literature-books-584Giorgio Mascitelli

Il rapporto ISTAT sulla produzione e lettura di libri in Italia del 2016 con dati relativi all’anno precedente registra una ripresa dopo anni di allarmanti diminuzioni: nel 2015 il 42% della popolazione italiana con più di sei anni ha letto almeno un libro e questa percentuale è in lieve aumento rispetto all’anno precedente, nel quale era il 41,4% a sua volta in discesa dal 43% del 2013 (l’anno con la più alta percentuale di lettori nell’ultimo ventennio è stato il 2010 con il 46,8%). Gli altri dati del rapporto confermano statisticamente osservazioni che già molti avevano fatto in modo più impressionistico: le donne leggono più degli uomini, il Centro-Nord più del Sud, i centri urbani più dei piccoli comuni e, ovviamente, le persone con titolo di studio elevato più di coloro che hanno la scuola dell’obbligo, oltre alla sostanziale stabilità del gruppo di lettori forti che leggono almeno un libro al mese.

A mio parere questi dati non rilevano nuove tendenze, ma rappresentano piuttosto un’autobiografia della nazione, per usare una formula antica e non priva di fascino. Che i lettori siano in aumento anche se di poco è rincuorante, ma l’Italia resta un paese dove si legge poco rispetto alla media delle nazioni europee, verosimilmente più per ragioni storiche di lunga durata che per fattori nuovi: se, per esempio, in certi paesi europei il problema dell’analfabetismo era già in via di risoluzione nel corso del XIX secolo e in Italia no, è chiaro che questo dato storico si sconta ancora oggi nelle abitudini di lettura.

Un dato interessante contenuto nel precedente rapporto del 2015 è che, secondo gli addetti ai lavori ossia gli editori, il primo motivo di questa situazione è da individuare nella mancanza di adeguate politiche scolastiche della lettura. È il primo fattore indicato nel rapporto dal 49,9%, che diventa il 58,5% tra i grandi editori ossia coloro che hanno pubblicato più di 50 titoli nel 2014. Si tratta indubbiamente di una considerazione che ha il suo fondamento, anche se i giovani dagli undici ai diciannove anni leggono più della media nazionale, in media sopra il 50%: per esempio nel lavoro scolastico tradizionale del triennio delle superiori, che è un periodo importante per trasformare la lettura da un’attività scolastica a una pratica personale, anche nelle materie umanistiche vige un approccio sostanzialmente manualistico a discapito della lettura di testi. Non bisogna però dare un’immagine caricaturale di una scuola ferma nei suoi riti immutabili: un numero crescente di insegnanti, a prescindere dai programmi e dagli annunci centralizzati, dà importanza alla lettura dei libri nello svolgimento delle lezioni. Sicuramente c’è anche il classico nodo infrastrutturale: nei piccoli centri e nelle periferie urbane è fondamentale che ci sia una buona biblioteca scolastica o comunale che sostenga il lavoro in classe. Il problema di fondo tuttavia, a mio parere, si trova nell’impostazione culturale dell’insegnamento aldilà di progetti e programmi.

Anche in questo caso una statistica di questo prezioso rapporto aiuta a spiegarmi: tra i ragazzi di 11 e 14 anni che hanno letto almeno un libro il 71,1% ha i genitori che leggono a loro volta. Questo dato, tradotto nel concreto dell’attività didattica, significa che stimolare alle lettura un alunno che viene da una famiglia in cui si legge vuol dire banalmente azzeccare il libro giusto, quando non vi abbia provveduto già il suo ambiente di origine; stimolare un figlio di non lettori significa lavorare sul piano di motivazioni più profonde e introdurre l’idea che la lettura in quanto tale sia un aspetto importante della vita. Si tratta allora di lavorare sul ben vivere, per dirla con Edgar Morin.

Un’ulteriore difficoltà è che mentre per buona parte del Novecento – si pensi a tutta la tradizione di scuole e biblioteche popolari spesso legate a partiti e movimenti di sinistra – in molti giovani provenienti dal mondo contadino e operaio la lettura era vista come legata a un percorso di emancipazione individuale e collettiva, oggi nell’immaginario generale e giovanile essa è un fatto privato.

Non sembra invece esserci in questi dati niente che permetta di parlare di una generazione di nativi digitali dedita allo smartphone e disinteressata ai libri, come spesso si legge o si sente. Infatti non solo i teenager leggono un po’ più della media nazionale, ma l’ampliamento o la decrescita del loro pubblico segue nel corso degli anni le tendenze della popolazione generale: per esempio l’anno record degli ultimi venti per i lettori giovani è stato il 2010, in corrispondenza col dato generale e con valori decisamente più alti di quelli degli anni Novanta, nei quali la diffusione di Internet era sensibilmente più circoscritta, per tacere delle altre novità tecnologiche e social. L’unica differenza è la maggiore propensione dei giovani a scaricare libri in formato digitale: in ogni caso si tratta pur sempre di libri e comunque anche tra i giovani lettori le preferenze vanno al cartaceo. L’insistenza con cui si afferma nel discorso mediatico e segnatamente politico che i giovani si dedichino soltanto alle nuove tecnologie fa pensare più a un obiettivo da realizzare che alla constatazione di un nuovo fenomeno.

È interessante mettere a confronto questi dati sulla lettura con alcuni di quelli del rapporto PIAAC del 2013 (un rapporto OCSE che misura il tasso il tasso di alfabetizzazione linguistica, matematica e tecnologica dei paesi membri), prendendo in considerazione il dato pilota sulle competenze degli adulti. Nel rapporto relativo all’Italia viene notato che le competenze cognitive di base (lettura, calcolo, tecnologia) registrano una caduta a partire dalla fascia di età dei 26-35 anni e, secondo gli estensori del rapporto, è ipotizzabile che tali competenze tendano a diminuire se, finita la scuola, non si attivano processi di apprendimento nuovo, per esempio nel mondo del lavoro. Un altro dato che emerge da questo rapporto sul quale vale la pena di soffermarsi è che solo il 7,9% del campione usa capacità di lettura nel proprio lavoro e addirittura solo il 6,1% quelle di scrittura, mentre quelli che usano tecnologie informatiche sono circa il 60%. Questi dati evidenziano che la lettura è una capacità complessa connessa con poche mansioni direttive o specialistiche, mentre la strumentazione informatica è entrata anche in attività lavorative tradizionali. Da questi dati si può trarre l’immagine di un paese con una struttura economica di tipo prevalentemente tradizionale nella quale l’attività lavorativa non porta stimoli rivolti alla crescita culturale e allo sviluppo delle capacità cognitive, che sembrano incidere negativamente anche sulla pratica della lettura per motivi personali.

È insomma la solita immagine dell’Italia che emerge nella quale la questione della lettura è nel contempo causa e conseguenza di un ritardo storico. In questo ambito si deve parlare, senza per questo volerne tacere le inadeguatezze di proposta didattica, innanzi tutto di una solitudine della scuola come agenzia formativa alla lettura, in un panorama economico-sociale che privilegia alte pratiche e altre forme di comunicazione.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!