semaforoConsapevolezza / 1

Anche solo sollevare la questione della consapevolezza animale era sufficiente un tempo per rovinare potenzialmente una carriera. Nel 1970 il biologo Donald Griffin pubblicò un libro in cui parlava esattamente di questo : Question of Animal Awareness. Griffin era allora uno scienziato di tutto rispetto che da poco aveva scoperto l'uso, da parte dei pipistrelli, dell'ecolocalizzazione, o sonar, per esplorare l'ambiente circostante. Ma dopo la pubblicazione del suo libro, la sua reputazione professionale fu in gran parte rovinata.

Melissa Dahl, Maybe It’s Time to Take Animal Feelings Seriously, New York magazine, 23 febbraio 2016

Consapevolezza / 2

Chi può dire che le macchine non hanno già una mente? Cosa succede se queste menti assumono forme inattese, come reti che hanno raggiunto una forma di consapevolezza a livello di gruppo ? Cosa succede se l'intelligenza artificiale ci è così poco familiare che stentiamo a riconoscerla ? Potrebbero le nostre macchine essere diventate consapevoli di sé senza che noi nemmeno lo sappiamo? L'enorme ostacolo per affrontare tali questioni è che nessuno è veramente sicuro di quello che è la coscienza.

George Musser, Consciousness creep, Aeon, 25 febbraio 2016

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!