woman_traffic-300x202Calici

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista BMC Public Health mostra che le persone bevono notevolmente più vino quando è servito in un calice grande. Ricercatori dell'università di Cambridge in Inghilterra hanno analizzato le vendite di vino in un pub del luogo, The Pint Shop, per cinque mesi di seguito l'anno scorso. Ogni due settimane i proprietari cambiavano i bicchieri da quelli standard (300 ml) a tipi più grandi (370 ml) e poi più piccoli (250 ml). Servire esattamente la stessa quantità di vino, ma in calici più grandi, aveva un effetto immediato sulle vendite (+ 14,4 % nell'area bar, + 8,2 % nella zona ristorante).

Mandy Oaklande, The Weird Thing That Makes You Drink More Wine, "Time", 6 giugno 2016

Social network

Quando molti americani a basso reddito si sentono isolati dalla frustrante monotonia delle cose, dal vuoto del loro lavoro, dai media, desiderano ancora ritrovarsi fisicamente presenti in una rete di relazioni sociali. Non lo fanno andando ai centri pubblici di comunità. Non sempre lo fanno utilizzando la vastissima proposta di programmi realizzati da organizzazioni non profit. Lo fanno per conto loro, omogeneamente in tutto il paese, da McDonald's.

Chris Arnade, McDonald's: you can sneer, but it's the glue that holds communities together, "Guardian", 8 giugno 2016

Taccuini

Cercate idee per le letture estive? Perché non trovare ispirazione in Walter Benjamin? Da quando era studente, il filosofo tedesco scriveva e numerava ogni libro letto in un diario. Il piccolo taccuino nero cataloga le letture di Benjamin da quando aveva 22 anni nel 1917 fino al 1939, poco prima che lasciasse Parigi in fuga dai nazisti. Comincia con il numero 462 (le prime voci sono andate perdute) e finisce con il numero 1712, La Toque Noire (Il caso Paradine) di Robert Hichens. Per l'umiliazione dei lettori più rilassati, Benjamin leggeva in media più di un libro la settimana. Il taccuino è in mostra questo mese alla Galerie Max Hetzler di Berlino all'interno di Irkkunst, una mostra del ceramista Edmund de Waal, l'autore di Un'eredità di avorio e ambra (Bollati Boringhieri 2011, ndr).

Julia Michalska, Walter Benjamin's reading list of crime and classic revealed, “The Art Newspaper”, 7 giugno 2016

Il Semaforo di Alfabeta2 è a cura di Maria Teresa Carbone

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
Almanacco
Il primo Almanacco di alfabeta2 che riassume come «cronaca di un anno» l’attività di www.alfabeta2.it sul tema Post-futuro. Con sconto 30%!
La moneta del comune
Il secondo libro della collana alfalibri: La moneta del comune a cura di Andrea Fumagalli ed Emanuele Braga. L’obiettivo è semplice creare un ambiente socio-economico ed ecosostenibile in grado di produrre per sé e non per il profitto e la rendita.