Elvio Fachinelli, Al cuore delle cose. Scritti politici (1967-1989), a cura di Dario Borso

Quelli raccolti in Al cuore delle cose sono la quasi totalità dei testi di tenore variamente politico consegnati dallo psicanalista Elvio Fachinelli (1928-1989) alla carta stampata (quotidiani, settimanali, riviste): di questi sessanta testi (dall’articolo al saggio, dal diario alla conferenza) cinquanta erano praticamente introvabili, mentre i restanti dieci sono comparsi in antologie ormai non più in commercio. Rivolta studentesca, lotte operaie, speranze e accelerazioni negli anni Sessanta; terrorismo, derive autoritarie, progetti di autonomia, delusioni e tracolli nei Settanta; riflusso edonistico, innovazioni tecnologiche e nuove forme di sopravvivenza negli Ottanta: questi fondamentalmente i temi trattati, con un approccio per chiavi e spie assolutamente inedite, per brevi rilievi sismografici che segnalano una realtà in continuo movimento. Non quindi storia, e men che meno enciclopedia – piuttosto un mosaico formato dallo sguardo obliquo di uno straordinario psicanalista. Che della psicanalisi e di Sigmund Freud ha adottato la capacità di cogliere i particolari illuminanti, gli imprestiti delle esperienze altrui, le persistenze di uno stile nell’alternarsi dei periodi. Tre decenni, appunto, che nella sua attività «giornalistica», col senno di poi ma la curiosità del momento, sezionò e ricompose, in una versione lieta e spietata del carpe diem.

Riccardo Antoniucci – Ufficio Stampa DeriveApprodi

tel. 06 85358977 cell. 340 7642693
ufficiostampa@deriveapprodi.org
www.deriveapprodi.org

DeriveApprodi srl
Piazza Regina Margherita, 27
00198 Roma

Tagged with →  
Share →

Una Risposta a Elvio Fachinelli, Al cuore delle cose

  1. Pierluigi Pettorosso ha detto:

    grazie, ottimo, uno studioso trasversae, tranchant, emozionante, e un uomo, non sedicente tale. Interventi , rimandando essi a lavori più corposi ed estesi, di ovvia latitudine intellettuale ed esistenziale appena pochi anni fa, e non più così oggi, immersi tetragonamente nell immobilità delle coscienze e non solo, nella inerzia e paralisi degli abissi della civiltà, individuale e collettiva.

    Prof. Pierluigi Pettorosso (Bratislava)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi