semaforoDistrazioni

Shaker Aamer è stato rilasciato e rimpatriato nel Regno Unito a fine ottobre, dopo tredici anni di detenzione da parte delle autorità statunitensi senza incriminazioni. Il rapporto dello psichiatra statunitense che ha valutato Aamer è disponibile online. E cita direttamente alcuni dei suoi resoconti circa quanto gli sarebbe accaduto. Non è una lettura amena. (…) La perizia psichiatrica descrive Aamer che si interrompe a metà intervista, proprio mentre sta rievocando gravi maltrattamenti, e che si distrae cantando a gran voce la canzone degli Eurythmics Sweet dreams (are made of this).

Lucy Maddox, How torture is like a microwave for your mind, Prospect, novembre 2015

Felicità

Le recenti ricerche sulla felicità, che analizzano la vita delle persone nel suo complesso (lavoro, famiglia, attività sociali e altri aspetti), hanno cominciato a rivelare alcuni modelli interessanti. I nuovi dati diffusi dall'Office for National Statistics (ONS) dimostra che gli anziani tendono a essere più felici rispetto ai giovani. Ma guardando i dati ONS in maniera più approfondita emerge un modello ancora più singolare. Tra i 20 anni e il decennio che separa i 40 e i 50, la gente ha un punteggio progressivamente inferiore nella misurazione della felicità. Ma dopo gli anni centrali della vita, tale tendenza si inverte e la felicità media cresce sempre di più, fino a stabilizzarsi quando le persone hanno circa 70 anni.

Peter Warr, Hard Evidence: are age and unhappiness related?, The Conversation, 5 novembre 2015

Ricchezza
Quando Bernie Sanders dal podio avanza dubbi sulla generosità del capitalismo americano, è abbastanza facile immaginare ricconi di Wall Street che fumano grossi sigari e giocano a poker con i vostri sudati (e , diciamocelo, magri) risparmi. Ma nella nostra economia da 18.000 miliardi di dollari non ci sono solo le grandi banche e le capitali del business, vale a dire New York e Los Angeles. Per capire davvero quanto sia assurdamente enorme il nostro movimento finanziario, considerate questo dato: l'economia della zona metropolitana di Atlanta è più grande dell'economia di Israele

Nick Fouriezos, Why some cities make more money than countries, Ozy 7 novembre 2015

 

Il semaforo è a cura di Maria Teresa Carbone

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!