Caroline Zekri è cresciuta tra Roma e Parigi. Il suo lavoro si svolge in poesia, teoria, atti e fotografia. Scrive in francese e in italiano, entrambe sue madrelingue. Suoi testi sono apparsi in Italia e in Francia sulle riviste Anterem e Nioques e per La Camera Verde ha pubblicato Corps sans image (2014), libro di fotografia/poesia plurilingue. Le fotografie di Corps sans image sono state esposte ad Arles, Parigi, Roma e Londra, insieme al video same like you (Aftermath Exhibition, The Framers Gallery, 2014).
Come traduttrice ha pubblicato la prima traduzione in francese della raccolta I rapporti (1966) di Antonio Porta (Les rapports, Éditions NOUS, 2015).

 

à une égale distance de chaque pièce
quelque chose se produit
qui n’admet aucune comparaison

il y a de la violence

un noir artificiel s’applique à des objets multiples

le centre de poussée surnage

non localisé e s

 

 

a uguale distanza da ogni vano
si verifica qualcosa
che non ammette alcun confronto

c'è violenza

un buio artificiale viene applicato ad oggetti multipli

il centro di pressione resta a galla

non determina ta ti

 

Testo inedito tratto da Rétroaction (sezione "Téléguidés")
Traduzione dal francese di Alessandro De Francesco

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!