerra ai migranti” (i quali in realtà non sono soggetti di nessuna guerra, semmai vittime di guerre occidentali), in Europa una guerra vera è in corso. Guerra con bombe, civili, fosse comuni, media manipolati. La guerra in Ucraina tra governo golpista e popolazioni del Donbass, condotta sul campo da battaglioni nazionalisti e in alcuni casi nazisti, finanziata dall’occidente, appoggiata politicamente dalla nostra cara europa. Forse all’autore è sfuggito un anno di storia…

  3. Antonio Peduzzi scrive:

    Non prendo troppo sul serio l’autore.

  4. Franco Antonicelli scrive:

    Oggi, mercoledì 29 giugno, sarà possibile incontrare Bifo alle ore 18 presso il Polo del 900 a Torino…sarà l’occasione di esplorare il “precipizio che ci attende” a partire dal campo del Lavoro, e non solo. Info: http://www.unioneculturale.org/2016/05/lanima-al-lavoro/

  5. Paolo Andreozzi scrive:

    Idee poche e ben confuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!