Massimiliano Borelli

Chissà se finalmente, nel prossimo futuro, tornerà disponibile al lettore italiano di Giorgio Manganelli uno dei suoi libri più affascinanti e meno conosciuti, quel Rumori o voci che dalla prima edizione Rizzoli del 1987 non è mai più stato ristampato. Sarebbe un peccato se così non fosse, perché proprio da lì un neofita manganelliano potrebbe proficuamente iniziare a addentrarsi nel cosmo sulfureo e discenditivo apparso nel 1964 – data dell’esordio hilarotragico – nelle lettere italiane. Quel libro tematizzava infatti un presupposto fondamentale dell’arte manganelliana: l’esistenza della letteratura come mero significante, la sua sostanza di larva sonora drappeggiata su un vuoto nulla. I rumori o le voci che all’inizio del libro rompono il silenzio dando inizio a una fantasmagorica e inesauribile interrogazione rappresentano il tentativo – condotto davvero strenuamente dall’autore – di avvicinarsi, coi propri strumenti, all’arte immateriale dei musicisti, di cui si sentiva profondamente invidioso proprio per la possibilità che essi avevano di maneggiare materiali – le note, i timbri, i silenzi – privi di un preciso e univoco referente semantico.

Manganelli tentò così sempre, e ancor più da vicino in Rumori o voci, di circumnavigare il punto di collasso del significato, il baratro della negazione, l’enigma, ricorrendo a quelle «parole sbriciolate» che, sole, potevano restituire la «nebbia sonora» in cui intendeva sciogliere i significati acquisiti, al fine di annullare «l’onta del significato» e riscattare almeno in parte la profonda invidia per la musica che lo rodeva (si veda al riguardo il preziosissimo recupero delle pirotecniche conversazioni radiofoniche avute con Paolo Terni a Radio Tre nel 1980, ripubblicate a cura di Andrea Cortellessa nella nuova serie di «fuoriformato» per L’orma editore – titolo: Una profonda invidia per la musica. Invenzioni a due voci con Paolo Terni –, accompagnate da un cd da cui ascoltare le formidabili voci dei due interlocutori e una suite di Terni costruita sull’incipit del libro dell’87 per la voce recitante di Marisa Fabbri).

Proprio su Rumori o voci si conclude inoltre l’ampio percorso critico ben tracciato da Filippo Milani (Venezia, 1983) nella sua monografia Giorgio Manganelli. Emblemi della dissimulazione. Il ritmo divagante del periodo ipotetico su cui si impernia il libro offre probabilmente l’esempio più estremo della maniera del secondo Manganelli, quello che agli pseudotrattati manieristici dei primissimi volumi (analizzati da Milani in altri due capitoli) sostituisce (ma in realtà le due fasi formali non sono affatto scollegate tra loro) la perlustrazione di mondi alieni ed enigmatici, dove «all’assenza di un centro tematico corrisponde una proliferazione retorica dei possibili discorsi sull’ipotetica consistenza del vuoto centrale, di cui i luoghi indistinti e privi di confini sono una sorta di correlativo oggettivo figurale». Le iperipotesi e gli indefessi punti di domanda minano il testo e lo fanno esplodere in ogni direzione possibile, dando accesso a un labirinto verbale dove la narrazione «dis-corre» innescando e mantenendo attiva una scivolosa tensione tra parola e silenzio, tra barbaglio ed eclissi del senso.

Ed è proprio tale dialettica tra la frattalica proliferazione dei significati indotta dal lavoro della parola, e l’ineludibile assenza su cui poggia l’edificio retorico della scrittura (dialettica affrontata da Milani un po’ in tutto il suo libro, confrontandosi con lo scaltro uso manganelliano della retorica, l’ambiguo polisenso delle allegorie, le pieghe ossimoriche del barocco), a offrire lo spunto per un altro libro uscito di recente, Giorgio Manganelli. Amore, controfigura del nulla di Giorgio Biferali (Roma, 1988). Qui l’autore ha intrapreso una strada differente, ma parimenti interessante, decidendo di attraversare l’opera manganelliana seguendo una rotta ben precisa, e di conseguenza necessariamente parziale: l’identificazione tra amore e assenza, ovverosia tra amore e negazione, tra amore e morte. Appoggiandosi nella sua indagine su testi di varia natura (le poesie degli anni Cinquanta – cui anche Milani dedica uno dei suoi capitoli –, le lettere private, i testi di Centuria e Agli dèi ulteriori, Amore, Hilarotragoedia, Dall’inferno e Tutti gli errori), Biferali prende Manganelli per la vita, denunciando sin dall’inizio l’arbitrarietà della propria operazione. La scommessa è quella di rintracciare nelle spie autobiografiche dei suoi testi un praticabile vademecum per osservare l’opera del milanese trapiantato a Roma con occhi in qualche maniera nuovi.

E in effetti la raccolta di testimonianze e indizi porta rabdomanticamente a scorgere il profilo di un amore continuamente disilluso, che si nutre della sottrazione, dell’allontanamento del suo oggetto, e di conseguenza di un desiderio inestinto perché impossibile da risolvere. L’angoscia totale che regge i rapporti tra Manganelli e le rappresentanti dell’altro sesso (fidanzate, moglie, madre) sfocia in una negazione assoluta sia dell’oggetto che del soggetto dell’amore, in un «negocentrismo» che si ripiega in un «abbraccio di macerie». Il desiderio sussiste unicamente come perpetua separazione, nell’ossimorico slancio di un’allucinazione in grado di mettere in discussione non solo la realtà di colei verso cui si tende, ma anche la consistenza – l’unicità, sempre internamente scissa – di colui che desidera. L’amore assume pertanto una natura «fantasmatica», e si esplica come tensione all’altrove, all’altro da sé, all’altro che è in sé.

È così che capiamo come anche questo percorso biografico, apparentemente incongruo a leggersi, in un autore tutto votato all’araldico anonimato della retorica, ci permette di scorgere nei movimenti dell’amore una vivace allegoria della menzogna che per Manganelli è il fondamento della letteratura: quell’impasto verbale lubrico e sfuggente che, nel proprio continuo alludere, non concede mai il riposo di un significato acquisito una volta per tutte, ma sempre risuona a suggerire – coi suoi indizi, i suoi rumori e le sue voci – nuove interpretazioni.

Filippo Milani
Giorgio Manganelli. Emblemi della dissimulazione
Pendragon, 2015, 268 pp., € 18

Giorgio Biferali
Giorgio Manganelli. Amore, controfigura del nulla
Artemide, 2014, 110 pp., € 15

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!