Intervista di Jacopo Galimberti a Sandra Lang

Inizia oggi una nuova rubrica a cura di Jacopo Galimberti: una serie di interviste brevi che si interrogano sul «rifiuto del lavoro», nobile strategia di lotta dell'operaio massa, oggi stretta tra servitù e sedizione nell'epoca dell'anima messa al lavoro.

Puoi descrivere in breve il tuo lavoro?

Da alcuni anni il mio tempo si divide tra molteplici tipi o categorie di lavoro: Lavoro pagato e lavoro non pagato. Lavoro immateriale, lavoro affettivo, lavoro artigianale. Lavoro a forma di progetto, a tempo determinato, lavoro “a richiesta”. Da alcuni mesi ho un lavoro con un contratto indeterminato (part-time 4 giorni la settimana) da liutaia-archettaia e che mi permette di abbandonare i prima cumulati jobs occasionali. Lavoro teoricamente a tempo pieno (studio) questo tempo pieno l’ho sempre combinato con lavori part-time per guadagnarmi da mangiare e con delle attività supplementari non pagate. Sono studentessa e operaia contemporaneamente. In più svolgo dei lavori nel settore dell’arte, della produzione di cultura (che però integro in parte nel mio percorso di studi). Considero tutte le mie attività come lavoro, anche se alcune di esse potrebbero andare sotto la categoria „attività libera“ e anche se alcune (molte) di esse non sono remunerate.

Come ti sei avvicinata alla tradizione politica dell'operaismo e/o al Marxismo dell'autonomia degli anni Settanta?

Attraverso i miei studi teorici alla scuola d’arte in Svizzera. Si potrebbe dire da una parte attraverso i libri e scritti, ma forse più importante sono stati e sono ancora gli incontri con certe persone in qualche modo vicine al pensiero dell’operaismo e alle pratiche e sperimentazioni politiche dell’autonomia.

Cosa significa per te oggi "rifiuto del lavoro"?

Non penso che tra oggi è ieri ci sia una enorme differenza di come possa essere inteso. Rifiuto del lavoro significa il rifiuto deciso dello sfruttamento capitalistico delle mie risorse fisico-mentali a livello individuale, ma anche a livello collettivo. Anzi, vedo il rifiuto del lavoro come una rivendicazione estremamente ambiziosa e bella, che si nutre di comportamenti individuali certo, ma che si deve sviluppare realmente su un piano collettivo.

Come cerchi di mettere in pratica questo rifiuto?

Non penso di metterlo realmente in pratica. Nel settore dell’arte ove comunque il più delle volte una/uno non è pagata/o cerco di evitare la collaborazione con persone o istituzioni che penso cerchino solo di approfittare di me, che cercano di distorcere le mie intenzioni o censurare i miei contenuti. Ma ci si casca dentro comunque e non sono affatto certa che questi rifiuti occasionali abbiano qualcosa a che vedere con “il” rifiuto del lavoro. All’interno di ogni rapporto di lavoro una/uno coscientemente o incoscientemente sviluppa delle micropratiche di resistenza allo sfruttamento, ma in realtà nel mio caso penso che essi siano estremamente limitate. Penso che con la sopra descritta combinazione di diversi tipi di attività, come gli svolgo io, si arrivi al contrario abbastanza al massimo di sfruttamento e auto-sfruttamento. Detto questo non voglio sembrare una totale pessimista, passo la mia giornata con delle attività che mi danno molta soddisfazione, sono appassionata delle cose delle quali mi occupo e svolgo del lavoro politico, culturale, artistico che ha molta importanza per me, alcune attività che hanno, ritengo un valore critico. Ma mi dico, forse proprio sul piano del rifiuto del lavoro non ci siamo, cioè io non ci sono di certo.

rifiuto del lavoro (500x392)

 

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!