Uno speciale su Umberto Eco e i social network con testi di Alberto Abruzzese Franco Berardi Bifo  Lelio Demichelis *

SU UMBERTO ECO E GLI IMBECILLI
Alberto Abruzzese

Scrivere su FB consente di trovare connessioni che è la stessa rete a offrirti. Distrazioni dal discorso che vai facendo si rovesciano in attenzione: alle tue personali connessioni di pensiero, affidate alla memoria e percezione di sé, alla propria voce interna, se ne intrecciano altre, esterne, dovute al caso ma spesso – per serendipity – più “opportune”.
LEGGI >

CHE COS'È L'ECO DI FACEBOOK?
Franco Berardi Bifo

Cosa abbia detto Umberto Eco non lo so. Un po’ perché ha detto cose diverse, come capita a tutti legittimamente. Un po’ perché qualche giornalista gli ha attribuito frasi che non avrebbe detto, un po’ perché forse ha detto qualcosa così tanto per dire, mentre usciva dall’aula e qualcuno lo inseguiva col taccuino in mano. Un po’ perché poi ha scritto una bustina di minerva in cui smentiva di aver detto quel che forse aveva detto e forse no.
LEGGI >

TECNO-ENTUSIASTI E IMBECILLI
Lelio Demichelis

Lasciatemi divertire con le parole, anche se diversamente da Palazzeschi. E ragionando di Eco e degli imbecilli via rete, lasciatemi partire dal famoso Apocalittici e integrati e lasciatemi ri-formulare quel titolo in altri modi (Eco, spero, mi perdonerà), ma utili al mio discorso.
LEGGI >

Share →

2 Risposte a Umberto Eco e gli imbecilli

  1. sergio falcone scrive:

    Umberto Eco è un imbecille. Come tutti gli intellettuali del Gruppo ’63 e dintorni che hanno abbandonato l’impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!