Pedone su Joyce – Forti su Mohebali – Galimberti su rifiuto del lavoro - Coordinate di Várnai – Semaforo di Carbone

LA TERRA TREMA (A TEHRAN)
Marina Forti

Shadi è la protagonista di Non ti preoccupare, romanzo dell'iraniana Mahsa Mohebali (di recente pubblicato in Italia da Ponte33, nella traduzione dal farsi da Giacomo Longhi). Nata a Tehran nel 1972, Mohebali è laureata in discipline della musica ma ha coltivato la scrittura fin da adolescente, quando frequentava il seminario di un noto scrittore. «Il primo libro l'ho pubblicato a mie spese, avevo 27 anni, e l'ho distribuito agli amici», mi ha detto un pomeriggio di maggio nel caffè di un cinema di Tehran.
LEGGI >

MEDIOEVO FUTURO REMOTO. JOYCE IN MOSTRA A DUBLINO
Fabio Pedone

Nascosta con discrezione dietro la mole grigia della Cattedrale di Saint Patrick, la Marsh’s Library è la prima biblioteca pubblica d’Irlanda, nata nel 1701 per volere dell’arcivescovo Narcissus Marsh, sotto il cui sguardo placido, fermato in un ritratto a olio, ancora oggi il visitatore sale la scala di legno che conduce ai suoi austeri ambienti. Qui, in questa «stagnant bay» isolata nel mezzo della vecchia Dublino, un James Joyce appena ventenne approdò nell’ottobre del 1902 per consultare libri che potessero aiutarlo nell’elaborazione di una sua personale via d’uscita dal cristianesimo.
LEGGI >

SUL RIFIUTO DEL LAVORO
Intervista di Jacopo Galimberti a una lavoratrice e militante tedesca

Un rifiuto del lavoro non può funzionare in un quadro di isolamento. Per poter essere efficace necessita l’organizzazione di quelli che lavorano all’interno di un’azienda.
LEGGI >

COORDINATE DALL'UNGHERIA
Dóra Várnai

Se si esce da Budapest in direzione sud, ci si ritrova sulla punta settentrionale della grande isola di Csepel. Lasciati alle spalle gli ultimi, popolosi quartieri della capitale ungherese e una serie di paesini della cinta urbana assolutamente anonimi, si giunge finalmente in piena campagna magiara. La cittadina di Ráckeve, a circa cinquanta chilometri da Budapest, è il capolinea del trenino proveniente dalla capitale; per spingersi oltre in direzione sud bisogna affidarsi a qualche rara corriera o all'autostop.
LEGGI >

SEMAFORO
Maria Teresa Carbone

#Abitudini e #Multipli
LEGGI >

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!