cineDaniela Angelucci

«Le opere neorealiste rappresentano una preghiera, il desiderio che il mondo osservi il popolo italiano e scopra la sua essenziale umanità, per questo dovevano filmare la verità, non avevano scelta. Per la prima volta l’illusione lasciò lo spazio alla realtà». Queste parole di Martin Scorsese, sull’esigenza del nostro cinema di svelare la realtà e la vita della nazione, chiudono in quarta di copertina il secondo volume del Lessico del cinema italiano, impresa collettiva a cura di Roberto De Gaetano che ha avuto inizio con un primo tomo nel 2014 (dalla A di Amore alla G di Geografia) e di cui si attende per il prossimo anno il terzo e ultimo volume (che dalla Q di Quotidiano approderà alla Z di Zapping).

Il nucleo teorico che guida la composizione dell’intero Lessico, rendendolo più coeso di quanto potrebbe essere una storia del cinema ordinata cronologicamente, è espresso con chiarezza dal sottotitolo: Forme di rappresentazione e forme di vita. L’idea convincente alla base del progetto è che il cinema italiano, dalle sue origini a oggi, ci abbia riconsegnato un’immagine forte e incisiva della particolare declinazione nazionale del rapporto tra il soggetto e il mondo. Nella nostra tradizione culturale, infatti, l’io non è mai stato pensato, cartesianamente, come soggetto che precede il mondo o che si astrae da esso, ma come istanza sempre già immersa nella vita, nel contesto naturale o storico.

Così afferma De Gaetano nel lemma, centrale per temi e per posizione (una sorta di seconda introduzione all’intero progetto, dopo quella contenuta nel primo volume), Identità, seguendo le indagini sul pensiero italiano che il filosofo Roberto Esposito ha proposto nel 2010 nel libro Il pensiero vivente. Origini e attualità della filosofia italiana. Il radicamento nella vita e l’impossibilità di una netta distinzione tra io e mondo, presenti nella nostra filosofia, costituiscono anche la cifra originale del cinema italiano. Tali caratteri hanno comportato l’assenza di una grande forma d’azione, che necessita sempre di ambienti determinati e distinti nettamente dalle istanze del soggetto (come avrebbe detto Deleuze), ma anche la capacità di superare una riduttiva polarità tra film sociale e film psicologico, «spingendo radicalmente il soggetto nel mondo» oppure «introiettando fino all’inverosimile il mondo nel soggetto». Se l’avventura del cinema italiano è legata alla messa in crisi dell’identità soggettiva e all’«esposizione dell’io al noi», si vede bene perché il neorealismo – con la sua attitudine a cogliere il reale nella sua contingenza e ambiguità, a produrre insomma un’individuazione senza identità – abbia rappresentato la sua massima potenza.

Gli stessi temi ritornano – confermando l’idea di un’opera ampia, ricca di riferimenti filmici, ma fortemente coesa – nelle altre voci del Lessico, che si muovono tutte intorno al tema dell’identità italiana e del cinema come sua potente forma di visibilità. Habitus, di Giacomo Manzoli, inizia – come il lemma di De Gaetano – con una citazione da Habemus papam di Nanni Moretti, film sul rifiuto dell’abito e del ruolo; la voce Opera, di Francesco Ceraolo, sceglie invece di proporre come avvio una scena di Noi credevamo di Mario Martone, legando cinema e opera lirica in virtù della loro capacità di narrare le forme di vita dell’«essere italiani»; racconta la doppia via linguistica percorsa dal nostro cinema, diviso tra l’opzione di restituire un parlato realistico e il mantenimento di un linguaggio scritto, teatrale, il lemma Lingua di Fabio Rossi. Esplicitamente focalizzata sulla questione di una incerta identità è costruita la voce Maschera, di Bruno Roberti, che individua accanto alla maschera rituale di tipo carnevalesco e a quella nera, gotica, un terzo tipo di mascheramento presente nel cinema italiano, quello barocco, ambiguo e dissimulatorio. Ancora, mancante, sfumata, fluttuante o addirittura mutante si manifesta la figura del Nemico, nella voce omonima di Daniele Dottorini, che ben evidenzia l’ambiguità e la passione del reale che anima il nostro cinema; allo stesso modo, approda a un interrogativo il lemma conclusivo del volume, Potere, di Gianni Canova, sottolineando la difficoltà del cinema nazionale nella rappresentazione convincente del potere stesso come della democrazia.

Non rinunciando a un contatto diretto con i film del passato e della nostra contemporaneità – ogni voce, come si è visto, ha inizio infatti con la descrizione di una scena tratta da un film recente –, questa mappa concettuale trova la sua forza nel raccogliersi intorno a un fulcro di pensiero forte, confermando la fecondità dell’incontro tra filosofia e cinema, quando assunto nella sua pienezza.

Lessico del cinema italiano. Forme di vita e forme di rappresentazione

Volume II: Habitat-Potere

a cura di Roberto De Gaetano

Mimesis, 2015, 537 pp. € 48

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
Almanacco
Il primo Almanacco di alfabeta2 che riassume come «cronaca di un anno» l’attività di www.alfabeta2.it sul tema Post-futuro. Con sconto 30%!
La moneta del comune
Il secondo libro della collana alfalibri: La moneta del comune a cura di Andrea Fumagalli ed Emanuele Braga. L’obiettivo è semplice creare un ambiente socio-economico ed ecosostenibile in grado di produrre per sé e non per il profitto e la rendita.