formlabs-form1-3d-printer-G.B. Zorzoli

A un tassista che si lamentava della concorrenza di Uber, chiesi: «Lei fa acquisti in rete?». «Sì». «Utilizza l’home banking?». «Naturalmente. Perché mi fa queste domande?». «Le rispondo con altre domande. Si rende conto che, facendo acquisti in rete toglie spazio ai negozi tradizionali e riduce le opportunità di occupazione nel commercio? E lo sa che l’home banking – così comodo, lo uso anch’io – elimina posti di lavoro nelle banche? Avvalendosi di questi servizi, lei contribuisce a danneggiare altre categorie, proprio come chi ricorre a Uber si comporta nei suoi confronti». A corto di argomenti, il tassista rimase silenzioso per il resto della corsa, ma dall’espressione del volto era palese il rimprovero a chi aveva appena distrutto la sua innocenza.

In effetti facciamo fatica a cogliere appieno le conseguenze di un insieme di innovazioni, destinate a crescere in numero e in diffusione. Quando – più presto di quanto si creda – saranno disponibili auto che si guidano da sole, convocabili a domicilio con un’app, anche Uber e i suoi occasionali autisti saranno messi in crisi. Se, com’è possibile, la moneta elettronica sostituirà quella cartacea e, evento assai probabile, qualcuno metterà in circolazione un software open source per la gestione di piccoli investimenti da parte di privati cittadini, cosa resterebbe delle banche attuali?

Fino a poco tempo fa la decisione di utilizzare un’innovazione, destinata a influire sulle prospettive economiche di un’impresa e su quelle sociali di chi vi lavora, aveva nomi e cognomi facilmente identificabili. Quando in una fabbrica il processo produttivo è robotizzato o in un ufficio si amplia la digitalizzazione della gestione amministrativa, la difesa dei posti di lavoro messi in discussione sa contro chi battersi. Ai processi innovativi verticistici, quindi nominativi, se ne stanno però aggiungendo altri, per i quali è ogni cittadino dotato di un minimo di alfabetizzazione digitale a decidere se utilizzare uno dei nuovi servizi che, con frequenza crescente, diventano disponibili. Scegliamo di avvalercene sulla base di convenienze che non sono dissimili da quelle del proprietario di una fabbrica o di un supermercato: riduzioni dei costi e, spesso, anche dei tempi richiesti. Poiché un numero crescente di persone decide di comportarsi in questo modo, l’effetto complessivo sulle attività che vengono bypassate, e sui relativi posti di lavoro, diventa dello stesso ordine di grandezza di quelli prodotti dalle scelte di poche persone al vertice di grandi imprese.

Dietro la facciata di servizi utili e convenienti, opera quindi un meccanismo subdolo, che di fatto trasforma chi li utilizza in un microcapitalista che contribuisce alla realizzazione di un capitalista virtuale, alla lunga in grado di influenzare l’andamento dell’economia più di molti capitalisti in carne e ossa. E, col moltiplicarsi delle offerte, cresce la probabilità che una di queste prima o poi colpisca ciascuno di noi.

Per di più i nuovi servizi hanno spesso effetti collaterali positivi. Se, invece di acquistarlo all’edicola, leggo il giornale sul PC o sul tablet, risparmio carta, inchiostro, mezzi di trasporto e di distribuzione, cioè materie prime, veicoli, macchinari ed energia, riducendo in misura proporzionale l’impatto sull’ambiente. Molte persone sono state indotte a scelte di questo tipo proprio dal loro impegno attivo a protezione dell’ambiente e del clima.

Fra non molto a questi «effetti soft» se ne aggiungerà almeno uno «hard». L’additive manufacturing (AM), comunemente noto come stampante 3D, non è solo in grado di lavorare una vasta gamma di materiali e di produrre componentistica pienamente funzionale, compresi meccanismi complessi, come batterie, transistor, LED, ma anche spaghetti. La ridotta incidenza delle dimensioni di una stampante 3D sui costi di produzione favorisce lo sviluppo di una manifattura diffusa, che consentirà di produrre a domicilio piatti, bicchieri, posate, pentole, chiodi, appliques.

Questo groviglio di contraddizioni, un tempo inesistenti o marginali, si aggiunge a quelle create dalla progressiva diminuzione dell’apporto umano alle tradizionali attività produttive e di servizio, rendendo plausibile l’ipotesi di società in cui il lavoro retribuito potrebbe diventare marginale. Non a caso incominciano a crescere i consensi alle proposte di istituire forme di reddito di cittadinanza, che renderebbero più netta, ufficializzandola, la separazione della società in due tronconi. Non importa se da una parte ci sarà il simbolico 1% della popolazione, o il 2, il 5, anche il 10 per cento: la sostanza delle cose non cambierebbe.

Tagged with →  
Share →

3 Risposte a Microcapitalisti di tutto il mondo, unitevi!

  1. Emilia Banfi scrive:

    gulp! sono svenuta

  2. Gennaro Di Bisceglie scrive:

    Ottimo contributo alla conoscenza dello stato reale delle cose. Occorrerà dunque elaborare un pensiero- almeno europeo – per una politica adeguata al superamento dello stato presente delle cose. Compito davvero gigantesco!

  3. Luigi Santi scrive:

    E Zorzoli sa che i vestiti che indossa sono fatti con i telai che hanno lasciato a casa operai nel 700?
    Ma dove vive Zorzoli, su Marte? Gli hanno fatto il lavaggio del cervello in Corea del Nord?
    Ma lo fate uscire dalle caverne? Che veda almeno un po’ di sole. Pensavo che questi argomenti fossero morti e sepolti da almeno un 60ennio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!